LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gli Sgarbi. La rivolta degli amici del cemento.
Vittorio Sgarbi
il Giornale, 26 luglio 2004

Dopo una minacciata (o sperata) contrapposizione fra il miliardario Tom Barrack, nuovo proprietario della Costa Smeralda, e il miliardario Renato Soru, nuovo Presidente della regione Sardegna, si ha notizia di una (insperata) alleanza fra i due, nella condivisa considerazione (...) (...) di non consentire a nessuno di continuare a distruggere un paradiso. proprio Barrack a chiedere regole che, incredibilmente, lo Stato e la Regione non riescono a dare: Non sono qui per spalmare di cemento le coste. Il vero problema non sono due chilometri o trecento metri; invece avere norme certe al pi presto. Soru, con lo slancio di chi vuole, e pu, difendere la sua terra, a dichiarare: Per salvaguardare l'ambiente, e quindi il turismo di qualit, i trecento metri dal mare non bastano... Chi va al mare oggi non vuole incontrare parcheggi, lampioni, case altrui. Io chiederei una fascia di rispetto di almeno duemila metri, ma siccome non sono il governatore unico della Sardegna, mi devo confrontare. L'affermazione spiegabile, perch, se il confronto pu essere utile, invece indiscutibile che Soru sia il governatore unico della Sardegna. Non ce ne sono altri.
Egli pu e deve confrontarsi soltanto con i rappresentanti dello Stato o dell'Istituzione, le cui posizioni, ancora una volta, coincidono con le sue. Augurandoci di scongiurarne il trasferimento (che rappresenterebbe una ennesima testimonianza di impotenza di questo governo), il Soprintendente regionale del Ministero per i Beni culturali, Paolo Scarpellini, ha molto faticato a richiamare i sindaci al rispetto dei pi elementari principi di tutela. Oggi i sindaci insorgono e, nella loro visione meschina, sembrano volere continuare a distruggere luoghi bellissimi e puri, cancellandone anche i segni di una fragile e delicata semplicit. Si ribellano i sindaci di Arzachena e di Olbia, di Palau e di Santa Teresa di Gallura, si ribellano e non si vergognano, indifferenti alla Regione e allo Stato, e anche alla visione lungimirante di Barrack Le amministrazioni locali vogliono mani libere, per poter continuare a distruggere, come ha fatto il sindaco di Santa Teresa di Gallura rielaborando la piazza principale in un'orgia di volgarit e di strutture inutili. Distruggono, sfigurano, e osano parlare. E Soru che, stringendo un semplice accordo di ordinata tutela con il Soprintendente Paolo Scarpellini, potrebbe esercitare un potere assoluto in difesa della bellezza, della civilt e della natura, vuole confrontarsi. Ma confrontarsi con chi? E perch? Non ci sono due ipotesi di sviluppo, non c' uno sviluppo retoricamente sostenibile; c' la necessit di una difesa armata contro la volgarit e la stupidit. Non si pu consentire che la devastazione sistematica continui nella impotenza di chi ha le pi alte responsabilit politiche e civili. Soni non deve confrontarsi. Deve decidere ci che giusto e che egli conosce. Deve impedire che a trecento, come a tremila, metri siano costruiti orrori, senza rispetto, senza intelligenza, senza gusto. Dovremo pensare che la bellezza si porta dietro una maledizione, che il suo destino dissolversi? Se Barrack arrivato perch, come dichiara, crede che la Sardegna debba essere il primo reale esempio di ecoturismo che preservi e valorizzi i tre elementi che la rendono unica: il mare, la natura, i suoi abitanti. Non questo che avvenuto a Santa Teresa di Gallura. Ma Bosa invece riuscita a resistere, come Milis, dove un valoroso e sensibile progettista, l'ingegnere Beniamino Bagnoli, intervenuto nel cortile di palazzo Boyl, creando una cavea con loggia, perfetta nelle forme, come un teatro antico, e oggi sede ideale dell'Accademia perduta del Giudicato d'Arborea. dunque possibile costruire con gusto e sensibilit, e non necessariamente rinunciando alla propria intelligenza progettuale. Ma ci sono forme, materiali, tradizioni, compatibili e armo-nizzabili con lo spazio urbano e con la natura. L'intelligenza, non volta al male, consente, a chi senza pregiudizio, di trovare soluzioni. quello che auguro a Barrack e a Soni, esortandoli a resistere contro la volgarit e l'aspirazione malsana al brutto. L'unica correzione, l'unica possibilit di rieducazione sta nelle regole di chi non coltiva l'indifferenza.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news