LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

DEGRADO ROMA Porta Maggiore: un monumento ridotto a discarica
GIAN PIERO MILANETTI
il Giornale 13-LUG-2004



Ruderi ridotti a discarica: assenti le soprintendenze, l'Ama, i vigili e il servizio giardini


Ruderi millenari ridotti a latrine. Celebri tombe circondate da resti di accampamenti di extracomunitari. Strade romane cosparse di immondizie o completamente ricoperte di terriccio. Angoli di marciapiedi devastati, recintati da reti di plastica arancione. Pannelli informativi imbrattati da sgorbi in vernice spray e da adesivi di protesta. Giardinetti usati dai senza tetto come dormitori, ridotti a pantani dagli impianti di irrigazione difettosi.
Porta Maggiore, uno dei pi celebri ingressi monumentali della Roma antica, soffoca nel degrado. Soprintendenze archeologiche. servizio giardini, Ama, vigili urbani, restano inermi di fronte al deterioramento di un patrimonio culturale che non soltanto della Capitale, ma dell'umanit intera.
Incuria e trascuratezza attaccano il cuore stesso della porta, il famoso sepolcro di Eurisace, posto tra i due archi principali. Il fossato che circonda la monumentale tomba ancora ingombro da rifiuti: cenci, tavole e bottiglie, giornali, resti dell'accampamento di extracomunitari rimasto per mesi addossato al monumento.
Proprio davanti al sepolcro, su piazzale Labicano, a lato della fermata del tram, un tratto di via romana (qui ne confluivano due: la Labicana e la Prenestina), a livello inferiore del piano stradale, ridotta a una sorta di cassonetto scoperchialo: cartacce, bottiglie di plastica,
Alcune immagini di degrado a piazza Maggiore: sporcizia, calcinacci, recinzioni, scritte che sconciano una delle piazze pi trafficate del centro di Roma
pacchetti di sigarette, ricche, rendono invisibili i tipici basoli della pavimentazione. Procedendo in dirczione nord, verso viale scalo san Lorenzo, l'erba dei giardinetti quasi tutta secca per la siccit. Le bocchette dell'impianto di irrigazione sono tutte asciutte, tranne un paio, da cui fiotta l'acqua che alimenta due piccoli pantani, tra i quali si stendono logori giacigli di cartone.
Al di l delle mura, c' il tumulo di una tomba sostenuto da una staccionata. Ai piedi del sepolcro, una giacca e altri cenci stratificati. Tra il tumulo e le mura, siringhe abbandonate da eroinomani. A pochi passi dall'arco monumentale nord, ecco, tra i ruderi in laterizio, una miserabile cuccia per gatti, fatta di pezzi di elettrodomestici e pannelli. Al di l dei binari della Roma-Pantano, due piccoli recinti di plastica arancione racchiudono angoli di piazza che sembrano essere stati colpiti da un bombardamento chirurgico. Pali metallici a terra,
tombini fuori sede, asfalto in pezzi, frammenti di cemento, inframmezzati da buste di rifiuti. Tra i due recinti, una vecchia cabina semaforica ferroviaria tutta imbrattata di vernice rosa e blu.
un crescendo di degrado: ad alcuni metri in dirEzione di via di Porta Maggiore, il bagno pubblico interrato aperto ma proprio nella nicchia d'ingresso dell'ascensore ci sono escrementi e ovatta sporca. Il vecchio telefono del parcheggio-taxi scardinato. Restano solo i fili penzolanti. Proprio al centro di piazza di Porta Maggiore, in corrispondenza dei due archi centrali, l'unico pannello informativo illeggibile, ricoperto com' da vernice spray e adesivi dei pacifisti (come si ricorder, piazza Maggiore doveva essere uno dei posti di blocco del movimento per impedire l'eventuale passaggio di Bu-sh, lo scorso 4 giugno). Pochi metri a sud, in dirEzione di via Eleniana, una spianata di terriccio con qualche filo d'erba e tante bottiglie di birra, lattine, fazzolettini e cartacce, ricopre un tratto di strada romana perfettamente conservata, prima visibile e transennata, ma perennemente ricoperta dalle erbacce e dalle immondizie e ultimamente anche dalle stesse transenne, piegate e sradicate da un'auto impazzita, e mai riparate.
Appena a lato, appoggiato a un lampione, la carcassa di un motorino senza targa e un palo arrugginito con una tabella ormai illeggibile.
Verso via Eleniana sotto due alberelli legata una carrozzina di un barbone, stracarica di masserizie. Subito dietro, c' l'angolo pi degradato della porta. Una nicchia che emerge dal terreno chiusa con un pannello di multistrato strappato a un mobile economico. Dietro, ciotole per i gatti. Addossato alle mura e nascosto da rampicanti, un anfratto ridotto a una lurida latrina: escrementi tra pannelli di compensato, bottiglie di birra vuote, una vecchia batteria. A pochi metri, in direzione degli archi centrali, nella strettoia tra due muri, in piena vista, c' una piccola discarica: cenci, vecchi giornali, bottiglie di plastica.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news