LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Via Annia: continuano le scoperte


Concordia continua a riscoprire la Via Annia, sia con gli scavi archeologici nel terreno, che trovano conferme fisiche del suo tracciato, sia con gli studi dei documenti d’archivio del Museo Nazionale Concordiese, che riportano alla luce disegni e relazioni inedite sugli scavi ottocenteschi di Dario Bertolini.

Il progetto Via Annia

Le ultime scoperte sono state illustrate alcuni giorni fa da Alberto Vigoni, archeologo, e da Elena Pettenò, direttrice del Museo Nazionale Concordiese di Portogruaro, nel corso di un’affollata conferenza in Municipio a Concordia: una prima informazione alla cittadinanza, in attesa di un convegno conclusivo a Padova nella prossima primavera. Il tutto è all’interno del vasto progetto "Via Annia - 200 km di storia, tradizioni, arti e cultura tra terra e mare". L’obiettivo è quello di recuperare e valorizzare l’antica strada romana, che riguarda anche Iulia Concordia, messa in rete con Adria, Padova, Altino ed Aquileia: tutte città del retroterra dell’Alto Adriatico, attraversate dalla medesima strada consolare e collegate al mare da importanti fiumi navigabili. Il progetto ha comportato, lungo tutto il tracciato della Via Annia, la realizzazione di sondaggi archeologici mirati e di riprese fotografiche aeree per documentarne dettagliatamente il percorso. Nelle cinque realtà museali sarà allestita una sala dedicata alla Via Annia, dove saranno esposti reperti e pannelli ed allestite postazioni multimediali. Si prevedono anche una segnaletica turistica specifica ed iniziative scientifico-didattiche.

Gli scavi a Levante

L’archeologo Vigoni li ha descritti sinteticamente: "Hanno interessato la zona sinistra Lemene di via Aquileia, ad est dell’area del Sepolcreto. Abbiamo riportato alla luce il tracciato della Via Annia: è larga dieci metri, conformata a schiena d’asino, inghiaiata (glareata) e non lastricata con basoli, come invece appare accanto alla Cattedrale. Ad una ventina di metri dalla strada consolare abbiamo riscoperto il muro di fondazione di una grande struttura. Si tratta di un monumento funerario, collocato in un punto privilegiato per la visione, sia dalla strada che dalle mura di Iulia Concordia: ad ottocento metri circa dalla Basilica, nel punto più in elevato della scarpata che delimitava la depressione del fiume". I geologi hanno dimostrato che la città romana ed il preesistente abitato paleo-veneto occupavano un dosso fluviale rialzato, mentre il corso del Lemene era un tempo occupato da un ramo del Tagliamento, che aveva tracciato una vasta incisione sul terreno. Lo scavo ha cosi dimostrato che anche a Concordia la strada romana era accompagnata da una serie continua di aree funerarie.

Gli altri scavi

Un secondo scavo ha riguardato l’area del Foro di Iulia Concordia, tra le attuali via Spareda e via San Pietro, coincidente questa con la Via Annia ed il decumano massimo della città romana. Il terzo scavo è stato eseguito ad ovest del ponte romano di via San Pietro. E’ stata ritrovato il tracciato dell’Annia ad oltre due metri di profondità. Nei pressi un altro scavo ha riportato alla luce un grande basamento di un monumento funebre, lungo 6 metri, risalente al terzo secolo, composto da 19 blocchi di pietra. Fu spogliato delle staffe in metallo già duecento anni dopo e per questo si sfaldò, ma i blocchi di pietra sono rimasti tutti sul posto, sepolti dalle sabbie delle alluvioni tardo-antiche, quali quella ricordata dallo storico longobardo Paolo Diacono.

Antonio Martin

http://www.db.ilpopolopordenone.glauco.it/pls/ilpopolopordenone/v3_s2ew_CONSULTAZIONE.mostra_pagina?id_pagina=2362


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news