LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Villa Arconati, il gioiello che vuoi tornare a brillare
Carlo Brambilla
la Repubblica -– cronaca di Milano 31-LUG-2004

STRAZIANTE visitare di giorno, sotto il sole, il luogo del cuore pi votato finora dagli italiani, nell'iniziativa indetta anche quest'anno dal Fai, il Fondo per l'ambiente italiano. Parliamo della regale, straordinaria e dimenticata piccola Versailles di Villa Arconati. Un edificio che cade letteralmente a pezzi, abbandonato, puntellato, pieno di infiltrazioni d'acqua, nell'indifferenza generale, a Castellazzo di Bollate, alle porte di Milano. La sera, nel corso del Festival musicale di luglio, appena concluso, nello sterminato giardino alla francese, sotto le stelle, molti milanesi hanno avuto l'occasione di conoscere e innamorarsi del magico luogo. E si sono precipitati a scrivere cartoline al Fai nella speranza di poterlo salvare. Ma di giorno la luce impietosa del sole mostra tutto il degrado, l'abbandono, la rovina, a cui stato condannato uno dei pi importanti gioielli del Settecento lombardo.
Una villa grandiosa. Ottomila metri quadrati (chiusi al pubblico) su due piani, 167 stanze, 365 finestre (la maggior parte senza vetri).Un immenso giardino con siepi di bosso, labirinti, limonaie, tracce degli antichi giochi d'acqua, delle splendide fontane in mosaico lombardo, con le pietre bianche e nere. Quel che resta di un laghetto artificiale. E poi statue dappertutto, draghi, mostri, voliere per gli uccelli, piazze immerse nel verde, angoli segreti. Perfino un serraglio per gli animali feroci. Il bosco dei cervi. E un borgo annesso, il Castellazzo, con tanto di chiesa, abitazioni per 40 famiglie, tenuta agricola. Con intorno una propriet di due milioni di metri quadrati. Verde vincolato all'interno del Parco delle Groane. Un'oasi che riuscita incredibilmente a salvarsi in mezzo al cemento della trafficatissima zona a nord di Milano. Un piccolo paradiso il cui monumento centrale, la storica Villa, disegnata in gran parte dall'architetto Giovanni Ruggeri, viene lasciata cos, abbandonata, chiusa e completamente svuotata di tutti i suoi pre-ziosi arredi, venduti nel 1989 nel corso di una sciagurata asta.
Al Fai il merito di aver consentito ai cittadini di riportare l'attenzione su questo splendido tesoro. Ci stupisce e ci rallegra la scelta di Villa Arconati come "luogo del cuore" — commenta Marco Magnifico, direttore del Fai. — In genere la maggior parte del pubblico sceglie posti piccoli, personali, quasi privati, nel nostro censimento. Questa volta, invece, viene segnalata quella che , in assoluto, la pi fastosa villa patrizia della Lombardia, dopo la reggia di Monza. Con dimensioni di una dimora reale, non di una casa di una nobile famiglia. A Milano, purtroppo, il Castellazzo conosciuto solo per il Festival, che ha avuto almeno il merito di far conoscere il suo straordinario giardino.Forse questo voto risponde a un desiderio profondo di molti lombardi: riscoprire le proprie radici, il proprio grande passato di motore d'Italia.
La decisione di costruire la Villa si deve a Galeazze Arconati Visconti, che termin i primi lavori intorno al 1648. Ma nel Settecento che il luogo cresce fino a raggiungere il suo massimo splendore, diventando centro di incontro e di ritrovo della buona societ milanese. Noto in tutta Europa. Splendidi i saloni delle feste, al primo piano. Deserti. Spogliati di tutto. Restano, umidit permettendo, gli affreschi realizzati nel 1750 dai fratelli Galligari: un'Allegoria del Tempo, la Caduta di Fetonte, il Carro del Sole. L'azzurro salone da ballo, pieno di specchi davanti ai quali venivano collocate le candele per consentire riflessi e giochi di luce. La vuota biblioteca, che un tempo ha ospitato opere preziose come il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci. E fuori il giardino, di cui si pu intuire quanto intensa sia stata la vita mondana dalle numerose stampe realizzate all'epoca da Marco Antonio Dal Re.
I numerosi passaggi di propriet, dalla famiglia Arconati ai cugini Brusca fino alla famiglia Crivelli, alla fine dell'Ottocento, segnano la storia della Villa. Nel 1989 il Castellazzo diventa di propriet di una societ finanziaria della famiglia Radice Fossati. Dal 2000 nelle mani della societ Palladium Italia, che si occupa di edilizia. Ma non del suo restauro. Abbiamo presentato, tre anni fa, un progetto di ristrutturazione, affidato a Gae Aulenti — spiega Ermanno Camisasca, presidente della Palladium. — Ma non ha avuto fortuna. Avevamo proposto, essendo imprenditori edili, di fare un'operazione immobiliare e con i soldi ricavati ristrutturare la Villa, da adibire a usi sociali. Idea bocciata. Adesso non sappiamo cosa fare. Pensiamo alla possibilit di una Fondazione che si occupi del restauro. Vedremo.
II tempo passa. In estate si fa buona musica in giardino, grazie al Comune di Bollate. E il Castellazzo va in malora. Villa Arconati morta 15 anni fa, con l'asta che ha messo in vendita tutti i suoi splendidi arredi — commenta sconsolato Marco Magnifico. — Tornare ad arredarla oggi cosa impossibile. E una villa come questa, senza arredi, come una splendida donna che quando sorride mostra di non avere in bocca neanche un dente.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news