LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - Lo storico Cardini: «È arrivata l’ora di agire per una Legge speciale»
LETIZIA CINI
LA NAZIONE – 17 febbraio 2010

Confida di non nutrire eccessiva fiducia negli appelli corali Franco Cardini, storico e saggista italiano specializzato nello studio del Medioevo, ma anche profondo conoscitore delle vicende politiche fiorentine. Tanto che sei anni fa, era il giugno del 2004, si era iscritto alla corsa per Palazzo Vecchio: «Sono molte le cose che non vanno scuote la testa. Ma le soluzioni andrebbero ricercate nel dialogo politico». Professor Cardini non sembra entusiasta della proposta lanciata dal presidente dell'Osservatorio giovani editori, Andrea Ceccherini: «Firenze smetta di dividersi fra Guelfi e Ghibellini e cominci a unirsi e fare squadra per tornare a vincere». «Sarà perché io sono Ghibellino e me ne vanto. Resto convinto che se ci fossero più cultura e più onestà nella società civile, non ci sarebbe bisogno di lanciare appelli. Purtroppo dobbiamo fare i conti con le promesse mai mantenute, con lavori pubblici avviati e mai portati a compimento, con grandi e piccoli drammi individuali e collettivi sui quali è caduto il generale disinteresse». Soluzioni possibili? «Esistono e sono nella mani di ciascuno di noi. Il traffico soffoca la città? Smettiamola di prendere due o tre auto a famiglia. Firenze è sporca? Cerchiamo di collaborare nella sua pulizia curando il proprio condominio, la propria strada. Pensiamo alla solidarietà, rispettiamo l'ambiente: non tollero chi non ha ancora capito e organizzato la raccolta differenziata: metterei multe pesantissime. Facciamole queste cose... Sembra poco, ma è un grande passo». Da dove inizierebbe? «Personalmente ho già iniziato, abolendo l'uso dell'auto nel 1995. Se vogliamo veramente fare squadra per ripulire e rilanciare Firenze, cominciamo col farlo in prima persona. A partire dal dare il buon esempio». Non guidando ricorre ai mezzi pubblici: la nascita della tramvia per lei rappresenta il salto di qualità? «In senso assoluto, credo di sì. Ma voglio spezzare una lancia a favore di tutti i mezzi di trasporto alternativi a disposizione del pedone, taxi compresi. Un invito che vorrei rivolgere ai fiorentini, come anche a chi li amministra, è di informarsi e di prenderli, ma farlo sul serio. Anche economicamente parlando (visti i costi di auto e assicurazioni, bollo, multe e carburante), scoprirebbero che non c'è poi una grande rimessa. Per non parlare dei benefici che l'assenza di stress garantisce...». Perché la gente continui a scegliere Firenze serve un aeroporto più collegato? «Sono sempre stato contrario all'aumento del Vespucci: è inutile, scomodo e pericoloso: troverei più intelligente ridurlo a un traffico limitato, con voli destinati a città come Parigi, Bari, Palermo, Atene. La Toscana ha già il suo grande aeroporto internazionale, che è a Pisa. Ecco il mio, di appelli: smettiamola di fare questi giochi di campanile banali, capaci di offendere il Medioevo!». Ma alcuni grandi eventi richiedono spostamenti rapidi. «Dire che è necessario un aeroporto più grande perché a Firenze c'è Pitti, è una sciocchezza. Ormai, grazie alle ferrovie, i collegamenti con Roma e Milano sono veloci e continui. E poi, siamo sinceri: la grande moda ce la siamo giocata non certo per l'aeroporto». Una ricetta per far recuperare il suo prestigio internazionale a Firenze? «Questa è una città unica al mondo e deve sviluppare le sue peculiarità: arte, cultura, valorizzare i suoi luoghi meravigliosi». Delle trasformazioni urbanistiche cosa ne pensa? «L'area pedonale del Duomo sembra stia funzionando e la ricaduta, a livello d'immagine, è stata notevole; tanto che ne hanno parlato negli Stati Uniti e in buona parte d'Europa Il battesimo della tramvia è stato un altro successo». Quindi...avanti così? «Firenze è una città sonnecchiosa, che fa fatica a scuotersi, soprattutto per quanto riguarda le iniziative culturali: è questo muro che il sindaco Renzi sta cercando di sfondare». A proposito di cultura, sono in arrivo due grandi occasioni: la Legge speciale per Firenze e l'Anno vespucciano. «Le celebrazioni del grande navigatore sono tutte da giocare e, indubbiamente, questa città merita una legge speciale. Per il semplice fatto che è un unicum al mondo. Ma c'è un piccolo particolare....». Che sarebbe, professor Cardini? «Quando ero un giovane dirigente politico - erano gli anni ‘50-'60 - già sentivo parlare di una legge speciale per Firenze: una proposta che è stata trascinata per mezzo secolo». Quindi? «Le alternative sono due: possiamo continuare a baloccarci rimpiangendo le occasioni mancate, o cominciare a puntare decisamente sulle qualità di nicchia della città. Il nostro patrimonio è l'unicità di Firenze: gli Uffizi non ce li ha nessuno».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news