LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Di nuovo Tuvixeddu
Marcello Madau
Il Manifesto Sardo, 9-2-2010

La recente decisione del Consiglio di Stato blocca l’ edificazione di una parte significativa della collina di Tuvixeddu, almeno sino a più convincenti valutazioni paesaggistiche. Di essa ci colpisce questo periodo: “Altrimenti opinando, si introdurrebbe una troppo agevole modalità elusiva del sistema di controllo, tanto più significativa (..) in merito alla mancata, specifica sottoposizione al vaglio statuale della autorizzazione paesaggistica resa in ordine al piano”.
L’accordo di programma di dieci anni fa avrebbe quindi autorizzato un’edificazione nella sostanza abusiva: è quello che avevamo sempre sostenuto, in maniera incessante, con il cuore e la ragione rivolti alla tutela del paesaggio e dell’identità, seguiti da migliaia di cittadini. Costruendo un dossier al quale ci sembra dovrà seguirne un secondo, speriamo più fausto.
Che la necropoli di Tuvixeddu ‘colpisca’ ancora non è un film dell’orrore, per lo meno non di orrore immaginario, ma reale, che traccia le dinamiche e l’odore dei fermenti percepibili dalle cronache della stampa sarda in questi giorni. E’ una situazione di allarme. Da ciò che si apprende sulle indagini della Procura della Repubblica: dai rapporti fra il costruttore Cualbu e l’on. Maninchedda al ruolo sempre più delicato nel quale si trova, al contrario di politici e tecnici della precedente giunta per i quali l’indagine del pm pare archiviata, l’ex-Soprintendente Archeologo Vincenzo Santoni. Sembra che desse il parere contrario all’ampliamento dei vincoli sull’area mentre sua figlia lavorava dal costruttore Cualbu. Si negava l’esistenza di altri imponenti gruppi di tombe, un migliaio in tutto.
Le speculazioni, i veleni e le ingiustizie che si intravvedono nei resoconti di questi ultimi giorni è impressionante. In una delle frasi delle telefonate fra Cualbu e Maninchedda riportate dall’Unione Sarda si sarebbe persino detto ‘non si fanno prigionieri’, riferendosi al risarcimento danni che, oltre la Regione, avrebbero dovuto pagare politici e componenti della commissione regionale che propose l’allargamento del vincolo.
Un linguaggio che sentimmo da Cesare Previti, tipico di contesti che rimandano ad una politica ed ad una sfera economica che non vorremmo vicini agli scenari di un’inchiesta di Borsellino o di un racconto di Saviano. Una minaccia inquietante che già venne espressa dalle file del centro-destra sardo, con l’idea di una commissione d’inchiesta persino sui professionisti che costruirono il vincolo.
Noi crediamo davvero che serva una commissione d’inchiesta sulle relazioni fra politica e speculazione edilizia a proposito del colle di Tuvixeddu.
Eppure gli avvicendamenti ministeriali (riguardanti anche funzionari che si sono caratterizzati per la difesa di Tuvixedu) e la spinta verso una ‘managerialità’ che sovrasta le competenze specifiche della tutela servendo meglio l’esecutivo politico, non riescono ad eludere del tutto le leggi nazionali, a iniziare dal Codice dei Beni culturali e del paesaggio, e le indicazioni europee che ruotano attorno alla Convenzione Europea del paesaggio, ricordate dal Consiglio di Stato e dal PM dell’indagine in corso.
Non sarà facile eluderli neppure se si proporrà nel pieno del suo disegno strategico la sovrapposizione, già sperimentata a Roma, della ‘Protezione Civile’ sulla tutela. Magari con la nomina di un tecnico come Bertolaso – già commissario straordinario sopra i soprintendenti romani – al posto di Bondi.
Perciò il compito che attende sia il Soprintendente Archeologo di Cagliari e Oristano sia il nuovissimo manager che ricopre da pochi giorni la Direzione Regionale del Ministero è assai delicato: si auspica uno stop definitivo alla cementificazione dell’area (senza escludere una riconsiderazione delle orrende, numerose fioriere che ‘valorizzano’ i limiti della necropoli).

Ci aspettiamo ancora sorprese, e soprattutto i molti fuochi di artificio tipici di una situazione di singolare ed elevata conflittualità politica: L’Unione Sarda del costruttore Zuncheddu attacca il costruttore Cualbu, alcuni settori del PD cercano una comprensibile rivalsa mentre altri settori dello stesso partito, soprattutto in Sardegna, tacciono. Si attendono posizioni anche dalle forze politiche della sinistra, che certo in passato non hanno brillato di incisività.
Nel dibattito delle prossime elezioni amministrative troveranno posto le posizioni da prendere su Tuvixeddu, sulla maniera di interpretare e difendere con rigore la costruzione di città sostenibili e dei nostri beni culturali e paesaggistici? Non lo sappiamo. Qualcuno faccia un sondaggio.
Ma sarebbe fondamentale rilanciare oggi la difesa di Tuvixeddu in modo trasversale, mettendo al primo piano non il calcolo politico ma la convinzione civica. L’unica soluzione possibile, ribadiamo, è la tutela integrale dell’area, senza edificazioni. Ed una valorizzazione del magnifico colle e della più grande necropoli punica al mondo che non prescinda dalla tutela.

http://www.manifestosardo.org/?p=2716


news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news