LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«Più Ict, o rischiamo il primato sul restauro» Orlandi: Servono investimenti sull’hi-tech «Vanno cercate sinergie con settori industriali diversi».
PATRIZIA LICATA
CORRIERE DELLE COMUNICAZIONI - 9 febbraio 2010

Le lct sono strategiche per la ricerca, l'analisi e la conservazione dei beni culturali: a dirlo è Gianni Orlandi. docente di Ingegneria presso l'Università La Sapienza di Roma e direttore del dipartimento Infocom (Scienza e tecnica dell'informazione e della comunicazione). Sono essenziali per l'individuazione di nuovi giacimenti culturali, come i beni archeologici, di cui il nostro territorio è ricchissimo, ma che spesso sono nascosti. Per la rilevazione dei reperti sono molto utilizzate le tecnologie satellitari, che permettono di costruire mappe del territorio con algoritmi di riconoscimento che individuano le aree interessanti dove scavare. Per cercare opere nascoste è molto usato anche il radar a bassa frequenza: le riflessioni dal terreno vengono elaborate da algoritmi che capiscono se sottoterra è presente un reperto. Sofisticate tecnologie di riconoscimento, dette di signal processing, interpretano i segnali, come nell'ecografia medica, eliminando le informazioni non rilevanti e restituendo solo i dettagli di interesse . Oltre al settore del ritrovamento, quali altre aree della ricerca nei beni culturali utilizzano le Ict? Anche la conservazione utilizza ampiamente le Ict. Per esempio, per un monumento come il Colosseo o un palazzo rinascimentale fiorentino si pone un problema di mantenimento, visto che sono edifici all'aperto sottoposti a molteplici sollecitazioni, dalle scosse del terreno all'inquinamento. In questi casi le Ict, come le fibre ottiche o i sensori, vengono impiegate per monitorare la situazione. E per opere come quadri o affreschi? È un caso diverso, perché di solito queste opere sono conservate in ambienti protetti, ma anche così può verificarsi un deterioramento e la tecnologia può intervenire per diagnosticarne le cause. Per esempio, il laser permette una valutazione del danno e guidare l'intervento di ripristino. Qui entriamo nel vasto settore del restauro guidato con la realtà virtuale e con le ricostruzioni in 3D. Quanto possono essere utili queste tecniche? Sono la vera frontiera nei beni culturali, sia nella fruizione che nella conservazione. Nel restauro, ricostruire prima l'opera con un modello virtuale in 3D guida l'operazione di ricostruzione delle parti perse o di ripristino di quelle danneggiate. Il futuro della cura e fruizione delle opere d'arte è dunque in mano alla tecnologia? Senza dimenticare l'intervento essenziale dell'esperto restauratore, le Ict diventeranno strumenti sempre più importanti, anche perché non sono invasivi. Accade nell'arte quello che sta accadendo nella medicina: si interviene toccando il meno possibile l'oggetto, così da non rovinarlo ma da poterne comunque estrarre molte informazioni affidabili sia sulla sua storia (per esempio, i traumi subiti nel tempo) sia sulle strategie da adottare per proteggerla. L'Italia ha una lunga e prestigiosa tradizione nel settore del restauro artistico. Come ci posizioniamo nell'utilizzo delle Ict per il recupero e la conservazione dei beni culturali? La nostra tradizione di restauratori è legata alla ricchezza del nostro patrimonio culturale. Oggi stiamo correndo per il rischio di perdere il contatto con un settore fondamentale che potrà costituire il motore di un nuovo sviluppo economico. Di conseguenza occorre investire di più nel patrimonio e nel connubio tra artigianato e Ict. Rinnovando con le tecnologie la tradizione culturale italiana e cercando sinergie con settori industriali diversi. Sono convinto che il matrimonio tra antichità e innovazione va favorito, in questo come in altri settori, per portare crescita nel nostro Paese.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news