LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA -URBANISTICA. Il politico facilitatore
PIETRO JOZZELLI
VENERDÌ, 05 FEBBRAIO 2010 la repubblica - Firenze




L'INCHIESTA della procura sul "territorio di Barberino piegato a fini egoistici" ha sollevato due reazioni che lasciano stupefatti. La prima (di cui fa parte anche ciò che dice Martini) risponde a un tentativo di minimizzazione: affarucci di provincia, una vacanza da 2000 euro tra amici, imprenditori un po' troppo vicini ai politici, nessuna questione morale nel Pd; la magistratura faccia il suo lavoro, vedremo se ci saranno condanne o no. La seconda proviene dall'indagato più famoso, l'assessore Cocchi, il quale ha definito il suo ruolo come quello del "facilitatore": lungi dall'aver esercitato pressioni, lui ha facilitato incontri e segnalazioni tra i protagonisti politici e imprenditoriali della vicenda: che male c'è? Non c'è bisogno di trasformarsi in giudici, di emettere sentenze anzitempo, basta questa definizione del ruolo del politico per capire che al di là della rilevanza penale del comportamento dell'assessore indagato (la magistratura deciderà) è una parola come questa che svela quanto si sia corrotta e liquefatta la concezione della politica.

Anzitutto, non è vero che si tratta di affarucci di provincia.

L'inchiesta muove da esposti di cittadini di Barberino molto attenti a ciò che stava accadendo nel loro territorio: e cioè la costruzione dell'outlet da parte di una ditta dei Fratini, la terza corsia e la variante di valico dell'autostrada del sole, il riempimento della valle di Bellosguardo dei detriti di risulta, in aggiunta lo spostamento del casello di Barberino. Questioni che coinvolgono interessi economici formidabili e attengono alle linee fondamentali dello sviluppo infrastrutturale della Toscana. Nelle intercettazioni, frammentarie e parziali che sono state rese note, non sappiamo se vi siano elementi di prova o indizi penalmente rilevanti (questo è il lavoro dei magistrati) ma di certo assistiamo a funzionari che dichiarano di non voler essere servi stupidi, che mettono in guardia contro comitati d'affari, a tecnici che ritengono di poter instradare e velocizzare le pratiche necessarie.

SONO le stesse frasi, dette da persone che ricoprono gli stessi incarichi tecnici o politici, che abbiamo letto nelle intercettazioni sullo scandalo di Campi Bisenzio, di Montespertoli, di Firenze. E' giusto affidarsi al magistrato per un giudizio finale, salvaguardando il diritto alla presunzione di innocenza degli indagati. Ma dovrebbe essere altrettanto giusto interrogarsi su perché queste stesse parole, questi stessi possibili illeciti, questo modo a dir poco arrogante di disporre dei diritti della politica di scegliere e controllare siano ormai merce corrente in così tanti comuni toscani.

E' qui che entra in gioco il ruolo del facilitatore. Nelle parole di Cocchi il facilitatore è un politico che ha abdicato alla sua funzione: che è quella di innovare e programmare, di stabilire indirizzi e controllare che le regole oggettive siano osservate. Per lui, invece, il politico sembra diventare un mediatore, magari onestissimo, tra interessi privati che devono incontrarsi con le scelte della politica. E vedi un po', in tutti gli scandali toscani (quelli che hanno coinvolto amministratori di centrosinistra e amministratori di centrodestra) la questione chiave, la grande mamma di tutti gli eventuali illeciti è il territorio declinato nella versione urbanistica o infrastrutturale, ma sempre appeso al suo valore d'uso: la rendita.

Possibile che a nessun politico IL POLITICO COME FACILITATORE (soprattutto del centrosinistra) venga in mente che proprio perché politica e rendita territoriale hanno viaggiato troppo a braccetto in questa regione, assistiamo oggi ad una crisi di proposta politica e a forme di disinteresse accentuato verso il destino dell'industria manifatturiera: quanto tempo, impegno, finanziamenti, "facilitazioni", del tipo usati per il territorio, sono stati dedicati all'economia dell'industria? Quasi nessuno.

Dunque se non di questione morale, almeno di questione politica occorre parlare. Anche perché, moltiplicandosi le inchieste, crescerà la richiesta di togliere ai Comuni i poteri di decisione sul territorio, come avveniva fino a trent'anni fa con esiti assai negativi, invocando la complessità delle leggi che tutelano difesa e sviluppo del territorio quali strumenti inservibili peri piccolie dilettanteschi consigli comunali.

Tutto è possibile, e dunque sarebbe bello che la nuova regione eletta tra due mesi partisse dalla testae non dalla coda del problema. Ovvero che si ponesse l'obiettivo di un rapido cambiamento dei criteri di selezione della classe politica dirigente.

Ma per fare questo, occorre preoccuparsi meno di caste e partiti (o di quel che ne resta) e un po' più di ridare alla politica quel compito di innovazione e di controllo che la fa essere bella. Non era questo l'obiettivo del nascente Pd?



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news