LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - La soprintendenza dà l'ok, parte il recupero dell'ospedale San Paolo
Elena Romanato
02/02/2010 IL SECOLO XIX



savona. Questa mattina approvazione della convenzione relativa al recupero dell'ex ospedale San Paolo in giunta comunale. Domani la conferenza dei servizi in sede deliberante che darà il via all'apertura dei cantieri.
La ristrutturazione dell'ex ospedale, che si trova in stato di abbandono dal 1990, è finalmente in dirittura d'arrivo dopo anni conditi da polemiche, rinvii, intoppi burocratici e minacce di ricorsi al Tar. I lavori di recupero dello stabile di corso Italia, su un progetto elaborato dall'architetto Ricardo Bofill, partiranno entro aprile. Costo dell'operazione tra i 20 e i 25 milioni di euro. Le parti coinvolte nel progetto hanno quindi trovato un accordo che armonizza le esigenze di pubblico, privato e Soprintendenza dopo i vincoli imposti su alcune parti dell'immobile.

Decolla il recupero dell'ex ospedale San Paolo
il progetto di riqualificazione oggi in giunta e domani in conferenza dei servizi
«Sono soddisfatto del risultato - dice l'assessore Livio Di Tullio - ma per scaramanzia incrocio le dita fino al via dei lavori».

«Dopo aver messo a posto i giardini bunker e la piscina di corso Colombo anche il progetto dell'ex San Paolo va in porto - dice con soddisfazione l'assessore all'urbanistica Livio Di Tullio - ora ci rimane solo da risolvere il problema del Sacro Cuore. Sono soddisfatto del risultato raggiunto che porterà alla ristrutturazione del vecchio ospedale, ma per scaramanzia incrocio le dita fino alla partenza dei lavori».
In base al progetto di riqualificazione dell'edificio a piano terra resteranno gli spazi destinati ad uso commerciale mentre l'accesso privato delle auto sarà da corso Italia.
Per motivi logistici e di sicurezza è stata esclusa l'ipotesi di realizzare l'accesso ai garage da via Giacchero, risultata troppo stretta e da piazza Giulio II escluso per problemi di esondabilità dell'area. Ancora da definire invece la destinazione dei 2000 metri quadrati di spettanza del Comune (in commutazione del credito di 3 milioni 600 mila euro che Palazzo Sisto vantava con l'Asl) che verranno probabilmente destinati ad uffici.
A carico dei privati della Società San Paolo Spa ( Bagnasco, Dellepiane, Ferrero e Barbano) sarà la risistemazione dei marciapiedi di corso Italia, via Giacchero, piazza Giulio II e corso Mazzini. Dei 500mila euro previsti come "spesa accessoria in sede di gara", 160mila andranno all'amministrazione comunale che li destinerà ad opere pubbliche in altre parti della città.
Tra i punti critici posti dalla Soprintendenza nelle osservazioni al progetto presentate lo scorso agosto i busti in marmo e le statue per le quali è previsto il recupero. Lo scalone e la cappella ritenuti di rilevanza storico artistica verranno mantenuti.
Tra le altre prescrizioni poste dalla Soprintendenza ci sono inoltre il monitoraggio costante degli scavi, considerato necessario per il rischio archeologico legato al vincolo dell'edificio, e di altri interventi come canalizzazioni e camini, canalizzazioni per lo smaltimento delle acque, vano ascensore in particolare quello prossimo all'antica cappella.
A vent'anni esatti dalla chiusura del vecchio ospedale e dal trasferimento nella più moderna sede di Valloria il caso San Paolo sembra vicino alla chiusura dopo l'ennesimo colpo di scena di un anno e mezzo fa quando era emersa una lettera della Soprintendenza "dispersa" negli archivi dell'Asl ha messo in discussione l'intero progetto. Nnella lettera l'ente vincolava a servizi pubblici il pianterreno e il primo piano dell'edificio che nel progetto erano destinati ad uso commerciale ed uffici.
Dopo una serie di incontri "diplomatici" tra Soprintendenza , Asl e Comune, con relativa minaccia di battaglie giudiziarie, l'ostacolo che sembrava compromettere e rinviare a tempo indefinito l'avvio dei lavori è stato superato ed il progetto a ripreso il suo iter che oggi sembra finalmente giunto al termine.
elena romanato



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news