LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LA CULTURA NON VA USATA NELLA CACCIA AL CONSENSO
di RENZO ANDERLE
CORRIERE DEL TRENTINO 2 apr 2010 Trentino





Certamente un tempo questo Paese era la culla della cultura, almeno europea. Anche in momenti oggettivamente difficili, lItalia non ha mai abdicato alla rilevanza e alla centralit della cultura. Non si tratta di affermazioni estemporanee. Anche nei diversi ruoli, personalmente ricoperti dentro lamministrare pubblico, ho sempre colto il protagonismo della cultura quale motore propulsivo dello sviluppo delle comunit. Oggi per tutto sembra mutato e quelle sensibilit sembrano appannate. Avvolti in una sorta di neoreaganismo, a fosche tinte padane, i decisori delle comuni sorti nazionali hanno relegato la cultura a mero orpello.

Lhanno relegata, cio, a un atto dovuto pi che a un investimento vero. I tagli di bilancio degli ultimi anni ne sono una dimostrazione pi che sufficiente, seppur dettati dalle superiori ragioni della crisi economica in atto.
Schtzen La Provincia finanzia gli acquisti delle divise

Investire in cultura invece, a mio parere, un modo intelligente e lungimirante per reagire alla crisi stessa; per limitarne anche gli effetti; per favorire linnovazione e quindi lo sviluppo; per promuovere la responsabilit e, in definitiva, per far crescere la democrazia. Non si tratta di opinioni in libert, se perfino Vincenzo Cerami stigmatizzava lassenza di cultura della cultura. Al di l del gioco di parole, ci significa non essere consci che le attivit artistiche, letterarie, museali, di ricerca scientifica e di formazione sono le uniche fucine possibili dove forgiare la consapevolezza, la coscienza collettiva, i valori civili e la custodia dellidentit dei popoli e degli individui.

Rinunciare consapevolmente allinvestimento in cultura vuol dire rinunciare a un ruolo e a una funzione che questo Paese ha sempre rispettato e osservato nei secoli. Certo, forse ripagano pi, in termini di consenso, le esibizioni estemporanee del velinismo imperante, i gossip a buon mercato, linformazione dassalto e lesibizione delle crescenti nudit televisive. Ma ci non aiuta il Paese, anzi, lo impoverisce.

Il confronto con i dati di altri Stati europei ci fa impallidire. Tutto sembra, qui da noi, legato a ci che Keynes definiva lincubo del contabile, ovvero il pregiudizio secondo cui nulla ammissibile se non produce immediato ritorno economico, oltrech consistenti ricadute in termini di consenso diffuso.

Credo indispensabile che limpresa culturale debba sottostare alle regole del mercato e agli obblighi di ogni altra impresa. Deroghe pietistiche non sono ammissibili: i processi di riorganizzazione della produzione e del modo di produrre sono punti irrinunciabili. Eppure qui la questione unaltra e attiene la sfera della sopravvivenza stessa di un razionale sistema culturale nazionale. Senza credibili investimenti, la cultura muore o si riduce a una pura rappresentazione una tantum di s stessa. Non si tratta insomma di racimolare qua e l nel bilancio pubblico, quanto piuttosto di impostare serie politiche di settore, con scelte coraggiose e di ampia prospettiva.

Anche il Trentino, pur nella sua positiva diversit, non immune dal ragionamento. Se infatti tender a prevalere la scelta a favore di investimenti monodirezionali (celebrazioni, abbigliamento, eventi occasionali e altro), allora la cultura si ridurr a solo bacino potenziale di consenso politico, mentre ben altro devessere il suo scopo, che poi scopo formativo delle coscienze e degli uomini di domani.

Insistere sullepisodicit legata alle contingenze del momento significa pensare la cultura come uno strumento, anzich un fine. Ci non significa escludere le celebrazioni di singoli eventi, bens collocarle in un progetto culturale cui sia garantita continuit temporale, diffusione territoriale, ricchezza di proposte. Deve insomma contare la qualit, non il numero nel produrre cultura.

Viviamo in una regione di montagna e di confine. Questi sono i caratteri pregnanti della nostra identit e questi vanno valorizzati, senza calcare la mano su una anzich sullaltra. La cultura, insomma, va declinata sia nella dimensione territoriale come in quella del confronto e dellapertura a nuovi orizzonti nonch a moderne prospettive.


* Renzo Anderle, consigliere provinciale Unione per il Trentino



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news