LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Villa Pamphilj, tra la storia e le note di Respighi
STEFANO MALATESTA
SABATO, 27 FEBBRAIO 2010 LA REPUBBLICA - Roma



Itinerario a piedi alla scoperta del grande parco Da via Garibaldi si sale fino alla fontana dell´Acqua Paola

Si cammina non solo con le gambe ma con gli occhi. E il fascino del luogo rende leggeri


Molti anni fa non credevo che una passeggiata o una corsa al piccolo trotto, in campagna o lungo il mare, potessero trasformarsi da blando e abitudinario esercizio fisico di genere familiare e da anzianotti, nel momento più atteso della giornata. Per la verità non avevo mai pensato, quand´ero più giovane, che tutto questo avesse a che fare con una qualsiasi attività umana di livello superiore. Mi sbagliavo profondamente e solo adesso mi rendo conto che passeggiare «è un´attività umana superiore»: per chi ne intuisce il ritmo e il suo modulo ciclico sempre uguale e sempre diverso. Che per qualcuno rassomiglia al ritmo di una poesia. Il paragone non è mio, ma appartiene a Osip Mandelstam, il grande poeta russo, che aveva fatto un viaggio a piedi in Armenia, poco prima di essere mandato in Siberia per ordine di Stalin. Anche lui amava molto le passeggiate, considerate taumaturgiche e benefiche non solo per il corpo ma anche per lo spirito, e sentiva che queste non potevano fare che del bene (solo vi prego di adoperare sempre la parola «passeggiate», così dolce ed evocativa in italiano, evitando quei termini così brutalmente fisici come trekking, che non rendono l´aspetto, chiamiamolo pure spirituale, di chi si mette in marcia lungo le strade non asfaltate come di traverso all´universo).
I luoghi non sono tutti uguali e si corre e si cammina non solo con le gambe, ma con gli occhi e il paesaggio e il fascino del luogo sono capaci di rendere più leggeri i tuoi muscoli e dopo qualche chilometro hai l´impressione di levitare e di involarti come una mongolfiera. La mia passeggiata preferita a Roma, paragonabile a quelle che facevo in Toscana o in Sicilia lungo il mare, era la circumnavigazione di Villa Pamphilj che aveva il fascino aggiuntivo di emanare vibranti ricordi risorgimentali e garibaldini. Ho sempre abitato a Trastevere e molti anni fa partivo per la villa, salendo lungo via Garibaldi e finendo in quel meraviglioso slargo di fronte alla fontana dell´Acqua Paola. Era lo stesso itinerario che faceva il grande storico George Trevelyan, autore della storia sulla spedizione dei Mille (un libro taumaturgico, se ne esistono di simili, e anche se non avete nulla da guarire andatelo a comprare immediatamente).
Arrivando a Roma, andava ad alloggiare in un albergo del centro. Ma tutte le mattine si svegliava preso e partiva a piedi per raggiungere il Gianicolo, dove avevano appena sistemato la statua di Garibaldi. E dal più bel davanzale di Roma, si fermava ad ammirare tutta la gloria della città (qui un po´ di retorica non guasta) e quando socchiudeva gli occhi gli sembrava di sentire l´urlo dei legionari di Garibaldi che andavano al contrattacco tra Villa Corsini e il Vascello, sotto la fucileria francese. Ma come passavo sotto l´arco che segna l´ingresso della villa, queste memorie guerresche cominciavano a svanire, sostituite da una musica che mi sembrava arrivare dai rami e che avevo sentito così tante volte che avevano trasformato le mie sensazioni in riflessi pavloviani, automatici e previsti.
Credo che Respighi abbia composto I Pini e Le Fontane di Roma ispirandosi a Villa Borghese. Ma ho sempre pensato che Villa Doria Pamphilj fosse il luogo che esprimeva più compiutamente l´andare impressionistico della composizione e quello che radunava dentro uno spazio limitato tutte le componenti paesaggistiche della campagna romana, sempre così presenti nella musica di Respighi. E non so veramente se sia un´idea semplicemente stupida e non realizzabile, ma l´amministrazione del parco dovrebbe trovare il modo, per un paio di ore al giorno, di diffondere «I Pini» lungo l´itinerario della passeggiata, proprio come se la musica provenisse dal leggero stormire dei rami sotto il Ponentino. Tornerei anch´io a passeggiare.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news