LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GENOVA prov. - Arrivano la Gronda e il Terzo valico, i comitati contestano
Alessandra Fava
il manifesto 9 febbraio 2010, p. 15

GENOVA Ieri la firma per la bretella autrostradale contestata e il tunnel ferroviario. All'esterno la protesta dei cittadini

Arrivano la Gronda e il Terzo valico, i comitati contestano

Alessandra Fava GENOVA
GENOVA
«Una passerella elettorale», «politici che danno soldi a imprenditori collusi con la mafia», «una rovina per il nostro territorio»: tre frasi, tre concetti che hanno mosso decine di genovesi a manifestare contro la firma per la cosiddetta Gronda una bretella autostradale a ponente, e il via all'iter per la realizzazione (chissà quando) del Terzo valico, mega infrastruttura da oltre 5 miliardi e mezzo di euro che non ha ancora un progetto esecutivo. Le firme sono state poste dai ministri ai trasporti Altero Matteoli e Claudio Scajola allo sviluppo economico e dagli amministratori locali (Provincia, Comune, Autorità portuale) con Anas e Ferrovie, ieri a Sampierdarena. A contestare la firma e la realizzazione di «opere che non servono a niente», come gridano al megafono, sono arrivate decine di abitanti della Valpolcevera, del ponente genovese, del coordinamento dei comitati contro la Gronda (che raccoglie da solo 15 realtà), i No-Tav, i No terzo valico e diversi ambientalisti. Muniti di volantini, striscioni, megafoni, hanno prima ostacolato l'arrivo dei politici in auto blu e poi hanno bloccato per un'ora la circolazione in un nodo viario cruciale, quello prima del ponte di Cornigliano. «La Gronda non risolve il traffico, non porta turismo, e allora perché la vogliono fare? - dice Paolo Putti del coordinamento dei comitati anti-Gronda - In più c'è la presenza comprovata di amianto nelle montagne dell'alta Valpolcevera, dicono che lo tratteranno con un mirabolante tubo chiuso che da Bolzaneto arriverà a Cornigliano per buttare l'amianto a mare. Saremo noi e i nostri figli a respirarlo e ci ammaleremo». Il sindaco Marta Vincenzi intanto dentro ricorda che la Gronda è stata al centro di un dibattito pubblico e l'ultimo tracciato avrebbe ridotto notevolmente l'impatto. Scajola dice che così il porto di Genova esce dall'isolamento e si collega con Rotterdam. E il presidente regionale Burlando chiede anche un tunnel a Levante e perciò alla fine non firma.
Fuori C'è Antonio Bruno, consigliere comunale del Prc, che ricorda come «l'unica cosa positiva è che firmano per il nodo ferroviario genovese che permetterà l'uso della ferrovia come metropolitana, una cosa che aspettiamo da 15 anni. Per il resto siamo contro il Terzo valico e contro la Gronda». Tra i volantini uno fa due conti: il Terzo valico ha già avuto 44 «inaugurazioni», sono stati spesi almeno 300 milioni per i primi assaggi mentre Genova aspetta dal dopoguerra la costruzione di una strada a mare che permetta ai 5 mila tir quotidiani di entrare e uscire dal porto senza passare in mezzo alle case. Alla manifestazione ci sono anche diversi piemontesi dell'Alessandrino e i genovesi della Valle Scrivia. «Secondo loro il porto di Genova espanderà l'attività in modo esponenziale e invece i container stanno diminuendo - ragiona Franco Casagrande - ma se negli Usa le merci viaggiano a 40 km all'ora come si fa a pensare di farle andare a 200 all'ora? È un pretesto futile. Tra Genova e Alessandria ci sono già 5 valichi. Quanto al Terzo valico, è il fratello minore della Torino-Lione, opere che divorano chilometri cubi di un territorio già abbastanza devastato». Dall'ovadese, Val Lemme, arriva Claudio: «È facile venire a Genova protetti dai poliziotti. Li aspettiamo a Lemme, ad Arquata e Serravalle dove i paesi saranno divisi in due dal Terzo valico con gravi ripercussioni agli acquedotti. Quando arriveranno dalle nostre parti non passeranno». Si prevede infatti che i lavori ripartano da due punti d'assaggio, a Fraconalto e Voltaggio, cantieri che furono sequestrati nel 2004 per gravi irregolarità grazie a un'inchiesta della procura di Genova che ipotizzava anche la truffa aggravata, ma venne poi archiviata.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news