LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - Braccio di ferro sull'ex manicomio
02/02/2010 IL SECOLO XIX


in ballo c'è il destino delle aree dell'ex ospedale di quarto
Tursi : «Deve ospitare attività produttive». Fintecna: «Senza case non tornano i conti»

DA LUOGO che Franco Basaglia definì«costruito per il completo annientamento dell'individualità» a residenze di lusso. Per Fintecna Immobiliare è questo l'unico modo per rientrare dell'ingente investimento per accaparrarsi, quasi due anni fa, i beni dell'Asl messi in vendita dalla Regione. Beni che comprendono anche l'ex manicomio di Quarto, assieme all'altro centro per disabili psichici di Pratozonanino il pezzo più pregiato dell'intero pacchetto. Ma il Comune di Genova la pensa diversamente: Urban Lab sta preparando la bozza di una delibera che sarà direttamente il sindaco Marta Vincenzi (delega all'urbanistica) a portare all'approvazione della giunta. Dentro non si parla di mutare la destinazione d'uso dei 24 mila metri quadrati di Quarto da "servizi" a "residenziale", come vorrebbe Fintecna, bensì di aprire alla sola possibilità di insediare tra via Maggio e via Redipuglia esclusivamente "attività produttive", vale a dire piccole aziende, uffici e al massimo strutture ricettive.
«Gli edifici in oggetto sono vincolati, impossibile pensare di insediare lì realtà produttive - spiega un dirigente di Fintecna - L'acquisto del bene era stato spinto da altre prospettive». Ma l'architetto Pier Paolo Tomiolo, direttore dell'urbanistica comunale ribadisce: «Stiamo lavorando alla sola funzione di attività produttive. Che potrà comunque aprire allo sbarco di piccole attività industriali e a strutture alberghiere». Intanto si sbloccano i progetti per l'ex clinica San Giorgio, ad Albaro, e per gli ex uffici Asl di corso Gastaldi.
Quattordici marzo 2008. Venticinque rilanci, gara vera. Alla fine il colosso parastatale Fintecna vince l'asta decisiva sul "locale" Vittorio Malacalza, rilancio definitivo 203 milioni di euro. Fintecna si porta a casa per una cifra che più tardi verrà definita irrisoria (ma il calo del mercato e le difficoltà sui cespiti più importanti parrebbe aver ridotto drasticamente il business) 300 "pezzi" tra terreni e palazzi sparsi per la regione. Tre mesi dopo un notaio celebra la fine della trattativa, col saldo dei 203 milioni di euro da parte di Fintecna Immobiliare e il trasferimento ufficiale degli immobili della cartolarizzazione a Valcomp 2, società interamente controllata da Fintecna Immobiliare. Dopo i primi contatti col Comune, Fintecna manifesta l'interesse a sbloccare la situazione e ad avviare il recupero dei beni.
La filosofia è quella di svendere gli immobili piccoli e di riqualificare in prima persona - o comunque di vendere solo a varianti al piano regolatore ottenute - gli edifici più interessanti. Un fabbricato (ormai in sfacelo) del XVIII secolo in salita ai Bastioni 2 (sopra a San Bartolomeo del Fossato) è l'oggetto più imponente messo sul mercato tra le "minutaglie", ma Fintecna cerca acquirenti anche per otto appartamenti in via Casaregis, cinque in via Calcapere, uno in via Da Persico e uno in via Fereggiano (in vendita anche un negozio in via Armenia e un fondo in via Crimea). Diverso, profondamente diverso, è il discorso per l'ex manicomio di Quarto. «Attendiamo il progetto unitario che in base a un accordo dell'anno scorso Fintecna dovrà presentarci - spiega l'architetto Tomiolo - nell'edificio che avrebbe dovuto ospitare gli scienziati dell'Iit potrà trovare spazio un polo produttivo specializzato in nuove tecnologie oppure potranno trovar casa qui piccole strutture ricettive. La funzione residenziale era stata fin dall'inizio da noi esclusa, fatto salvo per le due piccole palazzine su via Maggio già in origine destinate ad alloggio per i medici». Niente case ad eccezione delle minuscole palazzine all'ingresso, dunque. Ma Fintecna non ci sta. «In quella zona non c'è accessibilità veicolare sufficiente, non abbiamo mai pensato di poter utilizzare quel bene per attività produttive - dicono dal braccio immobiliare del colosso industriale - noi abbiamo l'obbligo di realizzare su quel complesso un'operazione in grado di reggere. Così come si è impostata, non potremo farne praticamente nulla». Lo scontro tra Comune e nuovi proprietari di ex cliniche e ambulatori sembra imminente. Vicina allo sblocco, invece, la partita per trasformare in appartamenti l'ex clinica San Giorgio ad Albaro: il contenzioso con gli antichi proprietari di questa villa si è risolto con un accordo economico. Al posto degli uffici di corso Gastaldi, invece, inizieranno i lavori per creare nuovi appartamenti solo quando la società ckomunale Tono 2 e Fintecna chiuderanno sulla vendita, dai primi ai secondi, di una vicina proprietà utile a ricavare gli spazi per i parcheggi pertinenziali necessari.
daniele grillo



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news