LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dieci domande a Bertolaso
Raffaele Del Giudice*
TERRA NEWS 17/02/2010



*(direttore di Legambiente Campania)


LO SCANDALO. Tra le altre cose la Protezione civile della guida Bertolaso ormai ha un modus operandi: il problema non lo risolvo ma molto semplicemente non lo faccio più vedere.

In Campania è difficile tirare un bilancio sul lavoro svolto dalla Protezione civile perché non è mai iniziato. L’emergenzia non è mai finita. Tra le altre cose la Protezione civile della guida Bertolaso ormai ha un modus operandi: il problema non lo risolvo ma molto semplicemente non lo faccio più vedere. Esiste un problema, basta che evito di renderlo visibile.

Nel frattempo vado avanti con dei poteri riconosciuti da tutti, assolutamente in deroga a qualsiasi cosa, che mi permettano di fare delle azioni sul territorio. Si tratta delle emergenze usate per l’azione politica del territorio. Un fatto gravissimo che anche Legambiente ha denunciato. In una situazione del genere è normale rivolgere le dieci domande a Bertolaso.

Prima, davvero si doveva aspettare che scoppiasse il casino per intervenire visto che era chiaro fin dall’inizio che quelle discariche non erano a norma? Punto secondo, perché non sono stati realizzati impianti che ci permettano di uscire dall’emergenza rifiuti? Faccio solo un esempio: tuttora in Campania non c’è nemmeno un impianto di compostaggio. Inoltre allo stato attuale, ancora oggi, nessuno può entrare negli impianti Cdr per capire cosa sta accadendo, a vedere le discariche in che condizioni stanno. Tre, non si sa il percolato dove lo stanno portando e che fine fa. Quattro, le ecoballe vengono prodotte o non vengono più realizzate? Altra questione. Ogni isola ecologica aperte durante il picco d’emergenza (in cui i cittadini furono invitati a consegnare la propria raccolta differenziata) è stata chiusa. Il motivo nessuno lo sa.



Una spiegazione dovrebbero darla, visto che i Comuni sono stati spinti, sotto quell’emergenza creata a tavolino, a fare finalmente la raccolta differenziata. Ma ora con il passaggio delle competenze alle Province gli enti locali cosa faranno? I Piani per la differenziata consegnati dai Comuni diventeranno carta straccia? E le Province dovranno creare un maxi consorzio abbracciando tutti i Comuni? Per non parlare delle società che si interessano della raccolta dei rifiuti, per conto degli enti locali. Come verranno organizzate? A quali norme dovranno attenersi? E il mancato introito della tassa sui rifiuti, che d’ora in poi andrà alle Province, come verrà compensato nelle casse comunali?

Trovo questa situazione vergognosa. È come quando i bambini scavano una buca per giocare. Sta avvenendo la stessa cosa: si scava una fossa, poi si vedrà. Siamo di fronte alla mancata programmazione e all’utilizzo dell’emergenza per la gestione del territorio. Per gli impianti di Cdr nei vari decreti era previsto l’ammodernamento, per renderli adatti al trattamento meccanico biologico. È stato fatto? Poi c’è tutta la questione delle discariche non bonificate. Su Taverna del Re e Giugliano il sottosegretario si sprecò in promesse ai cittadini, garantendo la bonifica.

E parliamo delle discariche delle ecomafie, quelle del cosiddetto Quadrilatero della morte (Giugliano, Qualiano, Villaricca, Parete), dove (grazie a numerosi pentiti, i cui racconti sono stati poi accertati dalla magistratura) si è saputo venissero scaricati rifiuti talmente pericolosi che morivano anche i topi. Tutte aree prontamente individuate dagli inquirenti. Chi deve bonificarle? E quando? Questi interventi non sono mai nemmeno partiti. Neanche su un singolo metro quadro. Inoltre per le bonifiche veniva usato il termine gravissimo “misura di compensazione”. Il risanamento di un territorio non è mai una compensazione, ma un atto dovuto che non può diventare merce di scambio. E tutte le promesse di Bertolaso per la Campania sono finora cadute nel dimenticatoio.



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news