LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - costruzione di San Domenico Maggiore
Carlo Avvisati
15/02/2010 IL MATTINO



Era era il 1684, quell’anno a San Domenico Maggiore, la somma destinata alle funzioni delle Quarant'ore, ovvero per l'esposizione del Sacramento all'adorazione dei fedeli, fu di ben 281 ducati. E, oltre al denaro destinato a tal «Ciccio Provenzale per la musica con più strumenti», la maggior parte della cifra servì non solo per pagare Cosimo Pinto che aveva accomodato la «macchina antica che vedesi tutta consumata» ma anche per liquidare i pittori e gli indoratori che ridipinsero le tele e coprirono il legno con argento a foglia e oro macinato, per le cinque persone che per quasi una settimana avevano «allumato la macchina», per «l'apparatura della chiesa» e persino per chi aveva portato i «lutti per coprire le finestre».

La «macchina antica» non era altri che la cosiddetta «macchina delle quarant'ore», una struttura grandiosa il cui fine ultimo era quello di sottolineare in maniera straordinaria, in prossimità della Pasqua, il tempo trascorso dal Cristo nel sepolcro, prima della resurrezione. Della costruzione di San Domenico Maggiore, alta quasi sette metri: un vero e proprio monumento del Barocco napoletano, del suo fortuito rinvenimento e del restauro dirà Ida Maietta, storica dell'arte della soprintendenza ai Beni storici di Lorenza Mochi Onori, domenica prossima (alle 11) a Castel Sant'Elmo, dove la macchina si trova attualmente esposta.

I documenti che raccontano dell'opera e della sua costruzione sono stati individuati da padre Giovanni Ippolito tra gli scaffali della biblioteca del convento. La ricerca ha consentito così di appurare che per la prima macchina realizzata, la «macchina nuova», nel 1659, il priore chiedeva al consiglio una maggiorazione ai duecento ducati previsti per le spese destinate alle sacre funzioni. Presto, tuttavia, gli stanziamenti per la struttura di San Domenico divennero ben consistenti perché la «macchina» entrò in competizione con quelle simili costruite per altre chiese napoletane: San Paolo, Girolamini, Gesù Nuovo, dove, come sottolineò Domenico Confuorto, si ammiravano «macchine di smisurata grandezza, bellissime ad olio e cera». E, dunque, aumentarono le lucerne - nel 1727 furono ben trecento per un consumo di olio pari a 26 stara: 260 litri circa - e i pochi musici e cantori dei primi anni divennero una vera e propria orchestra con un esercito di cantanti tanto che nel 1742 la cifra spesa per l'intero apparato musical-vocale fu pari a 1281 ducati per nove, tra tenori, contralti e soprani, e quindici suonatori, tra violini, violoncelli, arciliuti, oboe e corni da caccia. Insomma, la scenografia e la messa in funzione della macchina doveva essere uno spettacolo grandioso ed era il risultato finale «di uno straordinario lavoro di collaborazione, che con il tempo purtroppo si è perduto, tra artisti come Domenico Antonio Vaccaro, Ferdinando Sanfelice, Nicola Tagliacozzi Canale e artigiani di altissimo livello» sottolinea Nicola Spinosa. Una «macchina» formata da alcuni elementi essenziali e tanti altri che avevano solo funzione scenica. In particolare, c'era un baldacchino, di forma quadrata, impreziosito da stoffa ricamata, che stava sospeso alla volta della navata; quindi un cielo (detto paradiso o gloria) fatto di nuvole dipinte e in cartapesta che faceva da cornice a uno o più dipinti con soggetto biblico. Ancora, una grandiosa raggiera coperta di oro e argento, detta «Bocca d'opera», inglobava il trono - destinato a accogliere l'Ostia Consacrata - in argento massiccio. Seguivano, il paliotto dell'altare (in argento e seta, con ricami preziosi), la scala, la gradinata, fiancheggiata dagli «splendori»: candelieri con decine di braccia che reggevano candele o lucerne, spesso in argento massiccio, fittate o prese in prestito, e per questo ben custodite e a volte persino legate. «Insomma» sottolinea Maietta «abbiamo recuperato e restaurato con gli specialisti di ”Ambra” un documento storico e scientifico di valore eccezionale. E che dopo la mostra sul Barocco tornerà a San Domenico Maggiore perché chiunque lo possa ammirare anche in seguito».



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news