LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TARANTO -Depredato edificio storico acquistato dal Comune
Cesare Bechis
CORRIERE DEL MEZZOGIORNO 11 feb 2010 Lecce

TARANTO— Depredato giorno dopo giorno Palazzo Carducci, il gioiello architettonico del XVII secolo in vico Seminario nella città vecchia di Taranto, è ormai vuoto. La cappella e le quattordici stanze, salotto e salottini, camere da letto e salone, anticucina e biblioteca, sono nude: il Comune ha trasferito i beni sfuggiti ai ladri a Palazzo di città mentre i libri, tra i quali le preziose «cinquecentine», sono al sicuro nella biblioteca comunale. Il trasloco, forzato e urgente per non lasciare tutto nelle mani dei predoni, è avvenuto a dicembre scorso. Inventariati e valutati oltre quattrocentomila euro, gli arredi del Palazzo attendono di essere riportati nella loro sede naturale non appena lo storico edificio sarà riqualificato e reso impermeabile alle infiltrazioni piovane. La spoliazione, difatti, s’è scoperta proprio perché le piogge dell’autunno dell’anno scorso avevano fatto crollare una porzione del tetto di legno dello stabile. L’architetto Enzo La Gioia, dirigente comunale del settore Risanamento, durante il sopralluogo tecnico si accorse della sistematica spoliazione che il Palazzo subiva. La giunta-Di Bello lo acquistò nel maggio del 2004 dall’ambasciatore Ludovico Carducci pagandolo poco più di un milione di euro attinti ai fondi Urban. L’ex maggiordomo della famiglia continuava ad occupare i locali al pianterreno anche se la vendita si riferiva a un immobile libero da pesi dell’Economia per un’ispezione legata al programma Urban, trovò le porte senza mandate, la fotocellula del sistema di allarme accecata da una busta di carta, una finestra rotta.
Il tetto crollato Nell’autunno dell’anno scorso le piogge fecero crollare una parte del tetto in legno

Taranto scoprì, finalmente, che a Palazzo Carducci più che i visitatori del Fai erano di casa i ladri che rivendevano con facilità ad antiquari e rigattieri tele, specchiere, tavolini e comodini, lampadari e scrittori a rullo, «cartaglorie» e orologi. La prima stima dei furti valutò in 49.540 euro il valore dei beni portati via. Questo primo allarme cadde nel deserto, reazione perfettamente inserita nel destino di una città dormiente per certe cose. Il saccheggio continuò fino a quando l’architetto La Gioia non dette una sterzata alla situazione. Chiamò a collaborare il professor Vittorio Farella dell’università di Lecce, fu fatto il confronto con l’inventario originario, e una comunicazione sul patrimonio depredato venne trasmessa nel mese di novembre 2009 al sindaco Stefàno, ai carabinieri, alla Polizia di stato e alla polizia municipale. I beni dovevano essere salvaguardati e la vigilanza costante garantita. Nello stesso tempo La Gioia avvertì i carabinieri del nucleo di tutela del patrimonio culturale e chiese alla Soprintendenza e alla Regione l’autorizzazione a mettere al sicuro i beni rimasti, altri quadri, lampadari, i libri, le dodici tele ovali del Fracanzano che, da sole, valgono 121 mila euro, i cassettoni, i mobiletti, i tanti tappeti, le scrivanie, le poltrone. Ora questa roba è sotto chiave, è difficile che i ladri possano arrivarci, ma nessuno può ammirarla. e persone. I furti cominciarono quasi subito e si protrassero senza che qualcuno mai si accorgesse di nulla o segnalasse qualcosa. La prima denuncia arrivò alla Polizia municipale e ai carabinieri nel luglio del 2008. Un tecnico del Comune, che scortava il rappresentante del ministero



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news