LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Costituzione. Lo Stato può scegliere i reattori ma poi deve consultare le regioni
Giorgio Salvetti
ilmanifesto 5 febbraio 2010, p. 4

LA COSTITUZIONE
Lo Stato può scegliere i reattori ma poi deve consultare le regioni
Giorgio Salvetti

Fare ricorso contro le leggi anti-nucleari di tre regioni è un diritto del governo, ma non un dovere. E non è certo il modo migliore per risolvere un conflitto inevitabile su una materia delicatissima come quella delle futuribili centrali antomiche che, c'è da giurarci, nessuno vorrà nel proprio giardino, alla faccia delle politiche di Berlusconi&soci.
Energia e ambiente, spiegano i costituzionalisti, sono temi concorrenti fra Stato centrale e regioni. La carta costituzionale dopo la riforma parzialmente federalista lascia spazio ad ambiguità e conflitti di competenze. «Spesso i confini sono molto labili, l'articolo 117 della Costituzione può dare adito a diverse interpretazioni - ribadisce il giurista Paolo Caretti - e specialmente sul tema dell'ambiente la questione è molto complicata e delicata». Alle regioni però è delegata la tutela del territorio. Se dunque la loro giurisdizione è limitata sul piano delle politiche energetiche e ambientali, spetta senza dubbio agli enti locali decidere dove e come attuare le politiche decise dalla Stato. Le regioni hanno senza dubbio il diritto di esprime un parere sulla costruzione di eventuali impianti nucleari che incidano sul proprio terreno. In questo senso lo Stato è tenuto a consultare le istituzioni locali, a partire dalla assemblea tra Stato e regioni, per poi discutere con ogni singola regione e concordare scelte così importanti come quella di costruire un impianto nucleare.
Più discutibile invece immaginare una sorta di federalismo energetico in base al quale ogni regione avrebbe il diritto di decidere in linea di principio, e in piena autonomia da Roma, quale politica energetica adottare e, adirittura, quale vietare. «Una decisione di questo tipo - spiega il costituzionalista Valerio Onida - non può che essere di competenza del governo nazionale. Ci sono anche precedenti in questo senso che mi coinvolgono». Fu proprio la Corte costituzionale presieduta da Onida ad emettere la sentenza che fece giurisdizione sull'argomento, la numero 62 del 13 gennaio 2005. La Consulta in quell'occasione accolse il ricorso del governo centrale contro Puglia, Basilicata e Campania che con leggi regionali avevano vietato la circolazione sul proprio territorio di materiale nucleare. La Corte costituzionale stabilì che questa materia è di «competenza legislativa esclusiva dello Stato, sia pure in termini che non escludono il concorso di normative delle regioni». Quella stessa sentenza però stabilì anche che le regioni avevano diritto di intervenire nel merito delle decisioni statali secondo un principio di concertazione.
In pratica una regione non potrebbe vietare in modo generico il ricorso all'energia nucleare, ma ha il diritto-dovere di intervenire e di epremere il proprio parere una volta che a Roma venisse stabilito quale tipo di centrale costruire, dove e come costruirla.
Il ricorso presentato oggi dal governo dunque è giuridicamente legittimo ma appare politicamente sconveniente e autoritario: può al massimo segnare un punto sul piano giuridico ma di fatto non fa che alimentare uno scontro duro e inevitabile con i territori e con i cittadini che il nucleare non lo vogliono. E su questo non c'è ricorso o Consulta che tenga.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news