LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - Governatori, preoccupatevi del territorio: emergenza frane e programmi elettorali
22/02/2010 IL SECOLO XIX


Le immagini agghiaccianti in diretta della frana di Maierato e delle ferite inferte alle case di Sanfratello, sono scioccanti e impongono una riflessionie profonda e allargata. Profonda perchéè ormai doveroso passare dalla cultura dell'emergenza a quella della gestione del territorio, allargata perché siamo tutti chiamati in causa, in primis le istituzioni, per dar vita a una vera rivoluzione culturale. In un Paese che ha fatto della gestione dell'emergenza un modello di efficienza a livello mondiale, manca del tutto infatti la cultura della prevenzione. Al punto che, giocando con le sigle, basterebbe cambiare il significato dell'acronimo Pc, da Protezione civile a Prevenzione civile, ma purtroppo non si riesce con altrettanta facilità a investire in programmazione.
Oltre la battuta si cela però il vero punto dolente dell'Italia su questo tema, inefficiente e inefficace com'è nel prevenire i tanti, davvero troppi, disastri naturali annunciati. Non è solo un problema legato all'incremento della sinergia e dell'interazione fra i numerosi enti che sovraintendono la gestione del territorio, è soprattutto una questione di consapevolezza circa i limiti di puro buon senso da osservare nel rapporto fra uomo e ambiente. Non aver imparato ancora nulla o quasi, dalle tante drammatiche e dolorose lezioni che la natura, ferita e offesa, ci ha impartito, è sintomo di un pericoloso strabismo intellettuale che ci porta a guardare solo alla dimensione speculativa, cara a una certa visione economica, e non nella giusta direzione di un armonioso e possibile sviluppo urbanistico territoriale.
Il nostro è un Paese naturalmente esposto al rischio di sollecitazioni idrogeologiche distruttive, con un terreno in perenne e magmatico movimento. Da Nord a Sud, Piemonte e Calabria, Liguria e Sicilia, Toscana e Campania condividono il comune destino di territori pericolosi. I dati parlano chiaro: quelli del Cnr indicano in oltre 500.000 le aree a rischio di frana, oltre 16.000 quelle già colpite da inondazioni, di cui circa il 30% in modo ricorrente. È curioso notare come esista una mappatura aggiornata dei disastri naturali che elenca ben 21.00 frane e 15.000 inondazioni già avvenute: ma non vi è traccia di un'inversione di tendenza nel considerare solo episodicamente questi eventi, e questo è il dato allarmante. Stime attendibili quantificano in non meno di 4 miliardi di euro gli investimenti per mettere in sicurezza le sole aree a rischio idrico. Sembrano tanti, ma se non interveniamo ora, il bilancio sarà ben più gravoso in futuro e metterà a rischio altre vite. Ciò che più colpisce è che l'ansia del sacco del suolo, la cementificazione forzata e l'incuria di tutto ciò che è pubblico (reti, fogne, infrastrutture viarie e ponti) hanno cancellato la memoria storica delle generazioni precedenti che si attenevano a prudenti principi basilari. Ed ecco quindi che il Bel Paese collassa, frana, esonda mentre noi scordiamo la lezione delle sagge testimonianze stratificate nella memoria delle nostre comunità.
Non si tratta di ambientalismo di maniera anzi, di difesa dei presidi (quelli virtuosi) della presenza antropica nell'ambiente. Per questo ora è tempo di agire e di inserire quindi nel dibattito politico corrente delle elezioni in corso, precisi vincoli di mandato per la tutela del territorio nelle singole regioni, proprio per convertire le nostre assonnate e distratte coscienze alla cultura della prevenzione, l'unica che può aiutarci a evitare gran parte di quei disastri naturali annunciati che si verificano ormai con preoccupante, crescente frequenza. La credibilità dei candidati presidenti delle Regioni e delle loro coalizioni passa anche per l'impegno che si assumeranno nel gestire il territorio con l'attento monitoraggio delle aree a rischio, la realizzazione di adeguati piani di intervento e il loro relativo finanziamento. Sarebbe bello trovarne traccia nei loro programmi.Alessandro Leto è docente di Relazioni internazionali e Sviluppo sostenibile alla Franklin University ed è senior advisor del ministero degli Esteri per il G8 sul tema dell'acqua e della sicurezza alimentare.




news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news