LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Anche incappucciato Pasquino non sta zitto
15/02/2010 IL TEMPO



La statua parlante della città è stata restaurata. Tutti in fila a scattare foto e ad attaccare poesie nonostante sia ancora coperta dopo il restyling. A breve la presentazione.

Il Pasquino, la statua parlante di Roma, ancora coperta dopo il restauro «Potete pure fasciarlo ma Pasquino non starà mai zitto». Chi ha attaccatto quel biglietto ha proprio ragione. Perché la più celebre statua parlante di Roma continua ad essere una meta imperdibile del buon turista. Ma è anche un pezzo unico di storia popolare e sono tanti i romani che non rinunciano a fargli visita. Nonostante da quattro mesi sia coperto dagli sguardi indiscreti. I lavori di restauro sono iniziati il 14 ottobre scorso. A dicembre sono finiti. E i romani ora chiedono di svelarlo. Di non aspettare ancora. Perché quei versi irriverenti, quelle rime di sfida al potere costituito sono una tradizione, un costume che affonda le radici nella storia della città.

Senza le «pasquinate» quell'angolo tra via del Governo Vecchio e via di San Pantaleo perde l'anima. Dal XVI al XVIII secolo i foglietti affissi di notte sulla statua erano il modo per sfogarsi contro la corruttela dello Stato Pontificio. Così come faceva il leggendario Pasquino (anche se non si sa bene chi fosse, un fabbro, un sarto o un letterato). Oggi sono diventati la sfida sarcastica rivolta a politici e istituzioni. Anche ieri gruppi di amici, turisti, giovani coppie e famiglie al completo si soffermavano davanti alla statua. La sorpresa e il rammarico di trovare un Pasquino imbacuccato era tanta. «Speriamo che ce lo restituiscano presto», sospira una ragazza al fidanzato.

Intanto due anziani si avvicinano per leggere meglio una satira attaccata sul lato destro della statua. Riporta la data del 23 dicembre scorso. L'autore si rivolge al «caro Pasquino» e gli confessa tutta la sua nostalgia: «Quanto mi ha fatto male il vederti l'antivigilia di Natale accartucciato come un pacco postale da spedire in un luogo non si sa quale».

Ma se la statua è stata incappucciata è proprio per riportarla al suo antico splendore. I lavori di restauro al busto marmoreo in stile ellenistico, risalente forse al III secolo a.C., sono stati voluti ed effettuati grazie all'associazione abitanti centro storico. Un'iniziativa che ha già permesso di far risplendere altre tre statue parlanti (l'Abate Luigi di piazza Vidoni, Madama Lucrezia in piazza San Marco e il Facchino di via Lata) grazie a 70 mila euro di sponsor privati e al contributo di Regione e Provincia, d'intesa con il Comune e la Sovrintendenza. «Aspettiamo da un momento all'altro che Municipio e Sovrintendenza ci comunichino il giorno della presentazione ufficiale - spiega Viviana Di Capua dell'associazione abitanti centro storico - noi l'opera l'abbiamo consegnata all'inizio di dicembre. Poi sono stati fatti altri lavori per la protezione in ferro. Adesso è tutto pronto».



Dario Martini



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news