LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Impronte di storia in planimetria
Maurizio Giufr
Il Manifesto, 14/07/2004

Il giardino dei passi perduti, un'installazione di Peter Einsenman al Museo di Castelvecchio. Un dialogo intrecciato con Carlo Scarpa e la storia del luogo e insieme un'antologia dei progetti dell'architetto americano

Con Il giardino dei passi perduti dell'architetto americano Peter Eisenman (Newark, New Jersey, 1932) nel cortile del Museo di Castelvecchio di Verona si preannunciano gi i temi e gli argomenti che tra pochi mesi saranno oggetto di dibattito alla Biennale Architettura di Kurt Forster e nella mostra genovese Arte e Architettura di Germano Celant. Alla prova con il testo poetico di Carlo Scarpa - autore nel 1956 del recupero e dell'allestimento museografico di Castelvecchio - Eisenman ripropone da un lato la complessa metamorfosi (Metamorph anche il titolo dell'esposizione in laguna) dei linguaggi dell'architettura contemporanea, dall'altro il pi aggiornato esercizio speculativo intorno alla logica disciplinare a confronto con le pratiche e le invenzioni dell'arte.

Coerente con il suo progressivo allontanamento dalla cultura semiotica, che cos intensamente contraddistinse la sua ricerca negli anni settanta, Eisenman a Verona rinuncia a ogni rappresentazione del suo lavoro che poteva risolversi in una tradizionale mostra di plastici e disegni, decidendo invece di mettere in scena un'architettura reale che si configura in un'opera didascalica all'esterno del giardino e in un'opera frammentaria all'interno del museo.

Interessato com' alla ricerca di una cultura dell'emozione tattile, plastica e mobile Eisenman, in questi ultimi anni, esplora l'atteggiamento che le persone hanno verso le idee architettoniche e come esse reagiscono in spazi decomposti dove si azzera ogni poetica o tendenza. Sono ormai distanti, infatti, gli anni della sua investigazione sul rapporto forma/significato segnata dall'uso dei modelli linguistici (Chomsky), filosofici (Foucault, Derrida) e matematici (Thom) che diedero vita alle postfunzionaliste Cardboard House. Ma il rischio di perdersi in profondit linguistiche senza fondo al limite del silenzio (Ciucci) non del tutto scongiurato se non si ben disposti a immergersi nella logica formale di Eisenman.

Nel capoluogo scaligero l'architetto americano interviene su tutta la superficie esterna di Castelvecchio. Il primo atto la disposizione esterna, su un asse longitudinale alle cinque sale scarpiane interne, di cinque lastre scavate tra terrapieni ondulati di prato; queste vengono in seguito spezzate e ruotate secondo un asse diagonale dal quale emergono dei profili industriali in acciaio di colore rosso a formare una griglia cartesiana che sembra, come gli altri elementi artificiali scelti, sempre preesistita al luogo. All'interno delle sale ritroviamo quei profili di acciaio come tracce e frammenti interstiziali che appaiono tra le mura e i pavimenti di Scarpa ed come se la forza che li ha sprigionati dal sottosuolo si fosse arrestata davanti alle antiche sculture in pietra e in legno del museo.

Eisenman un architetto di straordinaria complessit e ogni sua opera possiede molteplici significati, spesso di carattere filosofico e letterario. Il giardino dei passi perduti come qualsiasi sua altra architettura bisognosa di note a pi pagina e di essere commentata: tendenzialmente critica anche se rifugge da ogni realismo. Il titolo rimanda alle salles des pas perdus nelle quali i nobili francesi del XVII secolo attendevano di essere ricevuti dalle autorit statali o ecclesiastiche ma l'idea di fondo di evocare simultaneamente i frammenti del passato (diacroniche) al cospetto del palinsesto delle altre architetture eisenmaniane che l'hanno preceduta (sincroniche).
Ecco, quindi, la rievocazione del calpestio dell'acciottolato del giardino di Scarpa che per analogia somiglia alla proustiana via dei Guermantes, ove il suono dei passi ricorda allo scrittore il pavimento in pietra della chiesa di San Marco a Venezia.
Qui, per, la ricerca del tempo ritrovato si confonde e convive con il tragico del presente sotto le sembianze di sequenza di vuoti (urbani) o rotture della continuit (storica).

