LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - Il primo sistema pubblico-privato fu lanciato in soli cinque mesi
MASSIMO VANNI
GIOVEDÌ, 01 APRILE 2010 LA REPUBBLICA - Firenze



L´idea di fare opere pubbliche con capitali di imprese arrivò a Palazzo Vecchio nel giugno 2000, l´ok nell´ottobre

Iniziò con una società formata da un gruppo di costruttori e da soci gestori

Oltre agli impianti della sosta prevedeva anche la realizzazione del Parco del Mensola



Era il primo tentativo di collaborazione tra pubblico e privato: «Realizzare le opere pubbliche che servono con i capitali privati», fu allora la parola d´ordine. Cioè il parcheggio sotterraneo della Fortezza, quello in silos di piazza Alberti, quello sotterraneo di piazza Beccaria e il sottopasso davanti alla Fortezza. Ma anche la stazione di ricarica dei bus elettrici in viale Ariosto, la passerella pedonale di collegamento con l´aeroporto e anche la realizzazione del Parco del Mensola.
Tutto questo comprendeva il «project» presentato da Firenze Mobilità, la società formata dai costruttori (Baldassini & Tognozzi, Cpf, Fratelli Ragionieri, Siem, Impresa costruzioni Rosso, Icet industrie, Cite, Cofathec servizi, Cosimo Pancani) e dai soci gestori (Aeroporto di Firenze, Coop Unica, Firenze Parcheggi, Scaf, Servizi di promozione della Confesercenti). Così cominciò il «project». Solo che strada facendo molte cose sono cambiate. Il «project» è cominciato in un modo e, con l´assenso di Palazzo Vecchio, è finito in un altro: il Parco del Mensola aspetta di essere realizzato, la passerella pedonale non c´è ancora. Il sottopasso della Fortezza era stato concepito per il solo trasporto pubblico, perché il traffico privato avrebbe dovuto passare per intero sul lato Romito della Fortezza. Tanto che con i soldi di Ferrovie furono realizzati due «buchi» sotto la ferrovia sul lato Romito: uno per ogni senso di marcia.
Il sottopasso è diventato invece misto: bus e auto private. Con tanti saluti alla stazione per i bus che era stata prevista nel bel mezzo del sottopasso. Senza contare poi il piano cancellato del parcheggio della Fortezza: «La falda avrebbe comportato costi insostenibili», fu la spiegazione. Possibile che nessuno se n´era accorto prima di cominciare gli scavi? Dopo un primo blocco ordinato dalla soprintendenza, nel 2005 fu lo stesso sindaco Leonardo Domenici ad ordinare la modifica del progetto in corso d´opera sull´onda della protesta dei Comitati, scandalizzati da un parcheggio che avrebbe coperto la vista delle mura.
Iniziato in un modo, finito in un altro. Ma non solo: il piano finanziario del «project» si è rivelato un colosso con i piedi d´argilla. Recenti perizie dimostrano che la proposta iniziale del «project» si basava su un calcolo sbagliato circa l´incasso dei parcheggi: il tasso di utilizzazione previsto per piazza Alberti era uguale a quello del parcheggi di piazza Stazione. Un non-sense: Alberti resta infatti praticamente vuoto. E la Firenze Parcheggi, rimasta nel frattempo l´unica società di gestione, non incassa abbastanza per pagare l´affitto ai costruttori. Sono gli anni del deficit e «della socializzazione delle perdite». Gli anni dei contenziosi tra Comune e Firenze Mobilità: tra l´assessore alle Spa Tea Albini e il presidente Vincenzo Di Nardo. Contenziosi tardivi.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news