LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

AMBIENTE - Il governo salva Guido
Giorgio Frasca Polara
TERRA NEWS 17/02/2010




IL CASO. L’esecutivo ritira l’articolo del decreto che prevedeva la Spa. Ma spunta un capoverso grazie al quale il capo della Protezione civile sarà protetto da una deroga alla legge sull’incompatibilità tra incarichi di governo e ruoli amministrativi.

Retromarcia (quasi) completa del governo sulla Protezione civile, ieri in commissione alla Camera. Ritirato, per le proteste semigenerali, quell’art. 16 del decreto-legge che ne prevedeva la privatizzazione attraverso la costituzione di una società per azioni. (E per soprammercato Berlusconi pretendeva che il capitale restasse in sua mano, mentre per tutte le società pubbliche le azioni sono gestite dal ministro dell’Economia.)

Modificato l’art. 3 nella parte contestata dal centrosinistra che garantiva a Bertolaso e ai responsabili delle gestioni commissariali un indecente scudo dalle cause penali (ora riguarderà solo cause civili e amministrative). Ancora: scompare anche la pretesa - sancita nell’art. 15 - che la Protezione civile si arrogasse poteri di controllo sulla Croce rossa. Restano parecchie macchie: l’uso, senza sufficienti controlli, della flotta area di cui si serve il Dipartimento della Protezione civile; la norma che estende alle nuove carceri la condizione “emergenziale”; l’assunzione di altre 150 persone “con procedure straordinarie di reclutamento”; e, soprattutto, il doppio incarico che, con una capriola indecorosa di cui parleremo tra un momento, si ri-conquista Guido Bertolaso.

Domani il decreto va in aula, giovedì approvazione con voto di fiducia (opposizioni comunque contrarie anche a quel che resta), quindi ri-voto in Senato. In parole più povere: è una pietra semi-tombale sul disegno berlusconiano di una quantità intollerabile di poteri (e di mezzi per esercitarli) che avrebbero esteso in misura ancora più abnorme quella pratica già allarmante e quasi sempre abusiva delle centinaia di ordinanze con cui, in nome della Protezione civile, il governo bypassa il Quirinale (a differenza di tutti gli altri atti di governo questi decreti, per la loro natura, non passano al vaglio preventivo del presidente della Repubblica), il Parlamento, la Corte dei Conti, l’Antitrust.

A proposito di Quirinale, la credibilità e il prestigio di Bertolaso hanno subito un nuovo duro colpo con la severa replica di Giorgio Napolitano alle dichiarazioni con cui il responsabile della Protezione tentava di coinvolgerlo nella bufera sostenendo che mai gli erano state fatte obiezioni dal Colle circa le ordinanze. Una vera e propria mistificazione, è stata la reazione: «Non rientra in alcun modo nelle competenze del presidente esprimersi» su atti «di esclusiva competenza del presidente del Consiglio» che anzi Napolitano aveva più volte esplicitamente censurato. Bertolaso ci ripensi e si dimetta davvero, chiedono Pd e Idv.

Ma torniamo ai congestionati lavori della commissione che ha sancito la sconfitta di Berlusconi: tre ore di ripetute convocazioni e sospensioni della stessa riunione per ottenere alla fine la materiale consegna degli emendamenti del governo e della maggioranza, frutto di continui tira e molla per ritagliare spazi giustificatori della sopravvivenza stessa del decreto. Si è così giunti anche al salvataggio-truffetta del doppio incarico dello stesso Bertolaso. Ora sarà protetto da una specifica deroga (art. 15, primo cpv) alla legge sulla incompatibilità tra incarichi di governo e ruoli amministrativi. Sin qui Bertolaso è stato sottosegretario per l’emergenza Campania.

Ma con questo decreto si dichiara chiusa tale emergenza. Allora viene istituita, su misura, la figura del sottosegretario “incaricato del coordinamento degli interventi di prevenzione in ambito europeo e internazionale rispetto ad eventi di interessi di protezione civile” (ultimo in ordine di tempo, il terremoto di Haiti). Il fine della norma è reso sfacciatamente esplicito: e cioè “il mantenimento dell’incarico di Capo del Dipartimento della Protezione civile” al medesimo Bertolaso! Che se costui fosse rimasto formalmente sottosegretario alla Protezione sarebbe scattato il conflitto d’interessi.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news