LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'INTERVISTA a De Fusco: ecco la mia ricetta per salvare i teatri stabili
E. Croppali
02-AGO-2004 il Giornale


Luca De Fusco, 47 anni, da cinque alla guida del Teatro Stabile del Veneto (di recente stato riconfermato fino al 2009), stato appena eletto presidente dei Teatri Stabili italiani.

Una carica, oltre che prestigiosa, diffcile dal momento che si affacciano sul futuro della scena nazionale inquietanti parametri che, se confermati, ne minaccerebbero sia l'espansione sia la stessa esistenza.

A De Fusco che, in questi ultimi tempi, ha diretto spettacoli che hanno circuitato in tutta la penisola accolti da un successo incontrastato di critica e di pubblico, dai Veneziani sulla vita di Casanova fino al Viaggio a Venezia sul mondo di Hofmannstahl e alla recente Bottega del caff, rivolgiamo anzitutto la domanda se condivide la recente presa di posizione di Riccardo Muti sui ventilati tagli alla cultura. Cosa ne pensa un uomo di teatro che ha aperto alla fruizione pubblica Ca' Rezzonico e ha scritturato registi come Besson, Lassalle e Scaparro?

Condivido pienamente il pensiero del maestro Muti. La mia posizione, come presidente dei teatri pubblici italiani, non pu che concordare sul fatto che non basta salvare il Fondo Unitario dello Spettacolo con le erogazioni ministeriali stabilite di volta in volta. Quando Paesi a noi vicini come la Germania, la Spagna e la Francia non si pongono nemmeno il problema di tagliare le spese, e Parigi - tanto per fare un esempio -spende per la .sola Comdie Frarupaise, l'equivalente del cinquanta per cento di ci che lo Stato italiano pianifica per tutta la prosa.

Cosa rimprovera agli enti pubblici?

Guardi Venezia. Da due anni si aperto un acceso dibattito col Comune che vorrebbe diminuire di parecchio i contributi al Teatro Goldoni che, per questo motivo, si trova a rischio.

Come si pu ovviare a una simile eventualit?

Seguendo l'esempio di Milano dove l'assessore Carrubba ha deciso di preservare le istituzioni eliminando quelle che si potrebbero definire le libere attivit dell'assessorato.

Lei ha coprodotto spettacoli con altri Stabili italiani, da Genova a Palermo e Catania. Attualmente cosa auspica da un punto di vista produttivo?
Valorizzare a fondo le piccole e medie forze venete. A Verona, per esempio, c' il Teatro Nuovo di Paolo Valerio che spera di essere qualificato come Stabile privato. Mentre a Belluno, la compagnia TIB mette in cantiere spettacoli sia per ragazzi sia per adulti di livello pregevolissimo. Il futuro di uno Stabile risiede nella collaborazione e non nell'esclusione. Come in passato ho fatto con le forze maggiori collaborando, come nello spettacolo Il viaggio a Venezia sia con la Fenice che ci ha dato l'orchestra sia con l'Arena di Verona che ci ha fornito il corpo di ballo.

Cosa prepara per le prossime stagioni?
Un grande festival del teatro del Settecento nel nome di Gozzi, di cui nel 2006 si celebra il bicentenario della morte e nel nome di Goldoni di cui festeggeremo nel 2007 il trecentesimo anniversario della nascita. Nel frattempo dedichiamo al Cogidor una nuova edizione della Trilogia della villeggiatura e un omaggio a Petrarca a cura di Cesare De Michelis in tutti i luoghi e i teatri della citt dei Dogi. Ma prima, come d'obbligo, devo confrontarmi col Consiglio d'amministrazione.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news