LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BARI. Il museo Nicolaiano-Accanto agli ex voto ci saranno anche reperti archeologici
ANTONIO DI GIACOMO
SABATO, 06 FEBBRAIO 2010 LA REPUBBLICA - - Bari



Il priore della Basilica lavora al progetto fin dal 1980 "La città meritava un luogo così"



Èla storia di un sogno inseguito per oltre trent'anni. Ne sa qualcosa padre Damiano Bova, il priore della basilica di San Nicola, che fin dal 1980 si mise al lavoro per dare vita a quel Museo nicolaiano che, solo oggi, vedrà finalmente la luce. «Alle spalle c'era stata l'esperienza- ricorda - di un museo nei matronei della basilica, ovvero le logge sovrastanti le navate laterali: una collocazione che, di fatto, lo rendeva difficilmente accessibile. Ma, all'interno della cittadella nicolaiana, c'era l'ex museo storico ormai abbandonato al degrado: fu così che il Comune di Bari, su nostra richiesta, ci affidò in comodato d'uso quegli spazi perché potessero ospitare il nostro museo».

E se trent'anni sono passati, racconta Bova, lo si deve all'ostacolo del difficile reperimento dei fondi. All'epoca, infatti, i primi interventi riguardarono il consolidamento statico della struttura. Finché i padri domenicani non hanno riavviato un dialogo col Comune e la Regione e, grazie al loro sostegno, con un contributo di un milione e 250mila euro, reperiti at traverso fondi dell'Unione europea, si è potuto procedere alla musealizzazione definitiva.

«Il museo nicolaiano offrirà anche un servizio alla città se è vero - ricorda il priore - che la basilica è testimone e protagonista di un culto a livello universale. Una realtà che evidentemente meritava un museo per raccontare sì gli elementi manifestativi del culto nicolaiano ma non solo: attraverso san Nicola si può cogliere l'identità stessa della città di Bari. Ed ecco, allora, che il nostro apporto si rivela sia culturale che d'incentivazione ai flussi turistici».

Così, in esposizione, visitatori e pellegrini negli ambienti del museo nicolaiano - si parla di 800 metri quadrati dove trovano spazio un centinaio di pezzi - potranno riscoprire, in filigrana, il passato millenario di Bari. In vetrina ci sono paramenti sacri, tele e icone, argenti e ori di alta manifattura: opere d'interesse storico e artistico dalla stagione bizantina in avanti. E non è tutto. «Accanto agli ex voto - spiega padre Bova - trovano spazio anche alcuni reperti archeologici ritrovati negli anni all'interno della cittadella nicolaiana, a cominciare da alcune iscrizioni lapidee di età bizantina».

Fatto sta che buona parte dei pezzi in mostra permanente nel museo erano prima invisibili al pubblico o, come precisa padre Bova, «non adeguatamente fruibili, ammassati com'erano al pari di alcuni manufatti conservati nella Sala del tesoro della basilica». A completare il tutto uno spazio multimediale hi tech, attrezzato con monitor touch screen e una sala di proiezione: qui turisti, pellegrini e studenti potranno scoprire sia la ricostruzione storica delle vicende della traslazione delle reliquie del santo di Myra che la storia della basilica e dunque quella di Bari, da mille anni a questa parte crocevia di popoli, fedi e culture fra Oriente e Occidente nel nome di san Nicola. Non per caso, insiste il priore, in origine la denominazione del nuovo contenitore espositivo era accompagnata dalla dicitura museo didattico nicolaiano.



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news