LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PRATO. Un museo nel mulino del Caciolli
ALESSANDRA AGRATI
VENERDÌ, 26 FEBBRAIO 2010 IL TIRRENO - Prato

Guanci (Asvaip) caldeggia il recupero dell’edificio del 1300

L’appello è stato raccolto dal consiglio della Circoscrizione Est. I proprietari sono disposti ad aprirlo al pubblico


A Mezzana, all’ altezza del numero civico 311 di via Ferrucci c’è un mulino del 1300 che avrebbe un gran bisogno di essere ristrutturato. L’associazione Asvaip (Associazione per lo studio e la valorizzazione dell’ archeologia industriale pratese) che si occupa della valorizzazione dei siti produttivi dell’intera Provincia, insieme al settimanale “Metropoli” ha sposato la causa del proprietario Bruno Caciolli che ha chiesto un intervento economico da parte dell’ amministrazione comunale. Un appello raccolto immediatamente dalla circoscrizione est, dove, martedì scorso sono state presentate addirittura due mozioni, una a firma del consigliere Pdl Maurizio Marinozzi e una della consigliera Pd Roberta Lombardi (è passata quello della maggioranza). Al di là della querelle politica è stato votato affinchè il presidente Alessandro Ciardi si faccia promotore verso l’amministrazione comunale perché stanzi un contributo per il restauro e perché il molino, vista la disponibilità dei proprietari ad aprirlo al pubblico, venga inserito all’interno dell’offerta culturale della circoscrizione est.
Il mulino è ascritto tra i beni dello Spedale della Misericordia e Dolce fin dal 1367 nella villa d Mezzana. Nel tempo è passato dall’originario unico palmento ai due del 1698 e quindi ai tre del 1844, azionati da altrettanti ritrecini posti appunto sulla gora di Mezzana. Nel 1943 fu aggiunta una quarta macina, azionata ad energia elettrica. La famiglia Caciolli ha gestito tale impianto fin dal lontano 1652, fino a quando nel 1982 la gora che lo alimentava fu deviata, causandone la dismissione.
«La valorizzazione di questo antico mulino - spiega Giuseppe Guanci presidente dell’ Asvaip è estremamente importante in quanto rappresenta una delle ultime testimonianze del numeroso sistema di impianti molitori una volta presente sul sistema delle gore pratesi». Secondo gli studi dell’Asvaip il mulino potrebbe tornare a macinare magari elettricamente e a scopo dimostrativo, ed al suo interno potrebbe essere allestito un piccolo museo interattivo dell’arte molitoria, con pannelli e attrezzature peraltro ancora esistenti.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news