LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - BAGNI DI LUCCA. Villa Ada, solo degrado nelle scuderie
PAOLA TADDEUCCI
02 APRILE 2010, IL TIRRENO - LUCCA


Bagni di Lucca, lincuria e il tempo hanno rovinato tesori artistici e architettonici

Bianchi (Udc): le pietre del muretto cadranno sui pedoni


BAGNI DI LUCCA. Non solo i Bagni alla Villa sono in stato di abbandono. Tutta la zona nobile del colle di Corsena - pur messa meglio della parte opposta (dove ci sono le terme aperte al pubblico e la maggior parte degli antichi stabilimenti termali, cui abbiamo dedicato due pagine di servizi) - necessita di pi attenzione, di interventi di sistemazione e, in alcuni casi, di regole per il decoro urbano.
Il muretto. Cominciamo dalle cose pi banali, come il muro che costeggia la via dei Bagni alla Villa, le cui pietre sono tutte smosse. Una - fa notare Antonio Bianchi, consigliere comunale dellUdc - gi caduta a terra, le altre potrebbero cadere sul sottostante vialetto che sale dalla chiesa anglicana. Bianchi ha perfino inoltrato una denuncia al sindaco, nella quale chiede un intervento urgente per evitare - dice - situazioni di pericolo per i pedoni.
Villa Ada. Pi complicato, invece, lo stato di villa Ada e del suo parco, di propriet del Comune. Il degrado attuale grida ancora di pi vendetta perch ledificio era stato ristrutturato alla fine degli anni Novanta e tutte le migliorie apportate allora sono state vanificate dallincuria. Dalle porte e dalle finestre rotte al piano terra sintravedono marmi pregiati - tra cui una statua della sirenetta simbolo di Bagni di Lucca e una vasca con i soffioni da cui sgorgava lacqua termale - lasciati in totale abbandono, come il bellissimo pavimento, anchesso in marmo, dal motivo in bianco e nero che caratterizza tutti gli stabilimenti termali di Bagni di Lucca. Da mega centro benessere che dovevano diventare, secondo vari progetti annunciati dal Comune nel corso degli anni, ora villa Ada e il parco, pi modestamente, sono stati messi in vendita a meno di 2 milioni di euro.
Villa Webb. Settecentomila euro, invece, la cifra stimata per acquistare villa Webb, un altro degli edifici che il Comune ha deciso di vendere. Lo stabile, ristrutturato, chiuso per gran parte dellanno e viene aperto solo in occasioni di manifestazioni, dibattiti o eventi. Nel piccolo giardino che lo circonda non c una panchina, come peraltro nella piazzetta dei Bagni alla Villa, per sostare e godersi una pausa. Cosa che invece riusc al poeta Byron, che nellestate 1822 - ricorda la targa sulla facciata di villa Webb - trov nella serena quiete di questa terra tregua alle ansie della sua vita. Chi oggi sosta in questi luoghi si trova in piedi davanti ai lucernai dei Bagni incartati di plastica, a muretti scalcinati, a giardini incolti e pieni di ferri arrugginiti, a facciate dei palazzi incorniciate da antenne paraboliche, panni stesi o, nel peggiore dei casi, circondate da tetti in eternit.
Villa e scuderie reali. Le antenne paraboliche e leternit distinguono quelle che un tempo erano le scuderie reali, ora di propriet privata. Trasformato in magazzini al piano terra e appartamenti al primo piano, della sua antica destinazione ledificio conserva dei bassorilievi a forma di cavallo sulla facciata. Per il resto un susseguirsi di parabole attaccate alle finestre, in pi che bella evidenza. Come evidente la copertura in eternit sul retro delle ex scuderie, ben visibile salendo lungo la strada.
Anche lex villa Reale, dimora ottocentesca di Elisa Bonaparte e dei Borbone, di privati. Che evidentemente non hanno trovato uno straccio di accordo nemmeno per il colore delle persiane, scegliendo chi un verde oliva, chi un verde smeraldo e chi il verde e il legno sbiadito dal sole e dalla pioggia. In compenso, anche qui, parabole a non finire.

