LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Verifiche strutturali: appalti per il G8 alla Maddalena
Simonetta Lombardo
TERRA NEWS 14/02/2010 - 10:30






BERTOLASO. Continuano le rivelazioni sugli appalti per il G8 alla Maddalena. Oltre al sistema per gonfiare le spese si indaga anche su possibili carenze nella realizzazione delle opere. Il Pd chiede le dimissioni dopo i dubbi iniziali.

Dalla gelatina al blob. È destinato a crescere l’affaire Bertolaso & C. Dalle carte dell’inchiesta fiorentina viene alla luce il sistema con cui si sono gonfiate le spese per la costruzione delle strutture del G8 alla Maddalena, e anche la possibile debolezza strutturale di alcuni dei manufatti (le fondazioni della Main conference hall, la famosa Casa del mare, non sarebbero fatte a regola d’arte).

Il sistema di tangenti, favori, preventivi che si alzano per rimpinguare le casse dei corrotti e svuotare quelle dei cittadini ha diramazioni che stanno già tirando in causa la Rai, i servizi segreti, lo strozzinaggio organizzato e la camorra. Dalle intercettazioni si capisce che il gruppo di inquisiti di via della Ferratella, una delle sedi romane della Protezione Civile, aveva inevitabili rapporti con il ministero delle Infrastrutture (e del resto il primo degli indagati, Angelo Balducci è stato nominato nel consiglio dei Lavori Pubblici per conto del dicastero) e con una pletora di uffici ed enti pubblici. L’opposizione chiede le dimissioni di Bertolaso, il governo, con in testa il ministro Altero Matteoli, fa quadrato attorno al sottosegretario. Prima la Maddalena e le spese gonfiate.

Nel 2008 è stato complessivamente stanziato più di un miliardo di euro per l’evento G8, parte dei quali destinati alla costruzione e al restauro delle strutture militari dell’isola. E già nel 2008 - secondo quanto si legge nelle carte dei giudici - una dipendente del ministero delle Infrastrutture telefona al dirigente della Ferratella Fabio De Santis, per comunicargli che nel progetto definitivo della Main conference hall, la cui costruzione è affidata a Diego Anemone, è previsto un aumento del 50% delle spese. Significa un maggiore guadagno per chi sta costruendo l’opera e per chi prende le tangenti.

A dare una mano sono i progettisti che - sempre dalle carte - si prestano a far lievitare i costi. Si legge nell’ordinanza di custodia cautelare che uno degli architetti, Marco Casamonti (le cui intercettazioni hanno di fatto dato il via all’indagine, che in origine partiva come un’inchiesta su un progetto fiorentino del costruttore Ligresti) si vanta con il padre di aver fatto lievitare i costi dell’albergo che sta progettando di ben 70 milioni di euro e che per farlo ha presentato una parcella di 2 milioni. È lo stesso Casamonti, per ora non coinvolto nella vicenda giudiziaria, che spiega: «Balducci ha avuto carta bianca di usare le sue imprese. Praticamente di non fare neanche le gare d’appalto».

Perché il punto è proprio questo: il continuo regime emergenziale con cui sono state gestite le opere pubbliche negli ultimi anni ha di fatto cancellato le procedure di trasparenza e garanzia. E compromesso, forse, anche la sicurezza. Sempre dall’indagine emerge che «l’ingegnere Susanna Gara (del ministero delle Infrastrutture, ndr) manifesta anche preoccupazione per le gravi carenze tecniche della progettazione delle opere di fondazione affidate all’ingegner Silvio Albanesi, che si è pure fatto promotore di uno sconsiderato aumento di spesa» sempre per la Main Conference Hall, vanto di un architetto come Stefano Boeri.

Insomma, il calderone ribollente non ha ancora prodotto tutta la sua forza distruttiva. E non è quindi un caso che il governo, dopo la difesa a spada tratta dello stesso Berlusconi, si schieri a protezione di Bertolaso: «Deve restare alla guida della Protezione Civile - afferma il ministro delle Infrastrutture Matteoli - perché ha dimostrato di essere professionalmente capace ed efficiente. Non potrà essere un’inchiesta in corso su accuse da dimostrare che lo può obbligare a farsi da parte». Ma il leader del Pd Bersani taglia le esitazioni dopo i dubbi iniziali: «Spero che lo capisca da solo, sennò bisognerà chiederle».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news