LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - «Frane, tutta colpa della cementificazione»
27/02/2010 IL SECOLO XIX


le continue piogge hanno provocato centinaia di migliaia di euro di danni
Il sindaco di Bargagli non ha dubbi sulle cause degli smottamenti: «Con le mulattiere non accadeva»
mara queirolo

FRANE, SMOTTAMENTI, muri che crollano, strade che sprofondano: un bruttissimo spot di un paesaggio altrimenti splendido, ma che purtroppo poggia su un terreno che più friabile non si può.
Questo avviene a Bargagli, Alta Valbisagno, e in misura minore anche a Torriglia, ma le responsabilità non sono certo tutte da addebitare al fato maldestro che ha fatto sorgere il paese su una terra che pare molto incline a sbriciolarsi come una brioche. «Io sono convinto - dice infatti il sindaco di Bargagli, Sergio Aveto - che le responsabilità maggiori siano da cercare nella cementificazione del territorio, avvenuta soprattutto negli anni Sessanta e Settanta. Una volta qui c'erano splendide mulattiere in pietra, che assorbivano le piogge, ora invece l'acqua distrugge tutto».
Distrugge e costa carissima: negli ultimi mesi, il comune ha dovuto far fronte a oltre 300 mila euro di spesa per lavori di messa in sicurezza in seguito alle frane, e il maltempo di tutto questo sciagurato inverno non ha certo aiutato. «I problemi più grossi sono in località La Presa, al bivio per Viganego - spiega Aveto - lì abbiamo avuto 3 frane negli ultimi 3 mesi, l'ultima a Natale, quando avevamo già fatto molti lavori, con reti di contenimento, e adesso dobbiamo ricominciare. Poi, sempre nello stesso periodo delle feste natalizie, c'è stato un grosso danno al campo sportivo: è caduto un muro, stava scivolando a valle, e il terreno di gioco è addirittura sprofondato». Tutto da rifare anche qui, quindi, in uno stadio che tra l'altro era stato inaugurato da poco. Si è lavorato in fretta e furia per una prima messa in sicurezza, mettendo dei tiranti per bloccare l'emergenza, ma per rimettere a nuovo la struttura ci vorranno altri lavori assai più complessi, per un totale approssimativo di 120 mila euro di spesa.
«Per non parlare poi delle frane cosiddette minori - aggiunge il sindaco - sparse qua e là su tutto il territorio. Ne cito due soltanto: quella in località Caneva, dove è caduto un muro di contenimento della strada, e quella di Cisiano, altro muro che si è sbriciolato. Almeno 10.000 euro di lavori per ciascuna. E ce ne sono altre ancora, piccole frane e smottamenti, per fortuna meno esose, sparse un po' in tutto il territorio del nostro comune». Difficile attingere alle scarne casse municipali e quindi si chiedono finanziamenti. «Sì abbiamo chiesto finanziamenti straordinari per calamità naturale - dice ancora Aveto - per circa 300 mila euro. Ma sappiamo già, visti i fondi stanziati dal governo, che saremo fortunati se ci arriveranno 60 o 70.000 euro. Per questo ci stiamo attivando per un mutuo, i lavori vanno fatti, senza se e senza ma».
La ricetta per evitare nuovi disastri, secondo il sindaco è semplice e di naturale buonsenso: prevenzione. «Per esempio - conclude Aveto - sarebbe opportuno fare la raccolta di acque bianche ai lati delle strade, acque che poi andrebbero convogliare nei rivi, e che quindi non farebbero questi gravi danni. Ma ovviamente, i costi sono pesanti». Anche nella non lontana Torriglia ci sono stati problemi: sulla provinciale 62, nella frazione di Laccio, esiste un tratto di strada, e più esattamente quello compreso tra il chilometro 3+450 e 3+550 prima del ponte in direzione Montoggio, che da oltre 20 anni mostrava segni di cedimento, diventati anno dopo anno sempre più pesanti, che avevano portato addirittura all'apertura di un grosso buco sulla carreggiata. È di questi giorni l'intervento - finalmente - della Provincia, che ha assegnato l'appalto alla ditta Asa di Genova: costo totale 200.000 euro, e due mesi di lavori. E l'incubo ventennale dovrebbe sparire.





news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news