LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

UNIVERSITA': RETE ATENEI MERIDIONALI,LABORATORIO SVILUPPO SUD. DALLA BASILICATA ALLA SARDEGNA UNA SFIDA PER RILANCIO DEL PAESE
Ansa, 4-2-2010

(ANSA) - ROMA, 4 FEB - La Rete degli Atenei Meridionali: un laboratorio per lo sviluppo del Sud. E' la scommessa di una serie di universita' italiane i cui rettori si sono incontrati a Roma presso la sede del ministero dell'Istruzione, Universita' e Ricerca. Si tratta degli atenei di Bari, Basilicata, Cagliari, Calabria, Enna Kore, Foggia, Messina, Molise, Napoli 2, Palermo, Politecnico di Bari, Reggio Calabria, Salento, Sannio, Sassari, Teramo, aderenti alla RAM-Rete degli Atenei Meridionali, un ''vero e proprio laboratorio di programmazione comune e di buone pratiche''. La Rete, ''nata dall'esigenza di attivare varie forme sistematiche di collaborazione, intende difendere e ulteriormente sviluppare il fondamentale e specifico ruolo svolto dalle universita' meridionali nello sviluppo delle regioni del Mezzogiorno d'Italia e delle Isole, fortemente messo in crisi dalle recenti misure in materia di distribuzione delle risorse, affermando i principi di autonomia, responsabilita', qualita' e valutazione non disgiunti dalla valorizzazione''. In un momento in cui si apre una nuova stagione della ''questione meridionale'' le Universita' ''non vogliono sottrarsi ad una nuova sfida decisiva per l'intero Paese, chiedendo, pero', di essere messe nelle condizioni di poter svolgere appieno la loro peculiare funzione di motore della crescita culturale e sociale''. I Rettori degli Atenei delle regioni meridionali e delle isole confermano la loro piena adesione alla Conferenza dei Rettori, pur ''rivendicando la peculiarita' dei problemi e delle esigenze degli Atenei meridionale con particolare riferimento alle oggettive posizioni di svantaggio socio-economico in cui gli stessi Atenei si trovano ad esercitare i propri compiti istituzionali. (ANSA).

COMUNICATO STAMPA
La rete delle Università Meridionali: un laboratorio per lo sviluppo del Sud

Si è svolta il 3 febbraio presso la sede del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca una riunione dei Rettori di sedici atenei (Bari, Basilicata, Cagliari, Calabria, Enna Kore, Foggia, Messina, Molise, Napoli 2, Palermo, Politecnico di Bari, Reggio Calabria, Salento, Sannio, Sassari, Teramo) aderenti alla RAM-Rete degli Atenei Meridionali, un vero e proprio laboratorio di programmazione comune e di buone pratiche.
La Rete, nata dall’esigenza di attivare varie forme sistematiche di collaborazione, intende difendere e ulteriormente sviluppare il fondamentale e specifico ruolo svolto dalle università meridionali nello sviluppo delle regioni del Mezzogiorno d’Italia e delle Isole, fortemente messo in crisi dalle recenti misure in materia di distribuzione delle risorse, affermando i principi di autonomia, responsabilità, qualità e valutazione non disgiunti dalla valorizzazione. In un momento in cui si apre una nuova stagione della “questione meridionale” le Università non vogliono sottrarsi ad una nuova sfida decisiva per l’intero Paese, chiedendo, però, di essere messe nelle condizioni di poter svolgere appieno la loro peculiare funzione di motore della crescita culturale e sociale, dello sviluppo locale, dell’affermazione della legalità, della democrazia, della partecipazione e della coscienza libera e critica. Considerando una risorsa, e non un limite, la diversità tra le varie università e le loro specifiche missioni, le università meridionali vogliono, al contempo, riaffermare quello spirito di solidarietà che ha sempre costituito uno dei punti di forza del sistema universitario italiano.
In tale azione i Rettori degli Atenei delle regioni meridionali e delle isole confermano la loro piena adesione alla CRUI-Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, pur rivendicando la peculiarità dei problemi e delle esigenze degli Atenei meridionale con particolare riferimento alle oggettive posizioni di svantaggio socio-economico in cui gli stessi Atenei si trovano ad esercitare i propri compiti istituzionali. In tal senso la Rete intende contribuire attivamente alla elaborazione di uno specifico Progetto CRUI per le Università del Sud da sottoporre all’esame del Ministero e delle forze politiche.
Tra i primi obiettivi, esaminati nel corso dell’incontro:
· La predisposizione di proposte, già in avanzato corso di elaborazione, finalizzate alla revisione dei parametri utilizzati per la distribuzione delle risorse alle Università, che nel 2009 hanno pesatamente penalizzato in particolare gli atenei meridionali, nel senso di una maggiore equità e di una effettiva valutazione della qualità, non disgiunta da una necessaria analisi di indicatori di contesto al fine di favorire il progressivo riequilibrio delle Università delle regioni del sud e delle isole e di metterle nella condizione di competere, con pari opportunità, con le Università del centro e del nord per quanto riguarda la qualità della didattica, della ricerca e dei servizi per gli studenti.
· L’adozione di indispensabili misure di riequilibrio che tengano conto in particolare della profonda diversità della contribuzione studentesca, al Sud enormemente più bassa che nel resto d’Italia e non suscettibile di aumenti significativi a causa delle difficili condizioni socio-economiche; a tal proposito, anche in considerazione dei tagli imposti al finanziamento statale, si ritiene di dover procedere ad una revisione ed uniformizzazione della tassazione studentesca nelle Università meridionali sulla base del PIL dei singoli territori; si considera inoltre necessario un intervento perequativo dello Stato, già previsto dal DPCM del 2001 sul Diritto allo Studio, finora mai applicato, per compensare i minori introiti causati dall’alto numero di esoneri dal pagamento delle tasse universitarie, che caratterizza in particolare le regioni meridionali.
· L’elaborazione di progetti comuni nel campo della ricerca e della formazione, in particolare con un più coordinato utilizzo dei fondi strutturali, in modo da contribuire in maniera ancora più efficace, mediante azioni di sistema, all’innovazione e alla crescita socio-culturale ed economica del Mezzogiorno.





news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news