LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Dagli attici alle sanatorie. Ars, assalto al piano casa
ANTONIO FRASCHILLA
09 FEBBRAIO 2010 LA REPUBBLICA - PALERMO


ECONOMIA E POLITICA

Da domani dibattito sulla legge. Presentati 600 emendamenti




VIA libera agli ampliamenti anche per case che hanno avuto un condono edilizio o che perfino sono abusive e aspettano una sanatoria. Riapertura, quindi, perfino per i termini della sanatoria del 2003. Ma anche possibilità d'incremento fino al 50 per cento dei volumi per villette a schiera o condomini e «sì» alla costruzione nella terrazze e a mutui garantiti dalla Regione per i precari che vogliono acquistare la prima casa. Più che modifiche al testo, la valanga di 600 emendamenti al piano casa (da domani in discussione all'Ars) è una corsa a stravolgere la legge che vede protagonisti parlamentari di tutti gli schieramenti, dal Pd, Pdl Sicilia ed Mpa, che l'hanno votata in commissione, passando per Udc e Pdl. Tanto che il presidente del gruppo Mpa non ha dubbi: «Vogliono affondare questa legge», dice Francesco Musotto, mentre il governo, per voce dell'assessore alle Infrastrutture Luigi Gentile, assicura che «l'unica modifica che proporrà è l'ampliamento al piano casa anche gli immobili realizzati nel 2009».

Quasi cento emendamenti li ha presentati soltanto l'Udc.

«Proponiamo aiuti alle famiglie con disabili o agli anziani e l'applicazione della legge (con aumento dal 25 al 35 per cento degli immobili, ndr) anche alle strutture industriali e turistiche», dice Rudy Maira, capogruppo Udc all'Assemblea regionale siciliana.

Tra gli emendamenti dell'Udc, quello, sempre a firma di Maira, per la possibilità di costruire nelle terrazze, «nei limiti di un solo piano di altezza massimo di 3,50 metri», mentre il deputato Orazio Ragusa propone che il piano casa venga utilizzato per immobili «soggetti a condono edilizio» e che l'aumento delle cubature, al momento previsto fino a un massimo di 150 metri cubi, arrivi a 300, e, inoltre, che i volumi per immobili e fabbricati industriali da abbattere e ricostruire crescano del 50 per cento (anziché del 30). Quasi 50 emendamenti presentati anche dal Pdl Sicilia: Giulio Adamo propone il via libera «al cambio della destinazione d'uso degli immobili», e Carmelo Incardona chiede la possibilità di costruire piani aggiuntivi «fino a tre metri di altezza», nonché l'ampliamento, manco a dirlo, «per gli immobili che hanno avuto un condono edilizio».

Il gruppo Pdl, compatto, ha presentato altri 40 emendamenti per consentire «ampliamenti per attività produttive realizzate fino al 31 dicembre 2009 e per uffici», oltre ad aumenti fino a 200 metri cubi del volume. Anche il Pdl propone di estendere il piano case agli «immobili ancora in fase istruttoria di sanatoria». Con un emendamento di Santi Formica, prevista perfino la «possibilità di ampliare immobili che insistono su fasce di totale inedificabilità e accanto ad assi stradali e a rischio idrogeologico purché si migliori la sicurezza».

E, sempre Formica, chiede che il piano casa venga utilizzato «per le case in corso di realizzazione».

Dal Partito democratico è arrivata una verae propria valanga di oltre cento emendamenti. Il capogruppo Antonello Cracolici e il deputato Davide Faraone hanno assicurato emendamenti L'assessore ai Lavori pubblici Luigi Gentile «per vietare il piano casa nelle aree costiere», e la possibilità di varare aumenti di cubature anche «per gli edifici pubblici». «I Comuni possono rilevare automaticamente immobili fatiscenti per ristrutturalie darli poi in gestione», scrive un emendamento di Faraone, mentre il deputato Vincenzo Marinello propone «la riapertura dei termini della sanatoria del 2003», il deputato Giuseppe Digiacomo che «il piano casa valga anche per chi ha avuto il condono edilizio»e Giacomo Di Benedetto «il via libera alla cartellonistica pubblicitaria negli immobili oggetto di ampliamento nei centri storici». Trai democratici Pino Apprendi invece propone mutui per i precari che vogliono acquistare case e la Regione pagherebbe con un fondo di 4,5 milioni di euro gli interessi.

Giovanni Barbagallo chiede che anche le villette a schiera possano ampliare i volumi.

Insomma, la corsa a stravolgere la legge è partita. Ma per la Cisl il piano casa rischia di trasformarsi «nell'ennesimo bluff politico». Il motivo? «L'articolo sei del disegno di legge regionale, neppure sfiorato dalla pletora di emendamenti fioccati in questi giorni, da ogni parte, subordina il via ai lavori, anche nel caso di meri ampliamenti, al rilascio della concessione edilizia per la quale occorrono a volte anni», scrive in una nota il sindacato, anche se ci sono emendamenti che aggirano l'ostacolo affidando a un regolamento dei Comuni tutto il piano casa.


IL provvedimento. Palermo, intesa per realizzare 7 mila alloggi da stasera la delibera a Sala delle Lapidi

IL PIANO per la realizzazione di settemila alloggi approda in Consiglio comunale: lo ha stabilito ieri la conferenza dei capigruppo che ha deciso di portare l'atto in aula stasera. «Siamo pronti a discutere su tutto, l'importante è cominciare», dice il capogruppo azzurro Giulio Tantillo. «Una delibera molto attesa dalla città», dice il capogruppo dell'Udc Doriana Ribaudo. La conferenza dei capigruppo ha anche deciso come suddividere le commissioni in vista del rinnovo dei vertici: Pdl lealista avrà Bilancio e Aziende, Mpa Attività produttive, il centrosinistra Affari istituzionali e Affari sociali. Restano in bilico Urbanistica, chiesta sia da Udc che da Pdl Sicilia, e Cultura che andrà a chi non verrà accontentato.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news