LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - ROSIGNANO. Ferma da anni la più grande operazione edilizia sul territorio: 327mila metri quadrati di cui 29mila del Comune
ANDREA ROCCHI
MERCOLEDÌ, 17 FEBBRAIO 2010 IL TIRRENO


Perché l’amministrazione comunale si affretta a trovare una nuova sede per il distretto sanitario fuori dall’H5? La risposta è semplice: perché sulla madre di tutte le lottizzazioni - la famigerata cerniera urbana (327.366 metri quadrati di cui 29mila comunali) - cala da anni un silenzio di tomba. Tutto è fermo, non si muove un mattone.
Dei piani attuativi, manco l’ombra.
Per evitare, dunque, che il distretto (che l’Asl finanzierà coi 12 milioni delle due Rsa di Cecina e Rosignano) finisca imbrigliato nelle beghe dell’H5, palazzo civico è corso ai ripari: si farà, ma altrove
Ci domandiamo, allora: che succede al famigerato nuovo centro? Perché gli investitori non partono? C’è forse qualche problema tra le norme dello strumento urbanistico? Il sindaco Alessandro Franchi ribadisce che, sul piano normativo e dell’iter del regolamento urbanistico, «l’amministrazione comunale ha finito il suo compito». E conferma che sul tavolo dell’ufficio tecnico, almeno per la parte del comparto più grande - il 3T2 -, non ci sono progetti. Qualcosa, semmai, si muove per l’altra parte del comparto, quello più piccolo: carico residenziale di 35mila metri cubi, imprese aderenti a Confcooperative che hanno acquistato alcuni terreni e fatto i progetti, e percorso di partecipazione avviato dal Comune.
Strana storia quella dell’H5: negli anni’90 era un’ampia superficie Peep, destinata cioè all’ edilizia popolare. Poi il Piano Regolatore ne ha cambiato i connotati, facendola diventare strategica e sviluppando appetiti edilizi e commerciali. La Variante del 2002 ne ridusse l’impatto, poi col nuovo regolamento urbanistico, l’H5 è diventato un comparto «fatto salvo». Una scelta che, siamo nel 2008, Socialisti, Lega Nord e Forza Italia contestarono: perché - si disse - si era sì ridotto l’impatto del cemento sulla costa, ma si era «riempito di case proprio l’H5»: almeno 300 alloggi in più.
Polemiche a parte, è passato un anno e mezzo e la situazione della «cerniera urbana» è rimasta immutata. Anzi, semmai si sono accresciuti i dubbi e le titubanze degli investitori sulla redditività di certe operazioni. Pensiamo, per esempio, a Unicoop Tirreno che detiene la maggioranza del comparto 3T2. In quest’area la Vignale Immobiliare Srl rilevò circa 8 ettari di terreno dal concordato della Concrete (consorzio di imprese che faceva capo all’imprenditore livornese Saporito): qui doveva ricavarvi il nuovo supermercato, lasciando l’attuale sede dell’area Berti-Mantellassi. Ma la Vignale Immobiliare, costola di Unicoop, era interessata anche ad una parte di residenziale: non la fetta più grossa, ma comunque una parte consistente. I parametri urbanistici del comparto, del resto, prevedono oltre ad una grande struttura di vendita (la nuova Coop), commerciale-direzionale per 25.000 mc, 95mila mc di residenza, 15mila mc di turistico ricettivo (circa 120 posti letto), parco urbano per 91mila mq e, appunto, il famoso distretto. Che adesso, in fretta e furia, fa le valigie.
E’ cambiato qualcosa nelle volontà degli investitori?
Più che il quadro politico e normativo, ad originare questa lunga fase di stop sembra essere il mercato. Da Riotorto, al momento, non si fanno previsioni ma stando a fonti ben accreditate Unicoop non vede, nell’attuale, un buon momento per investire. Costi elevati da sostenere per chi costruisce e mercato immobiliare ancora addormentato. Stesso discorso per le altre proprietà più grandi, interessate al residenziale e al turistico ricettivo. Dunque, l’H5 resta la grande incompiuta, il nuovo centro un progetto in alto mare e alcuni previsioni di palazzo civico rischiano di finire in cantina.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news