LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«Io, studentessa a scuola di restauro disoccupata prima del diploma»
07 FEBBRAIO 2010, CORRIERE DELLA SERA



La protesta contro la legge di riordino. «Penalizzati anche gli artigiani»
Francesca, 21 anni: il ministero cancella le Accademie

Tagliata fuori dalla professione a un anno dal diploma? Francesca Cigoli si ribella. Ha 21 anni, da tre frequenta un’accademia d’arte. Con un unico obiettivo: diventare restauratrice. «Credo che non sarei in grado di fare altro», spiega con semplicità. Papà emamma, operaio lui, bancaria lei, l’hanno sempre sostenuta nella scelta «perché sono cresciuta con i pastelli colorati». Disegnava prima ancora di imparare a camminare.


Dice Francesca, intervenuta ieri al convegno al Pirellone, come portavoce della sua scuola (l’Accademia di Belle Arti «Aldo Galli» di Como), che «restaurare è una passione, non semplicemente un lavoro. Se ci alziamo alle sei del mattino per andare in cantiere, al freddo d’inverno, al caldo d’estate, in equilibrio sulle impalcature per ore e ore, è con la consapevolezza di fare qualcosa che piace, di tornare a casa felici».

Il sogno di restaurare affreschi, stucchi, opere lignee si è infranto di fronte al decreto del Ministero per i Beni culturali, emanato a distanza di otto anni dalla legge di riordino. Tanto era atteso, tanto ha gelato le aspettative: «Parlo per chi, come me, non potendo accedere agli Istituti individuati dal Ministero per l’alta formazione (tre in tutto), frequenta un’Accademia di Belle Arti — continua Francesca —. La legge istituisce una prova d’esame abilitante. Lo puoi fare una sola volta nella tua carriera. Se non lo passi sei fuori. E lo puoi fare solo se eri diplomato nel 2006. Come dire che tanti come me, tutti quelli che stanno studiando in Lombardia, sono fuori». L’aspirante restauratrice pensa anche a chi il diploma l’ha già in tasca e ai tanti artigiani che da anni restaurano affreschi, stucchi, opere lignee, tele, tavole. «Ce n’è anche per loro nel decreto. Tanti non potranno iscriversi all’albo, perché non potranno certificare i lavori fatti».

La curiosità per il restauro e la passione sono nate quando Francesca frequentava il liceo artistico: «Un pomeriggio passando davanti alla Villa Reale, mi sono fermata ad osservare dei restauratori. E’ diventato un tarlo...mi sono informata dove poter imparare quel lavoro, ho deciso che era il mio, meraviglioso. Ma l’Istituto di Roma e l’Accademia di Firenze, che il decreto ministeriale abilita a formare restauratori, sono a numero chiuso, praticamente inaccessibili.

Quindi mi sono iscritta all’«Aldo Galli», accademia con indirizzo restauro. Non siamo tanti e si lavora molto bene, si fa molta pratica, anche in laboratori esterni, ville, palazzi privati, dove si trovano affreschi e un patrimonio culturale sconosciuto ai più».

Non s’arrende Francesca Cigoli. «Il decreto è come una falce, che rischia di mietere un’intera categoria di artigiani.

Prima le cose erano confuse, una legge che mettesse chiarezza era necessaria. Ma il decreto partorito sembra fatto ad hoc per favorire una piccola lobby di vecchi restauratori. Senza pensare che anche loro, un domani, dovranno essere sostituiti».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news