LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Fori Imperiali. Roma citt aperta
Duccio Trombadori
il Giornale, 26 luglio 2004

Come sar o come dovrebbe essere trasformata l'area classica di Roma che con i Fori le Terme le Basiliche e le magnifiche ville imperiali distingue per eccellenza l'immagine della capitale d'Italia da tutte le altre citt del mondo? Chiamato a rispondere alla impegnativa domanda il noto architetto Massimiliano Fuksas ha impiegato tutte le sue capacit di scenografo e illusionista per riassumere in un progetto ideale le iniziative gi prese in questi ultimi venti anni perch lo straordinario parco archeologico venga valorizzato e difeso non solo come documento storico ma addirittura come cuore urbanistico pulsante della metropoli futura.
Ne venuta fuori una mostra (Forma. La citt moderna e il suo passato, curata oltre che da Fuksas dal sovrintendente ai Beni archeologici Adriano La Regina e dall'architetto Doriana Mandrelli) allestita fino al 5 gennaio 2005 al secondo piano del Colosseo. Qui il pubblico potr ammirare tra una arcata e l'altra alcuni preziosi e pressoch inediti ritratti in marmo d'epoca romana (Livia, Crisippo, Dioniso, Artemide, Medusa) nonch un plastico allusivo alla risistemazione del percorso che attualmente unisce. Piazza Venezia al Colosseo tramite la Via dei Fori Imperiali, realizzata in epoca fascista per restituire una immagine monumentale della romanit.
Allestitore d'eccezione, Fuksas ricorso a tutte le sue migliori virt per configurare il sistema delle rovine romane -tra la Basilica di Massenzio e il Foro Traiano, per intenderci - sormontandole con una strada-piattaforma (nel piastico una fibra di carbonio trasparente, nella realt sar cemento armato o gi di l) cui si aggancia con passerelle un reticolo di servizi tipici della nostra et guardona e consumista: caff, mediateca, libreria, ristoranti multietnici (?) e chi pi ne ha pi ne metta. Un simile addobbo metropolitano bene illustrato nella esposizione con un nastro elicoidale e videoproiettori hi-tech che fanno scorrere le immagini dell'area dei Fori con le trasformazioni avvenute nel tempo fino ai giorni nostri.
Tanto per fare un esempio, si potr cosi misurare la distanza che separa i sogni umanistici di Papa Paolo III Farnese (per primo nel '500 inizi lo scavo dei monumenti) da quelli franco-imperiali di Napoleone, e quelli nazional-fascisti di Benito Mussolini da quelli socialmente utili della nostra modernit di cui Fuksas e Mandrelli si dichiarano felicemente interpreti incappando nella solita retorica consumista-sessantottina della riappropriazione del bene senza fare sul serio i conti col problema drammatico della sua tutela e conservazione.
Si sa purtroppo che i Fori con i loro monumenti (ma non solo quelli: basti pensare alla tragedia della Colonna Traiana vieppi divorata dall'inquinamento) sono inevitabilmente esposti alla usura dei gas urbani nonch ai vandalismi conseguenti all'incuria, come ci ricorda anche l'ennesima vicenda di una statua del Pincio recentemente aggredita a colpi di martello. Lo stesso sovrintendente La Regina, nel catalogo della esposizione, ricorda preoccupato come la legge per la protezione delle antichit romane approvata nel lontano 1981 non sia mai stata rispettata nel principio basilare e imprescindibile della conservazione concepita come manutenzione ordinaria e continua (cio con custodi, restauratori e guardiani in servizio permanente effettivo). Il che la dice lunga sul garbuglio tuttora esistente tra mancanza di fondi, cattiva gestione amministrativa e sindacale e demagogia a buon mercato sulla ultra-strombazzata riconquista dell'area da parte dei cittadini.
Malgrado ci gli organizzatori della mostra insistono sulla necessaria priorit di tornare ad usare la citt antica come parte integrante e nobile di quella moderna e ritengono che solo restituendo i Fori all'uso contemporaneo se ne potr assicurare la valorizzazione. Il che tutto da dimostrare se alla totale apertura suggerita non corrisponder un rigoroso controllo del patrimonio (si venderanno magari moltissimi biglietti d'ingresso ma solo fino a quando il bene non sar definitivamente consunto!). La contraddizione fra una gestione sociale delle antichit classiche e l'impellente necessit di proteggerle dall'usura e dallo scempio cosa fin troppo nota per essere approfondita (basti pensare a cosa sono diventate nel tempo gemme preziose come Villa Borghese o Villa Doria Pamphili}.
Il fatto che un argomento cos centrale come quello della manutenzione sia rimasto distante anni luce dalla scenografia allestita dai curatori della mostra del Colosseo si spiega in buona parte con la retorica democraticista del consumo popolare come pietra angolare di ogni buon intervento sui beni culturali, nonch con la persistente ideologia anticlassica secondo la quale i monumenti antichi non debbono essere ammirati nel loro isolamento ma entrare a far parte in un certo senso della nostra vita quotidiana. Questo pi o meno il sogno progettato da Massimiliano Fuksas che egli stesso chiama Utopia, cio idea fuori dello spazio e del tempo, forse rendendosi conto non solo della sua incongruit ma soprattutto del suo carattere anacronistico. Solo prima della rivoluzione industriale, infatti, la crescita della citt pot mirabilmente avvenire in simbiosi naturale con i grandi edifici della antichit classica senza pregiudicarne la conservazione e anzi quasi preservandoli per le generazioni a venire. Nella Roma umbertina di fine Ottocento - una citt rimasta come per incanto a misura di medioevo - era ancora possibile vedere le barche sul fiume ancorate al vecchio Porto romano di Ripetta o pure assistere ad uno spettacolo di variet in un teatro (si chiamava Corea e ci lavor ancora perfino Tot nel pieno degli anni Venti) costruito sul tronco del Mausoleo di Augusto. Desiderare ritorni di questo tipo nella temperie post-indutriale e ultra-consumista di questo inizio di Terzo Millennio naturalmente sempre plausibile. Pretendere per di dimostrare che una simile idea addirittura protegga e valorizzi le pi famose vesti-gia del nostro passato non soltanto impossibile. anche inutile.



news

13-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news