LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scoperta a Gabii la reggia dei Tarquini Cinque scheletri di bambini sotto le mura
CARLO ALBERTO BUCCI
VENERDÌ, 26 FEBBRAIO 2010 LA REPUBBLICA Roma



È il primo edificio d´età arcaica trovato con le pareti ancora intatte. Resta da recuperare gran parte della città

Dopo che il "Superbo" fu detronizzato la costruzione venne tumulata. Per questo è arrivata intatta fino a noi


Gli "amabili resti" a Gabii sono gli scheletri di cinque bambini sepolti nelle olle che sono state trovate sotto il pavimento della reggia appena scoperta in cima all´acropoli della città sulla Prenestina. Quei piccoli non furono vittime di violenza, come accade alla protagonista del romanzo di Alice Sebold, o di riti sacrificali. Le loro sepolture infantili servirono anzi a propiziare la costruzione e la lunga vita di un edificio che era la residenza dei Tarquini nella città a 20 chilometri da Roma. Ne sono convinti Stefano Musco e Marco Fabbri, gli archeologi della Soprintendenza di Roma e dell´università di Tor Vergata responsabili dello scavo.
I piccoli angeli custodi della dimora di fine VI secolo a. C. non riuscirono a proteggere la casa dal declino della monarchia. Detronizzato Tarquinio il superbo e ucciso suo figlio Sesto, le tre stanze di Gabii vennero infatti tumulate. Il tetto e le decorazioni asportate. Gli spazi riempiti di gigantesche pietre. Una damnatio memoriae che ha permesso ai tre ambienti - «avevano funzione di rappresentanza oppure erano destinati a riti sacri», ipotizza Musco - di arrivare intatti fino a noi: con le loro monumentali pareti, con i lacerti di intonaco e con il frammento di un fregio in cui sono rappresentati il Minotauro e i felini: la saga di Teseo liberatore di Creta e fondatore di Atene impiegata da Servio Tullio nella reggia di Roma.

«È la prova che anche la dimora di Gabii è regale. Nessun edificio d´età arcaica in Italia si è conservato con i muri di due metri, è una cosa eccezionale perché di solito gli alzati superstiti sono di pochi centimetri», sottolinea il professor Fabbri.

Attorniato dai suoi studenti, l´archeologo si guarda intorno: rovine e prati a perdita d´occhio. «Sono sicuro che il tetto, certamente ornato di statue e fregi, deve essere sepolto non lontano da qui. E ci sono certamente altri ambienti del palazzo da portare alla luce». A guardarsi intorno, nei 70 ettari acquisiti dal Demanio nel 1987, c´è anche il sottosegretario ai Beni culturali Francesco Giro: «Sono venuto per ribadire l´impegno del governo nella salvaguardia dell´integrità dell´Agro romano e nella difesa di questo straordinario territorio dall´attacco dei piccoli e dei grandi abusi edilizi».

In avanti guarda il soprintendente Angelo Bottini, anche se il 5 marzo andrà in pensione dopo cinque anni di regno a Roma. L´archeologo si augura che a Gabii si possa continuare a scavare. Per portare alla luce i due terzi della città ancora sepolta ci vogliono molto più dei 60mila euro rimasti (altrettanti sono quelli che sono stati spesi). E l´incontro di ieri con Francesco Giro sullo scavo della straordinaria scoperta è servito a Bottini, tra l´altro, a sollecitare un maggiore impegno economico da parte del ministero. Ma anche ad annunciare «un accordo con il Louvre per ricontestualizzare i reperti di epoca imperiale, oggi ospitati nel museo parigino, che provengono dalla zona»: prestiti per mostre che riportino a Roma le statue prelevate nel 1797 dai Borghese nella piazza di Gabii imperiale e poi vendute alla Francia.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news