LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Marche. Biglietto di ritorno per il Lisippo
13 FEBBRAIO 2010, CORRIERE ADRIATICO




Il Gip ordina la confisca, il Getty Museum fa ricorso. “Un fatto storico per il patrimonio culturale”

Pesaro E’ una vittoria storica”, una “decisione illuminante e illuminata”, “apripista per il ritorno di tanti capolavori illegalmente finiti all’estero” l'ordinanza del Gip di Pesaro Lorena Mussoni, depositata ieri, che ha disposto la confisca dell’Atleta di Fano, attribuito a Lisippo ed attualmente in possesso del Getty Museum. La Fondazione Getty però non appare intenzionata a cedere le armi e annuncia il ricorso in Cassazione. Non sono esclusi nuovi colpi di scena per il capolavoro - una statua in bronzo a grandezza naturale, che ritrae un atleta nell’atto di aggiustarsi la corona della vittoria - ripescato da pescatori fanesi in Adriatico nel 1964 e approdato negli Usa in circostanze mai chiarite.

Anzi, sufficientemente chiarite per il Getty Museum, che ha sempre sostenuto la sua buona fede nell’acquisto. Decisamente oscure per il gip pesarese, che ipotizza un collegamento con il reato di esportazione clandestina di opere d’arte e definisce “negligente” il comportamento del museo, che non avrebbe controllato la provenienza dell’opera, né le autorizzazioni dello Stato italiano.

L’esposto

Autorizzazioni che non potevano esserci, dato che il ritrovamento del bronzo non è mai stato denunciato, mentre altri procedimenti italiani si sono conclusi con assoluzioni, ma per ricettazione, reato che non ha nulla a che fare con l'esportazione clandestina. Il Gip ha accolto in toto le richieste presentate dal Pm Silvia Cecchi, dopo un esposto dall’associazione “Le Cento Città” presentato dal compianto avvocato Tullio Tonnini e patrocinato dal figlio Tristano, e sostenuta anche dall’avvocatura dello Stato, che oggi ha ribadito la “malafede” del museo.

Ma mentre a Fano si festeggia e si comincia addirittura a pensare a una degna collocazione per il capolavoro, si profila un altro braccio di ferro tra Italia e Usa: l’ex ministro dei Beni culturali Francesco Rutelli ricorda l’accordo del 2007 con il museo Getty, “che ha già consentito il ritorno di decine di capolavori nel nostro Paese e alla fine di quest’anno della Venere di Morgantina in Sicilià, accordo che affidava “a decisione terza, quella della magistratura, la destinazione finale del capolavoro”.

La Fondazione Getty risponde subito picche: l’accordo non obbligava in alcun modo il museo californiano a sottoporsi alla decisione del tribunale di Pesaro, Rutelli “non doveva avere una copia del testo di fronte a sè”. Tutto regolare, secondo la fondazione Usa, anche sul fronte degli acquisti, con contratti “in maniera appropriata” e “la pratica standard’' di una garanzia di 42 mesi.

Le reazioni

Tra i primi ad intervenire Francesco Rutelli, ex ministro della Cultura. “Si tratta - ha detto - di una decisione di importanza storica, che mette fine alla vecchia stagione del saccheggio del nostro patrimonio archeologico”. Secondo l’Avvocatura dello Stato la confisca “l’efficacia dell’azione svolta dall’Avvocatura dello Stato a sostegno della politica di recupero e difesa dei beni archeologici”. L’avvocato dello Stato Maurizio Fiorilli ha aggiunto come nel processo si sia dimostrato che l’acquisto del Lisippo “non è stato fatto in buona fede” e ci sia stato anzi “occultamento delle prove”. Soddisfazione è stata espressa anche dal ministero per i Beni e le attività culturali. “La sentenza - riferisce una nota - pone un punto fermo a una complessa vicenda, Il Ministero auspica ora un’approfondita riflessione che porti a un riesame da parte dei vertici del museo statunitense della richiesta di restituzione dell’opera”. Plauso è venuto anche dai parlamentari Mario Cavallaro e Andrea Marcucci (Pd), Claudio Barbaro (Pdl); dall’assessore Vittoriano Solazzi, dal consigliere regionale Giancarlo D’Anna e dal sindaco di Fano Stefano Aguzzi.

Tra coloro che cantano vittoria, c'è già un vincitore morale: l’associazione “Le Cento Città” che si occupa di valorizzare e divulgare la storia del territorio marchigiano. Un piccolo Davide che ha affrontato Golia con la fionda di un semplice esposto alla magistratura , decidendo di far andare avanti il procedimento. Secondo lo storico Alberto Berardi, uno dei fondatori del sodalizio, “è il successo della legalità e della moralità contro la forza del denaro”.
Alessandra Massi



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news