LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Atleta Vittorioso: va confiscata la statua attribuita a Lisippo del Getty Museum

L'opera in bronzo venne ripescata nell'agosto 1964 in Adriatico da un peschereccio di Fano

La decisione del gip di Pesaro. La statua si trova a Los Angeles. La fondazione Getty fa ricorso in Cassazione

PESARO - Il gip del Tribunale di Pesaro, Lorena Mussoni, ha disposto la confisca della statua bronzea dell'Atleta Vittorioso, nota anche come l'Atleta di Fano, attribuita allo scultore greco Lisippo. Si tratta del più importante bene archeologico conteso fra Italia e Usa. La statua era stata ripescata nell'agosto 1964 al largo di Fano dalle reti di un peschereccio, forse in acque internazionali, ed era poi finita dieci annidopo al Paul Getty Museum a Los Angeles. La sentenza del gip dispone il sequestro della scultura «attualmente al Getty Museum o ovunque essa si trovi».

RICORSO IN CASSAZIONE - Successivamente la Fondazione Getty ha dichiarato che farà ricorso in Cassazione contro l'ordinanza del gip di Pesaro. In una dichiarazione diffusa a Los Angeles, la fondazione Getty si dice «delusa dalla decisione» del gip giudicandola «viziata sia dal punto di vista procedurale, sia nella sostanza». La fondazione ricorda che «lo stesso tribunale a Pesaro aveva respinto un precedente ricorso nel 2007 nel quale lo stesso pubblico ministero aveva sostenuto che la statua dell'atleta vittorioso apparteneva all'Italia». In quel caso, il giudice aveva stabilito che, essendo il reato prescritto, «il Getty doveva essere considerato il proprietario in buona fede» del bronzo. Ricordando che nessuno è stato condannato da un tribunale italiano in questo caso, «il Getty farà appello contro la decisione del gip di Pesaro presso la Corte di Cassazione a Roma e difenderà con vigore la sua proprietà legale della statua».

STORIA - Secondo gli studiosi, l'Atleta Vittorioso è stato realizzato tra il IV e il II secolo a. C., ma le considerazioni di tipo stilistico la porta a essere accostata a Lisippo, uno dei più grandi scultori della Grecia classica. La statua è mancante dei piedi, è alta poco più di un metro e mezzo e pesa circa 50 chili. La scultura potrebbe essere stata parte di un gruppo di atleti vittoriosi in un santuario, forse a Delfi o a Olimpia. La nave che la stava trasportando in Italia naufragò in mezzo all'Adriatico. Stando alle dichiarazioni a suo tempo rilasciate dal capo del peschereccio, la statua venne ripescata «a 43 miglia dal Conero e 27 miglia dalla costa della Jugoslavia» a circa 75 metri di profondità. La statua è stata esportata illegalmente, sia che sia stata rinvenuta in acque italiane sia in quelle internazionali, in quanto venne recuperata e issata a bordo da una nave battente bandiera italiana e sbarcata in territorio nazionale. Dopo varie vicissitudini, la statua venne acquistata nel 1977 dal Getty Museum per poco meno di 4 milioni di dollari. I curatori del museo hanno sempre detto di non aver saputo della provenienza illecita della statua per cui non si sentono in dovere di doverla restituire.

RUTELLI - Francesco Rutelli, ex ministro dei Beni culturali, si è detto soddisfatto per la decisione del gip. «Si tratta di una decisione di importanza storica, che mette fine alla vecchia stagione del saccheggio del nostro patrimonio archeologico. In base all'accordo che ho firmato nel settembre 2007, le due parti hanno affidato a una decisione della magistratura la destinazione finale della statua», ha affermato Rutelli. «Con la confisca, il museo Getty dovrà dare applicazione al nostro accordo e questa statua di incomparabile bellezza dovrà tornare in Italia».
Redazione online

http://www.corriere.it/cultura/10_febbraio_11/confiscata-statua-lisippo_367805aa-1704-11df-a022-00144f02aabe_print.html


news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news