LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GARDA. Il Comune rende l’ex cinema e spunta un piano di recupero
Giovedì 04 Febbraio 2010 L'ARENA




L’edificio in stato di degrado e attualmente adibito a magazzino è parte dei ricordi di parecchie generazioni



Il complesso torna alla Curia che dovrà ora deciderne la sorte L’area è prevista a vocazione residenziale e commerciale

La Curia torna ad avere la piena disponibilità dell’ex cinema parrocchiale, una delle tante sale cinematografiche che un tempo ogni paese offriva ai propri cittadini e che negli anni Settanta e Ottanta fecero la storia di intere generazioni di giovani. E ora il futuro della struttura prevede un piano di recupero, che include anche una possibile vendita dell’intera area.
Quel cinema, dove gli adolescenti si scambiavano i primi baci, è chiuso da anni, con l’edificio decadente trasformato in magazzino. Al suo interno oggi si trova il ricovero della collezione dei pezzi destinati al museo del lago di Garda, che la prossima settimana verranno trasferiti nella sede del palazzetto delle esposizioni nel cortile del municipio, dove si sta allestendo il museo.
La deliberazione emessa in dicembre dalla giunta municipale, apre così la strada alla Curia per la vendita dell’ex cinema, situato alla fine di via San Francesco, che si affaccia su piazza del municipio.
Sull’area dove si trova l’immobile, da anni il Comune, grazie a una convenzione-usufrutto con la parrocchia, utilizzava sia l’ex cinema come magazzino, che il parcheggio del cortile, per la sosta con permessi delle auto dei commercianti-esercenti del centro storico. La giunta quindi ha deliberato: «la risoluzione consensuale della convenzione», che portava la data di scadenza del 31 marzo 2016, e per cui con rogito, il Comune aveva versato alla parrocchia, a titolo di diritto reale di usufrutto, la somma di 250 mila euro.
«Viste le seguenti note della parrocchia, giunte il 22 giugno 2009, con cui si fa presente la volontà della parrocchia su indicazione e intesa con la Curia Vescovile di Verona, di promuovere il recupero urbanistico ed edilizio dell’area ex cinema con i sovrastanti fabbricati, della superficie di 1.655 metri quadrati». «E in considerazione dei rapporti con il Comune», continua la delibera, «e le opzioni già fatte dallo stesso, si conferma l’intenzione di proporre una soluzione che sia rispettosa della vigente normativa, ma che prefiguri un assetto complessivo dell’area, tenuto conto della particolare ubicazione della stessa».
Quindi ora dopo tanti anni di abbandono dell’immobile, ora la curia parrebbe in procinto di vendere la proprietà. Il piano regolatore infatti, a partire dal 1996, spiegano in Comune, prevede per quell’area in centro storico, la destinazione commerciale e residenziale dei 4 mila metri cubi del fabbricato ex cinema. In pratica la possibilità di abbattere l’edificio e ricostruire i quattromila metri cubi distribuiti su tre piani, con probabili negozi al piano terra e appartamenti nei due piani superiori.
Con questi presupposti la parrocchia ha così formalizzato in Comune, «la disponibilità a presentare un piano di recupero», con l’impegno a garantire un percorso pubblico di collegamento tra via San Francesco e via Santo Stefano via XX Settembre; riprendere, con opportuni interventi la facciata della chiesa di Santo Stefano; realizzare al piano interrato tutti i necessari parcheggi pertinenziali; definire i reciproci rapporti con il Comune, in considerazione dei diritti esistenti sull’area».
Il Comune ha quindi accolto le indicazioni del piano di recupero, ed essendo proprietario della bellissima chiesetta di Santo Stefano, che si affaccia sul cortile dell’ex cinema, ha aggiunto nella deliberazione che «oltre alla facciata, dovrà essere sistemata anche la copertura della chiesa, attraverso progetti approvati dalla Soprintendenza ai beni paesaggistici e monumentali».
Quindi la giunta ha concluso dicendo che «si approva la risoluzione consensuale anticipata della convenzione, riottenendo al momento dell’estinzione dell’usufrutto, il valore del godimento del diritto non goduto, nonché disponendo la sospensione del pagamento della rata di 62.500 euro prevista per l’anno 2010».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news