LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tangenti: indagati tre funzionari della Soprintendenza romana
Giulio De Santis
Messaggero – Roma 27/2/2010

I restauri sarebbero stati effettuati anche con materiali scadenti

Il filone delle indagini sembra destinato ad allargarsi a macchia d'olio

Il pm: «Mazzette per sorvolare sulle irregolarità dei lavori»

Nell'inchiesta avviata dalla procura di Roma su un giro di tangenti per i restauri nella chiese delle Capitale sono tre i funzionari della Soprintendenza romana indagati con l'accusa di concussione. Secondo il procuratore aggiunto Roberto Cucchiari, i tre funzionari avrebbero intascato mazzette per sorvolare su eventuali irregolarità nei lavori che riguardavano i monumenti romani sotto tutela della Soprintendenza. Dall'inchiesta sarebbe emerso che i restauri sarebbero stati effettuati con materiale scadente ed eseguiti senza rispettare le scadenze contrattuali stabilite per la consegna dei lavori. Pratiche illegali sulle quali i funzionari avrebbero sorvolato in cambio di denaro, cene, spese di rappresentanza ed altre elargizioni varie. E’ ormai prossima la chiusura delle indagini dopo l'incidente probatorio svoltosi nelle scorse settimane per trasformare in prova le dichiarazioni di Giuseppe Calleri, gola profonda da cui hanno preso il via le inchieste tra Roma e Terni. Calleri, anche lui indagato, era stato licenziato da una delle imprese capitoline cui sono appaltate le ristrutturazioni. L'allontanamento aveva convinto il dipendente a presentarsi negli uffici della Guardia di Finanza per vuotare il sacco intorno al vorticoso giro di mazzette che si muove da anni nel settore. Stando alla confessione fiume di Calleri, l'impresa aveva anche creato un fondo nero destinato esclusivamente a pagare le tangenti ai funzionari della Soprintendenza. L'inchiesta della procura di Roma si poggia interamente su confessioni, testimonianze, riscontri bancari e altre prove documentali. Un'indagine dove non è stato necessario ricorrere alle intercettazioni per scoperchiare e verificare lo scambio di bustarelle. Come scritto dal settimanale Espresso, i primi passi dell'inchiesta, destinata presto ad allargarsi a macchia d'olio in tutto il Paese, sono datati a circa un anno fa. Tutto ebbe inizio quando la Procura di Temi arrestò tre funzionari della soprintendenza di Perugia e Antonio Antonelli socio di un'impresa romana, titolare di numerosi appalti nel settore dei restauri in tutta Italia. Dopo gli arresti seguirono le perquisizioni nella sede della società. Nella cassaforte dell'azienda vennero trovati 250mila euro, ripartiti in bustarelle con su scritti i nomi dei tre impiegati di Perugia finiti in carcere. Soprattutto però a destare l'interesse degli inquirenti fu un pizzino dove erano elencati in modo dettagliato lavori, persone coinvolte e il tipo di tangente pagata per oliare le pratiche. I lavori di ristrutturazione riguardano chiese importanti come quelle di Sant'Ignazio di Loyola, di Santa Maria della Vittoria, di San Marcello e di un cantiere al Palatino.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news