LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CECCANO - «Una cattedrale nel deserto ormai simbolo del degrado»
Marco Pirri
IL TEMPO 19/02/2010





Il ritorno dell'attenzione su uno degli sprechi «storici» riguardanti la città fabraterna, ovvero quello che sarebbe dovuto essere l'ospedale di via Morolense, iniziato nel novembre del 1971 con una spesa prevista di trecento milioni di lire, lievitata ben presto oltre il miliardo e mai completato benché siano trascorsi quasi quarant'anni, ha suscitato le reazioni della politica cittadina.


Sia da parte del centrodestra che del centrosinistra, infatti, arrivano critiche alle scelte politiche e gestionali che dall'epoca si sono trascinate fino ai giorni nostri. Da una parte l'assessore provinciale al turismo, sport e spettacolo Massimo Ruspandini parla «Di assenza di progettualità politica che ha contraddistinto gli ultimi quarant'anni e che ha dato vita a una vera e propria cattedrale nel deserto che, data l'incapacità di recuperare tale area, come quella dell'Annunziata, è assurta a simbolo di degrado. Non è un caso, infatti, che dall'esterno Ceccano sia vista come la città delle cattedrali nel deserto». Il consigliere di minoranza Angelino Stella sottolinea come «Per quanto riguarda l'ospedale di via Morolense si sia trattato di un clamoroso errore. Ora quella struttura dovrebbe essere abbattuta attraverso un'implosione, per restituire ai cittadini un valore ambientale e paesaggistico importante. Ovviamente i rifiuti derivanti dalla struttura andrebbero smaltiti in discariche autorizzate». L'ex primo cittadino Angelino Loffredi, dal canto suo, pone l'attenzione sui mancati controlli effettuati dalle istituzioni e dai cittadini nel corso degli anni. «La mancata costruzione dell'ospedale di via Morolense – afferma Loffredi – simboleggia il fallimento di una gestione verticistica e unilaterale del progetto, allora finanziato e gestito dalla Cassa del Mezzogiorno. Situazioni come queste, che si trascinano per anni senza una soluzione, accadono quando viene a mancare una vigilanza istituzionale e della cittadinanza adeguata». Quel che è certo è che quello che avrebbe dovuto essere l'ospedale oggi è solo uno scheletro che non fa altro che danneggiare una città, quella fabraterna, già duramente colpita da un'emergenza ambientale di cui appare oggi difficile uscire. Per questo è necessaria da parte delle istituzioni a tutti i livelli, una maggiore attenzione per il recupero di aree come quella di via Morolense, che si stagliano come simboli dello spreco sullo sfondo di una città che ha vissuto gli ultimi quarant'anni in attesa del completamento di un ospedale che sarebbe dovuto essere uno dei migliori della provincia. Un sogno, però, rimasto irrealizzabile e a cui nessuno è riuscito a dare un futuro concreto.




news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news