LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

UMBRIA - Fondazione Burri di nuovo nellà bufera
ANNA LIA SABELLI FIORETTI
CORRIERE DELL’UMBRIA – 9 febbraio 2010

Proprio alcuni giorni fa, il 23 gennaio scorso, la Fondazione Burri aveva incontrato la Commissione Servizi del Comune di Città di Castello e nel presentare i progetti futuri legati alla promozione dei Musei tifernati e alle esposizioni delle opere del Maestro (a Catania , al Moma di New York , a Los Angeles) aveva anche dichiarato pubblicamente che tutte le vicende legali che negli anni hanno travagliato e salassato le casse della Fondazione fondata dallo stesso Alberto Burri si erano finalmente concluse. Una bella notizia che ha avuto vasta eco anche sulla stampa e che ha alleggerito i cuori dell'assessore Cestini e dei membri della commissione presenti all'incontro. Finalmente è finita! avranno pensato tutti. Invece no. I rappresentanti della Fondàzione (il vicepresidente Gambuli e i consiglieri Corà, Petruzzi e Salvato) si sono dimenticati di dire che da oltre un anno (se ne parla sui giornali già dall'ottobre del 2008) pende sulla testa dell'istituzione una denuncia penale per truffa e appropriazione indebita presentata dall'avvocato Francesco Crisi per nome e per conto del notaio Paolo Biavati, uno dei creditori (ma insieme a lui sembra ce ne sono altri due) che ancora non è stato pagato per il lavoro svolto in passato. Perché dunque la Fondazione afferma invece che tutto è stato saldato? Che non ci sono più pendenze giudiziarie? Perché nella transazione fatta con gli eredi di Minsa Craig nel 2007 con la quale si è conclusa tutta la vicenda legata alla successione del patrimonio della vedova Burri, c'è espressamente scritto che gli ultimi debiti rimasti, comprese le spese di inventariato dei beni effettuata dal notaio Biavati per mandato del tribunale di Città di Castello (ha chiesto circa 400 mila euro, cifra contestata dalla Fondazione) e le parcelle dovute agli avvocati D'Agata, Nava e Fiori, se li sarebbero accollati gli eredi Craig. Spostando in questo modo l'asse delle richieste e delle eventuali controversie legali in America. Tutto ciò al notaio e ad altri due creditori non è andato giù perché un debito non è un oggetto che si può spostare tranquillamente di qua e di là. Il procedimento di liquidazione, dicono i legali, è regolato dal codice civile, art. 499 e seguenti, con la funzione di tutela dei creditori. Passa attraverso un'autorizzazione di tipo giudiziale, non si può fare a proprio piacimento. C'è stata una eredità beneficiata, quindi tutti i creditori debbono necessariamente essere informati dell'accordo transattivo, cosa che non è stata fatta, ed avere la loro soddisfazione. In pratica, c'è una lesione del diritto di credito. Da qui la denuncia di Biavati che ha portato ad un avviso di garanzia e ad una perquisizione nella sede della Fondazione, dove sono stati acquisiti documenti inerenti la famosa transazione tra Fondazione e i Craig, su mandato del pm Dario Razzi. Ma c'è anche da tener conto di un non trascurabile particolare: la transazione tra la Fondazione e gli eredi Craig, studiata nei minimi particolari e stilata dal famoso studio romano Chiomenti-Vassalli, è passata al vaglio del Tribunale di Perugia che l'ha ufficialmente autorizzata. E su questa autorizzazione la Fondazione poggia tutta la propria certezza e la sicurezza di stare dalla parte del giusto. Qual è dunque l'anello difettoso della catena? Una denuncia penale non è uno scherzo. Nel caso di vittoria del denunciante la Fondazione si troverebbe una condanna penale sulle spalle, nel caso di vittoria del denunciato il notaio e gli altri due (uno dovrebbe essere l'avvocato Nava, sicuramente il secondo non è l'avvocato Fiori, come ha tenuto a smentire) potrebbero essere querelati a loro volta per danno d'immagine. Pare comunque che questi ultimi creditori stimo prendendo in seria considerazione anche l'ipotesi di impugnare la transazione stessa rimettendo in discussione l'accordo, con il rischio per la Fondazione di perdere tutto, quindi non solo l'eredità di Minsa Graig ma anche quella di Burri potrebbe andare a finire negli Stati Uniti. Quella della donazione Burri a Città di Castello sembra essere diventata una via crucis senza fine. Può apparire quindi legittimo chiedersi se non sia arrivato il momento per la Fondazione tentare veramente di chiudere definitivamente tutti i contenziosi, magari tentando degli accordi accettabili con gli ultimi creditori in modo tale da riprendere a lavorare con animo leggero, nello spirito supremo della divulgazione dell'arte che lo stesso Maestro ha lasciato sia come testamento sia come pensiero fondamentale del generosissimo lascito fatto alla città.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news