LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - archivio dell’Eremo dei Camaldoli
05/02/2010 il mattino



Aprire una porta chiusa da secoli e trovarsi di fronte a un mistero. Un giallo lungo quattrocento anni e che annoda (per caso?) la sua storia con il mistero napoletano per eccellenza, quello del miracolo di San Gennaro. La porta che si è aperta è quella dell’archivio dell’Eremo dei Camaldoli; durante alcuni lavori di sistemazione fu ritrovata, custodita in una teca, un’ampolla contenente un liquido rossastro. «Qualcosa insomma - spiega il professor Geraci - di assolutamente assimilabile all’ampolla del sangue di San Gennaro». Il ritrovamento, casuale, è avvenuto circa dieci anni fa. L’ampolla e la teca erano senza alcun cartiglio e senza alcun elemento che potesse farne comprendere l’origine; anche nell’archivio dell’abbazia non c’è traccia di questa reliquia. L’ampolla fu quindi consegnata alla Deputazione della Cappella di San Gennaro che ritenne di offrirla come elemento di studio al professor Geraci. «Prima di tutto - spiega il biologo molecolare della Federico II - ho cercato di appurarne la storicità ma c’erano pochissimi elementi. Questa reliquia pareva spuntata dal nulla». Il professor Geraci ha esaminato le reazioni del liquido rossastro contenuto nell’ampolla in diverse circostanze poi ha costituito una commissione di studio con un genetista, un biologo e un esperto di datazione chimica. «Abbiamo aperto l’ampolla e abbiamo verificato che all’interno c’è sangue umano, sangue che muta stato». La datazione del sangue, attraverso la verifica scientifica, è fissata intorno al 1600. Il mistero sull’ampolla, nonostante l’apertura, resta. In mancanza di aiuti da parte della scienza il professor Geraci ha cercato supporto in storici e storici dell’arte. «Ho portato la teca al direttore del museo di San Martino, il professor Teodoro Fittipaldi - spiega lo scienziato - La datazione coincide con quella ricavata grazie ai test sul sangue contenuto». Resta un ulteriore elemento da valutare: un sigillo in ceralacca apposto sulla teca e che potrebbe rivelare qualcosa in più rispetto a questo giallo. Gli unici dati certi sono la data e il fatto che contenesse sangue. Il resto è un mistero che dà spazio a una serie di supposizioni. Il complesso dei Camaldoli venne fondato nel 1585 da Giovanni d’Avalos, figlio di Alfonso d’Aragona. Fu eretto sul luogo dove esisteva una chiesa dedicata alla Trasfigurazione, in seguito intitolata al Santissimo Redentore. L’anno di fondazione coincide, quindi, con il periodo cui risalgono teca e ampolla. C’è, quindi, l’ipotesi di una reliquia «prodotta» o acquisita in coincidenza con la fondazione. Magari ai Camaldoli proprio per la fondazione. Il sangue nell’ampolla potrebbe appartenere a un religioso (magari in odore di santità) cui i confratelli avevano intenzione di tributare onori ma che poi è caduto nell’oblio. Potrebbe, di contro, essere un vero e proprio «corpus sancti», una reliquia di un Santo cui si è persa la classificazione e dimenticata per secoli nell’archivio. sa. sa.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news