LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - Il primo sistema pubblico-privato fu lanciato in soli cinque mesi
MASSIMO VANNI
GIOVED, 01 APRILE 2010 LA REPUBBLICA - Firenze



Lidea di fare opere pubbliche con capitali di imprese arriv a Palazzo Vecchio nel giugno 2000, lok nellottobre

Inizi con una societ formata da un gruppo di costruttori e da soci gestori

Oltre agli impianti della sosta prevedeva anche la realizzazione del Parco del Mensola



Era il primo tentativo di collaborazione tra pubblico e privato: Realizzare le opere pubbliche che servono con i capitali privati, fu allora la parola dordine. Cio il parcheggio sotterraneo della Fortezza, quello in silos di piazza Alberti, quello sotterraneo di piazza Beccaria e il sottopasso davanti alla Fortezza. Ma anche la stazione di ricarica dei bus elettrici in viale Ariosto, la passerella pedonale di collegamento con laeroporto e anche la realizzazione del Parco del Mensola.
Tutto questo comprendeva il project presentato da Firenze Mobilit, la societ formata dai costruttori (Baldassini & Tognozzi, Cpf, Fratelli Ragionieri, Siem, Impresa costruzioni Rosso, Icet industrie, Cite, Cofathec servizi, Cosimo Pancani) e dai soci gestori (Aeroporto di Firenze, Coop Unica, Firenze Parcheggi, Scaf, Servizi di promozione della Confesercenti). Cos cominci il project. Solo che strada facendo molte cose sono cambiate. Il project cominciato in un modo e, con lassenso di Palazzo Vecchio, finito in un altro: il Parco del Mensola aspetta di essere realizzato, la passerella pedonale non c ancora. Il sottopasso della Fortezza era stato concepito per il solo trasporto pubblico, perch il traffico privato avrebbe dovuto passare per intero sul lato Romito della Fortezza. Tanto che con i soldi di Ferrovie furono realizzati due buchi sotto la ferrovia sul lato Romito: uno per ogni senso di marcia.
Il sottopasso diventato invece misto: bus e auto private. Con tanti saluti alla stazione per i bus che era stata prevista nel bel mezzo del sottopasso. Senza contare poi il piano cancellato del parcheggio della Fortezza: La falda avrebbe comportato costi insostenibili, fu la spiegazione. Possibile che nessuno se nera accorto prima di cominciare gli scavi? Dopo un primo blocco ordinato dalla soprintendenza, nel 2005 fu lo stesso sindaco Leonardo Domenici ad ordinare la modifica del progetto in corso dopera sullonda della protesta dei Comitati, scandalizzati da un parcheggio che avrebbe coperto la vista delle mura.
Iniziato in un modo, finito in un altro. Ma non solo: il piano finanziario del project si rivelato un colosso con i piedi dargilla. Recenti perizie dimostrano che la proposta iniziale del project si basava su un calcolo sbagliato circa lincasso dei parcheggi: il tasso di utilizzazione previsto per piazza Alberti era uguale a quello del parcheggi di piazza Stazione. Un non-sense: Alberti resta infatti praticamente vuoto. E la Firenze Parcheggi, rimasta nel frattempo lunica societ di gestione, non incassa abbastanza per pagare laffitto ai costruttori. Sono gli anni del deficit e della socializzazione delle perdite. Gli anni dei contenziosi tra Comune e Firenze Mobilit: tra lassessore alle Spa Tea Albini e il presidente Vincenzo Di Nardo. Contenziosi tardivi.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news