LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'AQUILA - Il sindaco regala Piazza d´Armi ai frati da parco pubblico diventa convento
DOMENICA, 28 FEBBRAIO 2010 LA REPUBBLICA - Cronaca

Il Comune dell´Aquila lo aveva comprato dal Demanio per tre milioni di euro


La Curia non spenderà nulla Paga i lavori la Protezione civile con gli sms

L´AQUILA - Doveva diventare un parco pubblico piazza d´Armi, nei progetti del Consiglio Comunale. E per questo, due mesi prima del terremoto, l´amministrazione cittadina aveva speso quasi tre milioni di euro per rilevare l´area (200mila metri quadrati) dal Demanio. Lo aveva fatto sottoscrivendo - per sopportarne l´esborso - un mutuo ventennale. Un debito firmato dal sindaco Massimo Cialente. Ora però, dopo il sisma, lo stesso primo cittadino dell´Aquila ha cambiato idea, variando la destinazione d´uso dell´area, «ma solo provvisoriamente» assicura lui. Cialente ha deciso di concederla ai frati cappuccini e alla parrocchia che organizza la mensa celestiniana. A piazza d´Armi, adesso, sorgeranno una chiesa, un convento e la mensa per i poveri. Con quintali di cemento. Il tutto gratis.
Infatti, Il terreno sarà concesso gratuitamente. Ma il regalo, per frati e parroco sarà doppio: per finanziare la realizzazione la Curia non spenderà un soldo. Pagherà tutto la Protezione Civile, che questa volta, però, non utilizzerà fondi statali, ma i soldi ottenuti attraverso la solidarietà degli italiani per il terremoto. Fondi raccolti dal dipartimento - nei giorni successivi al sisma - attraverso sms e donazioni. Il prezzo complessivo da pagare sarà di oltre tre milioni di euro. I lavori sono stati aggiudicati alla ditta Meraviglia di Burgarograsso (Como), la stessa società già assegnataria di un lotto importante del Progetto C. A. S. E. (le palazzine del Governo per i terremotati). L´iniziativa a favore della Chiesa ha creato scompiglio anche in consiglio comunale, tanto che, un mese fa, in commissione «territorio» la proposta Bertolaso-Cialente era stata bocciata. Ma a quel punto fu lo stesso capo della Protezione Civile ad imporsi.
«Si deve fare in piazza D´Armi, punto e basta», aveva tuonato Bertolaso, prima di rimettere l´incarico di commissario. «Sono ancora in carica per l´emergenza e ho la piena responsabilità dei progetti portati avanti dal Dipartimento. In passato sono stato criticato per aver preso decisioni da solo con scarso senso democratico. Una volta tanto lo faccio veramente. Se è vero che per le prossime 72 ore sono ancora io al comando, posso assicurare che la mensa si farà secondo il progetto previsto». E così è stato. Il cantiere a piazza d´Armi è stato aperto. Sulla vicenda interviene l´associazione Cittadini per i Cittadini, attraverso Giusy Pitari: «Una decisione fuori dalla logica. Il Comune regala quello che sarebbe dovuto diventare un parco pubblico alla Chiesa. Chiediamo che il cantiere venga fermato immediatamente». Anche Massimiliano Amicarella, consigliere di quartiere di Sinistra Democratica, attacca il sindaco: «Cialente un anno fa disse testualmente "Piazza d´Armi, essendo un´area strategica per l´assetto futuro di tutto il sistema urbano, deve diventare il grande parco urbano, che assume il significato di grande piazza verde, ingresso alla città storica...". Con questa promessa ha vinto le elezioni. Ed ora ecco il risultato». Ed anche su Facebook spunta il gruppo "no alla cementificazione di piazza d´Armi", con oltre 1.400 iscritti. Sul social network ogni giorno decine di cittadini lasciano il loro post sull´argomento. «Deve rimanere pubblica, non può essere regalata in questo modo» si legge tra i tanti commenti. Ma il sindaco stizzito dalle polemiche ora assicura: «Ho chiesto che siano realizzate opere provvisorie, che rimarranno lì solo pochi anni. Poi vedremo. Anzi, lanceremo da subito un concorso di idee per selezionare progetti per piazza d´Armi».
(g.cap.)



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news