A Verona la riflessione eisenmaniana rivive nelle modalit viste sia a Venezia, nell'area di Cannaregio (1980), dove le impronte e buche sul terreno sono spazi potenziali per case da costruire e ricettacoli per future tombe, sia a Berlino, nel complesso di edilizia popolare dell'Iba (1983), dove il locus di un vuoto storico si mostra nel frammento di quadrati formati di parti di muri sovrapposti e in pianta ruotati, memoria della storia interrotta della citt ed emblema della crisi stessa dell'architettura.

Nel giardino di Castelvecchio ritroviamo ancora il disincanto del Wexner Center di Columbus (1989) e del recente progetto per il Muse du Quai Branly a Parigi (2000) con i quali Eisenman supera ogni simbolismo e volont di rappresentazione per una strategia decompositiva che implode l'architettura suscitando un'esperienza visiva e mentale che si muove tutta nel mondo del sensibile. Assecondando cos le teorie di Derrida e Baudrillard, Eisenman attua un processo di svuotamento della materia che nel catalogo della mostra (Marsilio) illustrato dal progetto per la Citt della Cultura della Galizia a Santiago di Compostela (1999) ma che trova nel Monumento all'Olocausto a Berlino (1998) di sicuro una ancor pi chiara e compiuta enunciazione.

In tutte le architetture citate l'elemento che le unifica e che a Castelvecchio generatore dell'idea progettuale quello dello scavo archeologico. L'architettura e la topografia in Eisenman si fondono per dare origine a figure (gli edifici) che incise nel terreno superano la tradizionale condizione che nella citt queste possiedono nel loro rapporto con lo sfondo (urbano). A Santiago come a Berlino, a Venezia come a Verona dal tracciato superficiale - deformato da escavazioni, modificato da terrapieni, ricomposto artificialmente - che affiorano i residui poetici che costituiscono le tracce stratificate nel tempo che Eisenman cassa o evidenzia secondo l'antica pratica medievale di riscrivere sulle pergamene cancellando le scritture precedenti.

Nel 1985 Eisenman, invitato alla terza Biennale di Architettura di Venezia, presenta il progetto Moving Arrows, Eros and Other Errors: Romeo and Juliet; quattro anni prima aveva rifiutato, su consiglio di Manfredo Tafuri, di partecipare alla manifestazione veneziana rimanendo fuori dalla reclame postmoderna di Portoghesi rappresentata dall'invenzione all'Arsenale della Strada Novissima. Romeo e Giulietta il suo primo progetto pensato per Verona - un errore essersene dimenticati in questa occasione - e affronta con chiarezza il tema dello scavo e il concetto di implosione che ne deriva.

Romeo e Giulietta una metafora architettonica che relativizza i significati della storia facendo coincidere valori architettonici, letterari-simbolici e realt, rendendoli intercambiabili. Attraverso la storia dei due celebri amanti il discorso architettonico diviene la struttura formale di una narrazione che possiede autonome leggi interne analogamente alle tre versioni letterarie (Da Porto, Bandello, Shakespeare). Entrambi i discorsi si identificano con i segni urbani veronesi: le fortificazioni e i castelli, la maglia ortogonale romana, il percorso curvilineo dell'Adige. Eisenman prova a disseppellire le storie dei luoghi scoprendo geometrie abbandonate, perdute o soltanto immaginate (Saggio) e cos facendo propone un suo personalissimo concetto di luogo che non si fonda n su considerazioni mimetiche (Krier) n analogiche (Rossi) bens concettuali. Circa vent'anni dopo a Verona egli realizza uno sterro archeologico dal quale riesuma reticoli e tracciati che compongono griglie complesse e stratificate, attraverso i quali narra la sua storia frammentaria e tendenziosa: un racconto che ieri si distingueva da ogni revival stilistico classicista e oggi, dalle parodie formali del moderno.

Solo Berlino pu competere con Verona per la reiterata attenzione con la quale Eisenman ha interloquito con la loro storia. Nel berlinese Monumento all'Olocausto - una griglia scandita da quattromila pilastri in cemento - afferma la stessa poetica del Giardino dei passi perduti. Ognuna delle opere non ha un inizio o una fine, non conduce n fuori n dentro ma soprattutto in entrambi i progetti Eisenman divide per sempre la nostalgia dalla memoria. Quest'ultima, come l'architetto americano dichiara, viva, attiva nel presente e non nutre alcuna nostalgia per il ricordo del passato. E' cos che la radicale alterit dell'architettura eseinmaniana si dimostra critica della storia e della citt contemporanea: una lezione che merita di essere ascoltata con attenzione.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news