LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gli etruschi patrimonio dellumanit - Le necropoli di Tarquinia e Cerveteri e la Val dOrcia nellelenco dellUnesco
Danilo Maestosi
Il Messaggero

Salgono a trentanove i siti del Bel Paese da proteggere. E lItalia diventa la nazione al mondo che ne ha di pi


ROMA - Festa doppia nelle sale del Ministero dei Beni culturali in via del Collegio Romano. Per annunciare lingresso di due nuovi siti italiani nel prestigioso elenco Unesco dei tesori del mondo da proteggere: le necropoli di Tarquinia e Cerveteri e le colline senesi della Val dOrcia punteggiate di monumenti e architetture medievali e rinascimentali. E per celebrare uno storico sorpasso, perch con questaggiunta lItalia supera la Spagna e diventa la nazione pi rappresentata nella mappa dellUnesco che ingloba oltre settecento aree da proteggere, sparse nei cinque continenti. Una lista record di 39 segnalazioni, che si aperta nel 1979 con i gioielli darte rupestre della Valcamonica per poi includere monumenti e meraviglie naturali di ogni tipo: dai trulli di Alberobello alle insenature della costiera Amalfitana, dal paesino industriale di Crespi dAdda ai centri storici di Roma, Firenze, Venezia, Ferrara, Verona, Napoli, Siena, dalle rovine greche e romane di Agrigento e Pompei al villaggio nuragico di Barumini, dai Sassi di Matera alle architettura barocche della Val di Noto, dal maniero di Castel del Monte alla reggia borbonica di Caserta e alle residenze di casa Savoia. E che dovrebbe ulteriormente arricchirsi in futuro, perch il Ministero ha gi raccolto e sta istruendo unaltra quarantina di candidature che hanno alte probabilit di superare lesame dammissione ed entrare nel libro doro. E di riuscirci pi in fretta di prima, perch il sottosegretrio ai beni Culturali Nicola Bono, coordinatore delloperazione Unesco, sta premendo per allargare la cruna dellago, che riserva a ogni paese non pi di un nuovo ingresso allanno.
Questanno la quota raddoppiata. Anche se il caso della Val dOrcia va considerato come un ampliamento, perch estende ad altri quattro comuni del comprensorio il privilegio gi concesso a Pienza. E invece una novit assoluta lapprodo al traguardo delle due necropoli laziali di Tarquinia e Cerveteri: ottiene il riconoscimento per la prima volta anche la raffinata civilt degli etruschi.
Comprensibile lesultanza di Anna Maria Moretti, soprintendente per lEtruria meridionale, che proprio in questi giorni ha messo a segno due colpi di grosso richiamo: il restauro dellApollo di Veio, capolavoro sommo della scultura etrusca, e la mostra degli affreschi della tomba Francois nel museo di Vulci. La speranza che in futuro la corona dellUnesco porti pi fondi e pi attenzione per valorizzare e difendere il patrimonio affidato alla sua custodia.
Speranza che il sottosegratario Bono sta cercando di ancorare ad appigli pi concreti di decollo economico e turistico. Promuovendo per ogni luogo gi entrato in elenco o che bussa per entrarci un adeguato piano di gestione, che garantisca risorse e programmi adeguati. Un modello collaudato per la prima volta a Noto nel 2002 che sar esteso entro lanno a tutti i 39 siti. Quello messo a punto per le necropoli etrusche ha gi delineato i primi obiettivi. A Cerveteri il Comune ha messo a disposizione un antico palazzo che stava ristrutturando per ospitare un centro per laccoglienza dei visitatori. E sta per attivare un trenino che consentir ai turisti di attraversare e ammirare le vaste e impervie zone delle necropoli escluse dallattuale recinto di visita. A Tarquinia il municipio ha deciso di riconvertire un fabbricone in disarmo per farne unanticamera di raccordo tra il paese e larea delle tombe, pi distante dallabitato.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news