LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Acquedotto Carolino, passaggio di consegne tra Demanio e Soprintendenza
Lunedì 1 Febbraio 2010 Caserta



- Lunedì 1 febbraio, negli uffici di Palazzo Reale, sarà stipulato l'atto formale di consegna dell'Acquedotto Carolino tra l'Agenzia del Demanio – filiale Campania – e la Soprintendenza di Caserta e Benevento.
Per il raggiungimento di tale obiettivo la Soprintendenza ha attivato una serie di contatti con le Province di Caserta e Benevento e con i Comuni attraversati dal condotto, per la creazione di una struttura giuridica che gestirà l'intera opera.
L'organismo avrà sede presso la Soprintendenza e coordinerà gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria occupandosi inoltre di predisporre atti e progetti per il restauro completo del tracciato storico dell'acquedotto e per il recupero e la riqualificazione del paesaggio.
L'Acquedotto Carolino costituisce una grande opera di ingegneria idraulica e sicuramente una delle più importanti realizzazioni del regno di Carlo di Borbone.
L'arch. Luigi Vanvitelli, incaricato del progetto, preoccupato di assicurare l'indispensabile approvvigionamento idrico per la Reggia di Caserta, le fontane che avrebbero animato le reali delizie e la nuova città che sarebbe sorta intorno alla residenza reale, effettuò lunghe e laboriose ricerche per individuare le fonti sufficienti ad assicurare un' abbondante e continua portata.
Alle falde del Taburno, a mt. 254 slm, furono ritrovate ben dieci sorgenti nel territorio denominato Fizzo, appartenente al principe della Riccia, che ne fece dono al Re.
Vanvitelli presentò al sovrano diverse soluzioni per la realizzazione del percorso che si presentava non facile per la natura del terreno e la lunghezza (26 miglia, corrispondenti a Km 38,480).
I lavori iniziarono nel 1753 e furono completati nel 1764. Il condotto fu realizzato del tutto interrato (largo 1,20 m e alto 1,30), tranne la parte che passa sui ponti, ed è segnalato da 67 torrini ad uso sfiatatoi e per l'ispezione.
Nei primi giorni del 1764 il condotto fu immesso nel monte Briano lasciando sgorgare l'acqua nello stesso punto che Vanvitelli aveva individuato 12 anni prima.
L'acquedotto, completamente ultimato nel 1770 aveva comportato la spesa complessiva di 622.424 ducati.
Le acque caroline oltre a soddisfare i bisogni dei giardini e degli abitanti e azionare le filande di San Leucio e i mulini posti lungo il perimetro del Parco, dissetavano anche i Sovrani.
La limpidezza e la purezza delle acque era infatti salvaguardata dall'accuratezza con cui era costruita l'opera.
Dalla Reggia l'acqua proseguiva poi verso San Benedetto dove, dopo aver alimentato i mulini, si immetteva nell'acquedotto seicentesco del Carmignano, raggiungendo Napoli, mentre un ulteriore ramo giungeva fino alla Reale tenuta di Carditello.
Nel 1997 l'UNESCO riconoscendo il grande valore architettonico e paesaggistico del complesso, inserì nell'elenco del Patrimonio Mondiale dell'Umanità il sito denominato "Il Palazzo Reale di Caserta del XVIII sec. con il Parco, l'Acquedotto del Vanvitelli e il complesso di San Leucio.
Nonostante il degrado dovuto a carenza di manutenzione e a modifiche colturali delle aree adiacenti, l'opera può trovare l'attuale ragione di rivitalizzazione come infrastruttura di servizio agli abitati, ma anche come fattore di catalizzazione dei flussi turistici in visita alla Reggia, per condurli ad esplorare e conoscere le aree montuose interne ricche di monumenti e tradizioni culturali.
Riconoscendo che l'opera ancora svolge la propria funzione originaria e che essa deve conservare la sua unitarietà fisica e culturale, l'Agenzia del Demanio filiale di Napoli ha deciso di consegnarla alla Soprintendenza casertana che già gestisce la Reggia e il Parco e che si è impegnata a garantirne la conservazione in accordo con le amministrazioni locali competenti.
Soddisfatta per il raggiungimento dell'accordo il Soprintendente Paola Raffaella David che, ringraziando tutti i soggetti che hanno favorito la stipula dell'atto (Agenzia del Demanio, le Province di Caserta e Benevento, i Comuni interessati, la Facoltà di Ingegneria della S.U.N. e l'associazione Italia Nostra) conferma l'impegno della Soprintendenza per la tutela e valorizzazione di questa straordinaria testimonianza artistica e perché sia riaffermato e potenziato il ruolo storico culturale che essa riveste per le comunità locali.

http://www.casertanews.it/public/articoli/201002/art_20100201054641.htm


news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news