LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Piove sugli affreschi del Seicento nella cascina che fu dei Borromeo
Laura Bellomi
La Repubblica – Milano 20/2/2010

La cascina in via Lorenteggio fu dimora dei Borromeo, adesso è senza tetto

Alla Cascina Robarello, in fondo a via Lorenteggio, i fregi seicenteschi di quella che fu una residenza della famiglia Borromeo marciscono sotto l'acqua. Il tetto è crollato, ormai un anno fa, e da allora i puttini con gli occhi verso l'alto guardano davvero nuvole, sole e stelle: niente li separa dalle bellezze del cielo come dalle intemperie.
Mentre Comune, Sovrintendenza e proprietari cercano di trovare un accordo per ridare un tetto alle decorazioni, i colori deperiscono. «Il tetto è crollato tutto d'un botto, portandosi dietro le travi e il soffitto a cassettoni - dice Gaetano Pecora, proprietario dell'ala di cascina con gli affreschi - lanciamo un ultimo allarme: non si può aspettare oltre, bisogna intervenire prima che sia troppo tardi». A difesa della cornice floreale è intervenuta anche la Sovrintendenza, che ne ha imposto la tutela. «Lettere, raccomandate, saggi e relazioni tecniche, alle nostre richieste di restauro, il Comune per ha sempre fatto finta di nulla - racconta Gaetano Pecora - l'ultima richiesta all'ufficio tecnico l'abbiamo inoltrata settimana scorsa. Risultato, non è cambiato niente». Nessun documento ufficiale, da parte dei tecnici del Comune però, una risposta orale c'è stata: «Dicono che l'area è inserita in un piano attuativo a iniziativa pubblica, e che lavori straordinari non sono possibili. Ma per sistemare un tetto intero in queste condizioni non possiamo certo agire per via ordinaria», spiega Salvatore Pecora, figlio del proprietario che in questi anni si è dato da fare fra documentazione e solleciti. In fondo a via Molinetti di Lorenteggio, davanti a quello che doveva diventare un deposito container delle ferrovie e che oggi invece è una struttura di cemento e ferro ridotta a uno scheletro, i proprietari iniziano a chiedersi se gli interessi dell'amministrazione per l'area non siano altri: «Fra le ipotesi di sistemazione di questo tratto di terreno lungo il Naviglio c'è quella di far proseguire la strada che dal cavalcavia Giordani oggi si interrompe con una bretella incompleta che punta dritta alla cascina. Già anni fa, per far passare la fogna è stata abbattuta la cappella, non vorremmo che gli affreschi e la corte facessero la stessa fine». I lavori dunque, restano al palo. Ma se le mappe dell'Ottocento parlano di due corti, una rustica e una civile rivolta verso il Naviglio, un giardino con peschiera, pergolati, viali e ripa piantumata, oggi il panorama della cascina è ben diverso: «Anni di abbandono e l'impossibilità di intervenire con i lavori hanno reso il posto desolante, nonché richiamo per senza tetto e disperati in cerca di un rifugio», dice ancora Gaetano Pecora. Il piccolo gioiello alle porte di Milano, rischia di fare una brutta fine. Eppure, secondo i rilievi degli esperti, gli affreschi sarebbero una derivazione delle Imprese sacre di Paolo Cesare Arese, vescovo e artista, oratore funebre di Federico Borromeo nel 1631: «Il fregio alterna un motivo ornamentale a girari floreale con putti alternati a quattro emblemi: il rametto di Corallo col motto Indurabitur, la Bilancia col motto Gaudet sorte, l'Elefante e un frammento della Fortuna», si legge nella relazione dello storico dell'arte Andrea Spiriti. Per riparare i colori i proprietari hanno cercato di sistemare alla meglio dei teli di cellophane. I motti affrescati, possono solo cercare di farsi beffa del destino, ma vento, neve e pioggia non fanno sconti.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news