LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - La Superba è nata in riva al Bisagno
MICHELA BOMPANI
SABATO, 03 APRILE 2010 la repubblica Genova


Folco Quilici: "A Brignole si riscrive la storia dell´intero Mediterraneo"


«È UNA scoperta di portata mondiale»: Folco Quilici, scrittore, documentarista, fotografo, usa poche efficaci parole - e le fa seguire da un lungo silenzio - per commentare la sensazionale scoperta degli archeologi della soprintendenza ligure. Trent´anni di scavi destinati a riscrivere la storia dell´intero Mediterraneo, e non solo.


Il torrente, all´epoca un fiume, era approdo naturale per le barche
Gli archeologi della Soprintendenza ligure riscrivono la preistoria: il primo nucleo della Superba fu alla Foce


Genova è nata sulla sponda destra del Bisagno: era un porto fluviale. È la clamorosa scoperta degli archeologi della Soprintendenza della Liguria, che dopo trent´anni di scavi stanno riscrivendo la storia (e la preistoria) della città: il nucleo più antico di Genova non è quello organizzato tra San Silvestro e la collina di Castello, ma nella zona tra piazza della Vittoria e piazza Brignole.

«Queste scoperte non solo rivoluzionano radicalmente le nostre conoscenze sull´archeologia a Genova, ma gli stessi capisaldi della storia più antica», dice Filippo Maria Gambari, soprintendente ai Beni archeologici della Liguria. E così si svela la vera origine, e il significato, finora mai spiegato con certezza, del nome "Genova".
«È la contaminazione etrusca di un nome più antico, celtico-ligure, Ghenaua - spiega Gambari - omologo a Ginevra, che significava "bocca", "imboccatura": perché la città è nata alla foce, o bocca, del Bisagno. La marineria antica aveva bisogno di tirare in secco le barche, per questo è importante il porto fluviale, così come lo erano fin dalla preistoria Pisa e Roma.

«La foce del Bisagno era ritratta rispetto alla linea di costa di oggi e, in piazza della Vittoria, si allargava in un´ansa - racconta Piera Melli, archeologo della Soprintendenza che ha presentato la scoperta, con il collega Marco Firpo, a un convegno internazionale - quello che noi chiamiamo "porto antico" era battuto dal Libeccio che non lasciava scampo alle navi dell´epoca, mentre le imbarcazioni trovavano un sicuro riparo inoltrandosi tra la collina di Carignano e quella di Albaro e accostando nell´ansa, alla foce del fiume». Ecco spiegato il ritrovamento di una palafitta, risalente al periodo tra il 4790 e il 4460 a. C., proprio in piazza della Vittoria. «Ecco spiegato il muro lungo dieci metri e largo due che risale all´antica età del Bronzo in piazza Brignole: il muro a secco più antico scoperto in Liguria - aggiunge Gambari - era il muro di contenimento di una strada. Un´opera collegata a un grosso villaggio, con i primi indizi risalenti al neolitico, ma stabilizzatosi nell´antica età del Bronzo: si estende sotto i binari della ferrovia. Ci chiedevamo perché fosse nato un centro così importante dalla parte opposta della città. Poi abbiamo capito: qui è nata Genova».
Gli indizi si sono accumulati nel tempo, ma è solo con l´organizzazione della mostra Archeologia metropolitana, ancora in corso al museo archeologico di Pegli, che la scoperta è emersa. Grazie alle campagne archeologiche condotte durante i lavori di scavo in città: dalla costruzione del parcheggio di piazza della Vittoria, alle perforazioni per la metropolitana.
Anche la necropoli principesca della prima età del Ferro, con la tomba gentilizia a tumulo, scoperta all´Acquasola, acquista nuova luce: «Il sepolcreto era collegato al villaggio e all´approdo sul Bisagno», suggerisce Melli. Ma fino a quando funzionò il porto "antichissimo" sul Bisagno? «Dalla preistoria all´alto Medioevo - indica Melli - probabilmente sovrapponendosi, per un certo tempo, alla nascita del porto "classico" di Genova».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news