LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

AQUILEIA - Da Roma altri 1,5 milioni per i Fondi Cossar la città dei patriarchi avrà anche una sede della Soprintendenza (a palazzo Brunner).
ELISA MICHELLUTI
MESSAGGERO VENETO – 23 febbraio 2010

Fozzati: «È fondamentale che in un sito archeologico così importante ci sia un supporto stabile al lavoro svolto da Museo e Fondazione».

Arcus (la Spa del Ministero per i Beni e le Attività Culturali con capitale interamente sottoscritto dal Ministero dell'Economia, il 3% degli stanziamenti previsti per le infrastrutture) ha stanziato, per i prossimi tre anni, 1.500.000 euro per la sistemazione dei Fondi Cossar. L'area, situata a qualche centinaio di metri a nord della Basilica, è stata oggetto di importanti campagne archeologiche, a partire soprattutto dagli anni 50, mentre per il 2010 sono previsti ulteriori interventi di scavo da parte dell'Università di Padova. Recentemente, poi, la Fondazione Aquileia ha approvato le linee guida per l'attuazione di un concorso internazionale di idee, volto alla tutela e alla valorizzazione dell'area dei Fondi Cossar. Obiettivo del progetto sarà principalmente quello di scoprire, attraverso un'esperienza multisensoriale, l'architettura, l'arte, ma anche la vita quotidiana degli antichi romani, che vivevano ad Aquileia ai tempi dell'Impero. Sarà garantita l'accessibilità al Fondo, che sarà collegato alla pista ciclabile Aquileia-Grado e alla vicina area Terminal, in modo da renderlo ancor più fruibile ai tanti visitatori. Ma c'è anche un'altra buona e importante notizia: Aquileia avrà una sede ufficiale della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Fvg, che sarà collocata a palazzo Brunner, per la cui ristrutturazione sono stati stanziati 200 mila euro provenienti dalla Lottomatica. A renderlo noto è il Soprintendente per i Beni Archeologici del Fvg, Luigi Fozzati, il quale fa sapere che, nei prossimi mesi, palazzo Brunner ospiterà anche la direzione del Museo archeologico aquileiese. Già nel 2000, con la ristrutturazione dell'antico foledôr, era iniziata, grazie ai fondi del Giubileo, la sistemazione di palazzo Brunner, di proprietà demaniale. Successivamente, gli ampi locali erano stati resi funzionali e adatti ad ospitare la biblioteca e l'archivio. «E fondamentale spiega Fozzati che nella cittadina archeologica più importante della regione ci sia una sede organica della Soprintendenza, che supporti il lavoro svolto dalla direzione del Museo e dalla Fondazione. Aquileia è un sito prioritario nella geografia delle aree archeologiche del Friuli Venezia Giulia, pertanto è nostra intenzione rendere ancora più stabile la nostra presenza qui». Aggiunge ancora Fozzati: «Proseguiremo con la valorizzazione della città romana anche attraverso l'organizzazione di alcune mostre e continueremo il percorso di conservazione e tutela del patrimonio in modo più sistematico, al fine di scoprire nuove aree archeologiche. Contemporaneamente, cominceremo il restauro conservativo di quanto è già stato scavato. A questo proposito, la nostra priorità sarà sicuramente la zona del Foro romano, all'interno del quale sarà realizzato un intervento importante».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news