Laccusa: cosa far il Comune? Quanto ha speso per ristrutturare linterno delledificio?
Tavole al posto del tetto
Cera un piano (sfumato) per recuperare lo stabilimento termale

PAOLA TADDEUCCI /


BAGNI DI LUCCA. Uno spettacolo avvilente e vergognoso. Cos Antonio Bianchi, consigliere comunale dellUdc, definisce lo stato dello stabilimento termale Bagno alla Villa.
Situato nella zona nobile di Bagni di Lucca, scelta tra laltro dalla principessa Elisa Bonaparte Baciocchi per farvi costruire la villa e le scuderie reali, ledificio da tempo in degrado e abbandono.
I quattro bellissimi lucernai - sostiene Bianchi che in merito ha presentato uninterrogazione al sindaco - sono ancora incartati in teli plastificati ormai strappati e consunti. Il tetto, anchesso coperto con tavole, impalcature e il solito telo di plastica verde, offre uno spettacolo vergognoso ed unulteriore dimostrazione della mancanza di idee e progettualit dellamministrazione riguardo al rilancio turistico-termale del nostro comune.
Diverse le domande che lesponente dellopposizione rivolge al sindaco. Quanti euro sono stati spesi fino a oggi - chiede Bianchi - per la ristrutturazione dello stabilimento? Per quale motivo si proceduto prima alla ristrutturazione interna, anzich rifare la copertura che avrebbe evitato possibili infiltrazioni dacqua? Quando termineranno i lavori di restauro? E quale sar la destinazione di questo immobile, una volta restaurato? Rester chiuso per anni come lo stabilimento Bernab?.
Il caratteristico edificio dei Bagni alla Villa infatti in ristrutturazione da diverso tempo. I lavori esterni sono fermi da quasi un anno, anche se a luglio 2009 lamministrazione annunci di avere i finanziamenti necessari per la loro conclusione. Il progetto del Comune, peraltro, era ambizioso. Prevedeva il ripristino delle sorgenti chiuse da anni, la realizzazione di una nuova vasca termale - coperta da una vetrata remobivile per essere usata anche dinverno e riscaldata da pannelli solari - nel giardino di villa Ada, adiacente alledificio, e addirittura il collegamento tra il giardino e i Bagni attraverso un tunnel sotterraneo, che doveva proseguire anche dallaltra parte e quindi unire i Bagni a villa Webb, anchessa adiacente. Tante idee che sembrano destinate a rimanere sulla carta, visto che il Comune ha deciso di vendere sia villa Ada che villa Webb.

IL BAGNO
Frequentato da filosofi ma oggi in abbandono

P.T. /


BAGNI DI LUCCA. Il Bagno alla Villa esiste fin dalla met del 1300, ma la forma attuale, con le torrette a cuspide, risale al XVII secolo. Molti, nella storia, utilizzarono le sue acque, che sgorgavano a una temperatura di 39 gradi. Ludovico Ariosto venne incaricato da Alfonso I di Ferrara a portargliene qualche carico.
Nellestate 1571 vi si cur il filosofo francese Michel De Montaigne che nel suo Giornale di viaggio in Italia descrisse nel dettaglio comerano fatti i Bagni, divisi in sala per le donne e per i maschi e un locale docce.
Tanto era famosa, lacqua veniva addirittura contraffatta finch nel 1787 fu emanato un regolamento, ma fu comunque esportata per tutto il XVIII secolo. Intorno al Bagno alla villa, poi, sorsero importanti palazzi nobiliari, tuttora esistenti, a partire dalla residenza reale. La decadenza che alla fine dell800 invest lintera zona termale determin labbandono anche del Bagno alla Villa che successivamente e fino a 40 anni fa venne usato come bagno pubblico. Ora il restauro, fermo, per, da anni.



news

24-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news