LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Musei siciliani in crescita
Fabio Russello, Veronica Tomassini
LA SICILIA 20 LUG 2004




SIRACUSA. Il Paolo Orsi si colloca nell'Isola dopo quello agrigentino. Per il sovrintendente Voza il vero problema il turismo non stanziale

ACRICENTO. Crateri attici, efebo marmorei e telamoni di tufo cos belli da lasciare senza fiato. C' questo ed altro dietro l'ennesimo exploit del Museo archeologico regionale San Nicola di Agrigento.

Nel 2003 ha sfondato il muro delle 130 mila presenze, mettendo a segno un pi 21 per cento rispetto all'anno precedente. Quest'anno viaggia spedito verso un altro record: superare quota 150 mila. Nei primi sei mesi del 2004, i visitatori sono stati quasi 70 mila contro i poco pi di 58 mila dell'anno scorso, l'anno del record appunto. E il 2003 stato anche l'anno dell'ingresso nella top venti dei musei italiani (il San Nicola 19, mentre nel 2002 era 21). Giuseppe Castellana, che dal 1999 il direttore del San Nicola orgoglioso del dato e non lo nasconde di certo: vero, siamo al 19 posto, ma bisogna considerare che si tratta di una graduatoria che comprende diversi tipi di musei. Il nostro, non bisogna dimenticarlo, specialistico. E infatti se consideriamo soltanto questa categoria noi ci piazziamo ai primissimi posti.
Il San Nicola, che da ormai 5 anni registra incrementi piuttosto sensibili di visitatori una specie di isola felice. Nel Sud il terzo museo pi visitato dopo Napoli Capodimonte e Reggio Calabria.

Il nostro museo - spiega Giuseppe Castellana - da un po' di tempo ha avviato una serie di iniziative collaterali perch l'obiettivo stato quello di dare un'immagine diversa. Ogni anno facciamo un calendario da tavolo che molto ambito, ma abbiamo anche la stagione concertistica e poi le mostre. Dal 25 settembre ci sar quella sull'architettura urbanistica in Sicilia.

Insomma non solo vasi greci, reperti della preistoria e testimonianze della Sicilia Romana anche se ovvio che la ricchezza del San Nicola sono le sue opere d'arte della Magna Grecia, degli anni a cavallo tra il 480 ed il 430 avanti Cristo, durante il massimo splendore di Akragas. Reperti peraltro richiestissimi: Ci sono in programma - spiega subito Castellana -due grandi mostre in occasione delle Olimpiadi, e non a caso sono chiamate Olimpiadi culturali. Al Museo di arte cicladica ad Atene, c' una mostra sullo spinto atletico nelle periferie del mondo greco e noi abbiamo inviato diversi reperti. Poi ce n' un'altra di museo nazionale di Atene Agon. inaugurata il 15 di luglio e che si chiude a fine ottobre. Abbiamo prestato il cratere a fondo bianco con Perseo e Andromeda, che risale al 430 a.C. Era ad inviti e siamo l'unico museo siciliano presente.

Il San Nicola anche l'esempio di come i servizi aggiuntivi possano concorrere nello sviluppo delle strutture museali. Dallo scoi so giugno, oltre che la biglietteria, c' anche il hook shop e tra poco partir la caffetteria. Rimarr aperta durante le ore in cui si potr visitare il museo (da marted a sabato dalle 9 alle 19,30 non stop, domenica e luned dalle 9 alle 13,30].
Quest'anno per questioni di carattere finanziario non stato infatti possibile avviare l'apertura serale fino alle 22. Ma l'obiettivo come conferma il direttore Castellana resta lo stesso: Sfondare il muro del le 150 ml
SIRACUSA. Magra consolazione per la politica del museo vivo. I numeri non premiano l'impegno: Siracusa scacciata dal trono; miseramente. Un offensivo secondo posto, tra le citt dell'isola meno visitate, dopo Agrigento e prima di Palermo, nei luoghi culto della memoria.
Il museo archeologico Paolo Orsi venticinquesimo in Italia, evidentemente poco apprezzato, dal 2003 in qua. Parola del Touring Club Italiano. Una partita giocata male? 1 risultati danno il capoluogo perdente, con un flebile incremento di visitatori: 3,4% contro il 27% registrato da Palermo e il 21 % da Agrigento.

E' una questione di tempo. Gi, potrebbe essere una spiegazione. Il Sovrintendente Giuseppe Voza prova ad individuare la causa e riflette sul meccanismo che muove i viaggi organizzati. Siracusa non rientra tra le tappe stanziali. Cosa vecchia, il vero tallone di Achille della citt: il turismo mordi e fugg, distratto irrimediabilmente dai tre soliti e consolidati punti di arrivo, Messina, Catania, Taormina.
Solo per visitare il museo archeolo-gico"Paolo Orsi" occorrerebbero tre ore buone - afferma Voza - Ci vuole del tempo. I tour operator talvolta lo eludono addirittura perch le soste sono brevi: pochi minuti qui, pochi l, un salto al parco millenario. Non possibile cos.

Pensare che la struttura regionale, ospitata dalla severa Villa Landolina, un opulento giardino a corredo e percorsi guidati tra i pi complessi e innovativi, sorse non a caso in una postazione bari-centrica rispetto al centro storico, Ortigia, e al Neapolis.

La spiegazione potrebbe essere dunque racchiusa in un paradosso, 11 museo troppo all'avanguardia per la citt di Archimede. Attende, da anni, - aggiunge Voza - infrastrutture e strumenti di approccio. Ricordo un tempo in cui si pretendeva che il turista rimanesse in Ortigia e Ortigia non contava un solo albergo. Si vuole pretendere qualcosa di simile.

Siracusa battuta da Paestum e Reggio Calabria. Conosco la realt del napoletano - replica il Sovrintendente - che ha un sistema di trasporti eccezionale. Da noi non accade, non si in sintonia con la tempistica. Il Museo chiede una permanenza pi lunga e che abbia un senso.

Il mea culpa lo deve fare qualcun altro, e non la gestione del Paolo Orsi.

La gestione immutata, dal 1988 ad oggi, dice Voza, e il primato fu assoluto e peculiare sin da allora. La ruota per dal 2003 ha cominciato a girare male, fino allo scacco matto conclusivo.
Non ho il polso della situazione - prosegue il Sovrintendente di Siracusa - posso dire soltanto che il museo, per anni, stato il prototipo della modernit e dell'incremento. Il problema semmai altro, l'avanguardia, la modernit e la proposta non sono all'altezza della fruizione.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news