LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Non far sapere quanto verde serve
Antonio Noto
TERRA NEWS 1 FEBBRAIO 2010

L’ ambiente non ha la spazio che merita. Nell’agenda della politica ma anche in quella dei media, dove un’attenzione distratta ed episodica assegna all’argomento margini di trattazione asfittici e codificati: l’acuto delle emergenze, accanto a poche altre occasioni rituali, quasi espiatorie, di visibilità. Anche trascurando l’oggettiva serietà e concretezza delle questioni in discussione - che da sole imporrebbero una diversa focalizzazione dei problemi - va registrata l’esistenza di una ragione ulteriore a sostegno dell’approfondimento delle tematiche ambientali: l’esistenza di una significativa e articolata domanda di informazioni da parte dei cittadini. Quella dell’ambiente, nelle sue numerose declinazioni, è una materia che agli italiani interessa. Scorrendo le indagini condotte dal nostro istituto negli ultimi mesi, appare chiaro come vi sia un diffuso desiderio di conoscenza e una richiesta di approfondimento che non trova riscontro nell’offerta informativa a disposizione del grande pubblico. Si tratta di una domanda rilevante, tanto per la sua consistenza quantitativa che per la stabilità e continuità della presenza.
Oggi, come sei mesi fa, più di 6 italiani su 10, senza distinzioni di appartenenza politica, lamentano lo scarsa attenzione riservata da televisione e giornali alle tematiche “verdi”. Questa richiesta di informazioni si accompagna a una percezione piuttosto chiara della posta in gioco, e non in termini puramente concettuali. I cittadini sono sempre più preoccupati delle ricadute immediate di politiche che trascurino, o peggio, rechino danno all’ambiente e al patrimonio naturale del nostro Paese. La denuncia dei Verdi sull’emergenza smog e sulle sue implicazioni, anche di carattere sanitario, trova ad esempio concordi 7 italiani su 10. La quota di chi valuta come eccessivamente allarmistiche le critiche invece si riduce in misura progressiva, fino a toccare in questi giorni la soglia di 2 intervistati su 10. Accanto alla valutazione negativa del sistema dei media, gli italiani esprimono una chiara insoddisfazione verso le soluzioni proposte dall’attuale panorama dei partiti. è particolarmente diffusa la sensazione di un generale scadimento delle tematiche verdi a semplice elemento di contorno, di “abbellimento” dell’offerta politica generale. Dalle indagini emerge un corpo di istanze, figure e sensibilità in cerca di rappresentanza e, anche tra chi non metterebbe a disposizione il proprio voto, è pacifica la convinzione che solo un movimento autenticamente verde ed ecologista possa farsene interprete. Un elemento significativo di questa tendenza è la sua correlazione con il dato anagrafico. Chi si dimostra più sensibile ai temi ambientali è sempre più spesso giovane, appartenente alla fascia di età che va dai 18 ai 34 anni, evidentemente più attrezzato anche a livello cognitivo per ricavare da canali alternativi a quelli tradizionali le informazioni che cerca. In questo circuito virtuoso, che in qualche modo si autoalimenta, è forse possibile scorgere motivi di ottimismo per il futuro: è lecito cioè immaginare che dalle generazioni più giovani emerga una maggiore sensibilità verso questi argomenti. Resta tuttavia intatto il problema dell’oggi, delle scarse occasioni di informazione offerte a chi, poco incline all’utilizzo dei nuovi media, deve quotidianamente confrontarsi con l’opacità opposta dai canali tradizionali. Nei prossimi mesi sarà su questo terreno, sulla risposta a queste attese, che il movimento misurerà il successo della propria iniziativa

DIRETTORE IPR MARKETING



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news