LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Strade, ponti e aeroporti 28 miliardi solo sulla carta
MASSIMO PAOLI
18 febbraio 2010, IL TIRRENO





Il Governo decide interventi infrastrutturali per 28 miliardi, bene no? Circa 17 di questi miliardi dovranno provenire da privati, l’85% dello stanziamento è per opere nel Mezzogiorno, addirittura ottimo! Che avranno da dire stavolta gli scettici di turno? In realtà ce ne sono molte di cose da dire e non occorre essere scettici o di parte per individuare le stranezze del piano varato dal Cipe. La prima cosa è che questo provvedimento dovrebbe essere una tappa di avvicinamento alla completa realizzazione dei corridoi europei (1, 5 e 24) che transitano su suolo italiano, per i quali sono previsti interventi per ben 75 miliardi che il paese dovrà trovare in un modo o in un altro. Non essendo tutti e 28 per i corridoi, la quota avviata per i lavori “europei” è in realtà appena intorno al 30%. Vedremo come troveremo le altre risorse, visto che, e questo è il secondo punto che desta perplessità, le assegnazioni europee ammontano appena ad un miliardo. Davvero poco ed infatti si arriva presto al terzo punto che stride, dei 28 miliardi stanziati in realtà ben il 65% dovrebbero essere di privati. Sarebbe utile sapere anche quali privati e con quali iniziative di project financing, a meno di non proporre pedaggi ovunque.
Qualcuno glielo avrà detto alla Lega che la Pedemontana sarà a pedaggio anche per i residenti? Il quarto punto che non si capisce è la proporzione ridotta unitaria degli investimenti. Si tratta di opere preliminari, 1,3 miliardi per lo stramaledetto ponte di Messina, l’opera pubblica più stupida della storia del nostro paese, ma anche per il valico del Giovi e la Direttissima Genova-Milano con tanto di super traforo. Una parte sono inizi di lavori, come per le autostrade Brescia-Bergamo-Milano cosiddetta Brebremi, la Cecina-Civitavecchia, la Venezia-Trieste, o la Agrigento Caltanissetta, la quinta linea metro di Milano, o l’alta velocità ferroviaria Brescia-Treviglio, oppure di parziali avanzamenti come per l’infinibile Salerno-Reggio Calabria, la quarta linea metro di Milano e così via. Non c’è un completamento, ma nemmeno un avanzamento verso fasi finali. Le date di inizio lavori oscillano tra 2010 e 2011, ma quelle di fine fanno accapponare la pelle, la media è 2015, che significa 2017 prendendo le medie di ritardo dei lavori pubblici in Italia (salvo alcune che sono in costruzione da sempre come la Salerno-Reggio che finirà solo quando finirà il dominio della ndrangheta).
Qualcuno potrebbe dire, non senza ragione, che per finirli i lavori si devono prima iniziare, ma la filosofia imperante è stata esclusivamente che i lavori si principiano, ma non si finiscono. L’Italia è diventata o si appresta a diventare un gigantesco quanto inconcludente cantiere infinito. Non è solo la superficialità di una politica degli annunci che i nastri li taglia all’inizio dei lavori invece che alla fine. E’ che dietro tutto ciò c’è la levitazione dei costi e il malaffare come sistema. E’ un atteggiamento che non va a gran parte dell’elettorato della maggioranza.
Dulcis in fundo non c’è un euro per le grandi opere di interesse dell’area vasta e livornese in particolare. Si parla della Cecina-Civitavecchia, ma controllerei che ci siano ricompresi il “lotto zero” e l’entrata nel porto di Piombino, perché a occhio, nel provvedimento non se ne parla. Sembra mancare ogni cenno alla ristrutturazione ferroviaria sull’asse Porto-Firenze, senza la quale persino la realizzazione della Piattaforma Europa, sarebbe quasi del tutto inutile.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news